Quanto prende una persona invalida al 77 per cento

Tutele, agevolazioni e prestazioni economiche: cosa spetta a una persona con invalidità al 77 per cento e quanto può arrivare a prendere.
 - 
21/08/2023

Se mi è stata riconosciuta una percentuale di invalidità del 77 per cento ho diritto a una pensione? Ci sono delle agevolazioni fiscali o sanitarie previste? Cosa spetta a una persona con invalidità al 77 per cento? (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e ricevi con WhatsAppTelegram e Facebook tutti gli approfondimenti su invalidità, diritti e Legge 104.

Cosa spetta a una persona con invalidità al 77 per cento: la tabella

Ti mostriamo subito una tabella che riassume cosa spetta a una persona con invalidità al 77 per cento, per poi andare a vedere nel dettaglio ogni singola prestazione economica e agevolazione. Ecco la tabella:

Tipologia dell’agevolazione o della prestazione economicaCaratteristiche/requisiti principali dell’agevolazione o della prestazione economica
Assegno ordinario di invalidità– Riconosciuto se si è invalidi al 75 per cento e si possiede un’invalidità pensionabile superiore ai 2/3
Requisiti: almeno 5 anni di contributi, di cui 3 versati nell’ultimo quinquennio
– Età pari o superiore a 67 anni
– Calcolato allo stesso modo della pensione
– Cumulabile con i redditi di lavoro
Pensione di invalidità civile– Riconosciuta agli invalidi con un’invalidità civile superiore al 74 per cento
– Requisiti: età anagrafica compresa tra 18 e 67 anni; disoccupazione; entrate derivanti dall’attività lavorativa inferiori a 5.391,88 euro annui
– Importo: 313,91 euro erogati dall’INPS
– Non richiede il pagamento di contributi minimi
Prepensionamento– Accreditati 2 mesi di contributi figurativi ogni 12 mesi lavorati, fino a un massimo di 5 anni
– Spetta a partire dalla data di riconoscimento dell’invalidità al 75 per cento o superiore
Ape sociale per persone invalide– Assegno che accompagna il lavoratore dai 63 anni di età fino al perfezionamento del requisito della pensione di vecchiaia
– Requisiti: invalidità superiore al 75 per cento; minimo di 30 anni di contributi
– Sconto di un anno di contributi per ogni figlio per le donne
– Importo calcolato allo stesso modo della futura pensione, ma non superiore a 1.500 euro mensili
Pensione anticipata per lavoratori precoci– Riconosciuta agli invalidi con un’invalidità superiore al 74 per cento
– Requisiti: 41 anni di contributi (più tre mesi di finestra nel 2019); appartenenza alle categorie tutelate di lavoratori con accesso all’Ape sociale; svolgimento di un lavoro usurante; iscrizione alla previdenza obbligatoria prima del 1996 e almeno 12 mesi di contributi da effettivo lavoro prima del 19° anno di età
– Incompatibile con i sussidi di disoccupazione e qualsiasi pensione diretta
Ausili e protesi gratuiti– Diritto a protesi e ausili relativi all’infermità o menomazione riconosciuta nel verbale di accertamento della Commissione medica
– Non è un aiuto in denaro, ma un supporto che aiuta a risparmiare
– Requisiti: riduzione della capacità lavorativa pari almeno a un terzo (33,33 per cento)
Esenzione dal pagamento del ticket sanitario– Esenzione sulle prestazioni specialistiche e di diagnosi strumentale
– Agevolazione per il pagamento dei medicinali prescritti con ricetta medica
Collocamento mirato per le categorie protette– Possibilità di usufruire del collocamento mirato previsto dalla Legge 68/99 per le categorie protette
– Requisiti: invalidità superiore al 45 per cento; invalidità del lavoro con grado superiore al 33 per cento; cecità, sordomutismo, diritto all’assegno di invalidità civile, invalidità di guerra o per servizio con minorazioni ascritte dalla 1° all’8° categoria
Quote di riserva– Gli invalidi con invalidità civile superiore al 60 per cento possono essere inclusi nelle quote di riserva delle aziende
– Percentuali di lavoratori disabili da occupare: 7 per cento se oltre 50 dipendenti; 2 lavoratori se da 36 a 50 dipendenti; 1 lavoratore se da 15 a 35 dipendenti
Priorità della scelta della sede– Dipendenti pubblici con invalidità civile pari o superiore al 75 per cento hanno diritto di scelta prioritaria tra le sedi disponibili per agevolare gli spostamenti casa-lavoro
Congedo per cure– Fruizione di un congedo per cure relative all’infermità o menomazione, per un periodo non superiore a 30 giorni all’anno
– Congedo retribuito che non rientra nel periodo massimo di conservazione del posto
Contrassegno invalidi– Diritto al contrassegno invalidi per usufruire degli appositi parcheggi – Dipende dalla valutazione della Commissione medica in base alla tipologia di menomazione
Tabella con le prestazioni e le agevolazioni previste con invalidità al 77 per cento

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Chi è riconosciuto invalido civile al 77 per cento

Prima di vedere nel dettaglio cosa spetta a una persona con invalidità al 79 per cento, chiariamo su che base viene accertata questa condizione sanitaria.

Sei riconosciuto invalido civile al 77 per cento se presenti una riduzione della capacità lavorativa generica, derivante da un’infermità o da una menomazione, pari a ¾.

In sostanza, l’invalido civile al 79% ha una capacità di lavoro generica residua in misura pari a ¼.

Se sei in età pensionabile, oppure l’invalido è un minorenne, per valutare l’invalidità non ci si riferisce alla capacità lavorativa, ma a quella di svolgere i compiti e le funzioni proprie dell’età.

Con il riconoscimento di un’invalidità al 77 per cento non hai sempre e comunque diritto a un sussidio economico (assegno, pensione o simili), ma a tutta una serie di agevolazioni e, solo in alcuni casi, ad aiuti previdenziali o assistenziali economici, ovvero in presenza di alcuni requisiti contributivi e reddituali.

A questo punto vediamo tutto quello a cui hai o puoi aver diritto con questa percentuale di invalidità.

Le prestazioni economiche

L’Assegno ordinario di invalidità

Se sei invalido al 77 per cento e risulti in possesso di invalidità pensionabile in misura superiore ai 2/3, hai diritto all’Assegno ordinario di invalidità (Aoi), ma solo se:

hai versato almeno 5 anni di contributi, di cui 3 versati nell’ultimo quinquennio;

hai un’età pari o superiore a 67 anni.

L’Aoi è calcolato allo stesso modo della pensione e spetta a tutti i lavoratori iscritti presso l’Assicurazione generali obbligatoria dell’Inps e a determinati fondi.

Infine, l’AOI è cumulabile limitatamente con i redditi di lavoro.

Ecco cosa significa Assegno ordinario di invalidità, quali sono i requisiti, la procedura per poterlo richiedere e gli importi 2023.

La pensione di invalidità civile

In quanto invalido con un’invalidità civile superiore al 74 per cento, hai diritto alla pensione di invalidità civile.

Per ottenere la pensione di invalidità civile, però devi:

  • avere un’età anagrafica compresa tra i 18 e i 67 anni;
  • risultare disoccupato, anche parzialmente, purché le tue entrate derivanti dall’attività lavorativa non determino il superamento di un reddito il cui limite è stabilito a 5.391,88 euro annui.

L’importo della pensione di invalidità, erogata dall’INPS, è di 313,91 euro. Questo trattamento assistenziale, diversamente dall’AOI, non richiede il pagamento di un minimo di contributi.

Vediamo cosa succede alla pensione di invalidità civile dopo 65 anni, ovvero se può essere ancora percepita o se si trasforma in un altro tipo di trattamento.

In questo articolo, invece, spieghiamo nel dettaglio cosa spetta a una persona con invalidità all’80 per cento.

Il prepensionamento

La maggiorazione contributiva

Se hai questa percentuale di invalidità, hai inoltre diritto a dei benefici per la pensione e per le prestazioni previdenziali erogate dall’INPS.

Nel dettaglio, si tratta della possibilità di avere accreditati 2 mesi di contributi figurativi ogni 12 mesi lavorati, fino a un massimo di 5 anni.

La maggiorazione contributiva spetta a partire dalla data di riconoscimento dell’invalidità in misura pari o superiore al 75 per cento.

Maggiorazione contributiva invalidità civile: cos’è, come funziona e quando spetta questo beneficio? Ecco quando e come fare domanda.

L’Ape sociale per persone invalide

Un altro beneficio al quale puoi accedere con il tuo grado di invalidità è l’Ape sociale.

Si tratta di un assegno che accompagna il lavoratore dai 63 anni di età fino al perfezionamento del requisito della pensione di vecchiaia, ovvero fino a 67 anni.

Viene infatti chiamata anche anticipo pensionistico a carico dello Stato ed è calcolata allo stesso modo della futura pensione, ma non può superare i 1.500 euro mensili.

Se quindi hai un’invalidità al 77 per cento puoi raggiungere la prestazione con un minimo di 30 anni di contributi.

Se sei una donna, poi, hai diritto a uno sconto di un anno di contributi per ogni figlio, fino a un massimo di 2 anni, quindi puoi accede all’Ape sociale con 28 o 29 anni di contributi.

Per ottenere l’Ape sociale dovrai cessare l’attività lavorativa. Successivamente, potrai tornare a lavorare, ma non dovrai superare un reddito annuo di 8.000 euro se sarai reimpiegato come dipendente o parasubordinato, o di 4.800 euro se sarai un lavoratore autonomo.

In alcuni casi è possibile passare da Assegno ordinario ad Ape sociale. Vediamo in quali casi è possibile e qual è la procedura da seguire.

La pensione anticipata per lavoratori precoci o Quota 41

Con un’invalidità superiore al 74 per cento hai anche diritto alla pensione anticipata per i lavoratori precoci, ma solo se:

  • hai versato 41 anni di contributi;
  • appartieni alle stesse categorie tutelate di lavoratori che hanno accesso all’Ape sociale;
  • sei iscritto alla previdenza obbligatoria da prima del 1996 e possiedi almeno 12 mesi di contributi da effettivo lavoro prima del compimento del 19° anno di età.

La pensione anticipata lavoratori precoci è incompatibile con i sussidi di disoccupazione e con qualsiasi pensione diretta.

Ecco nel dettaglio a chi spetta, con quali requisiti e quando presentare domanda per pensione invalidi con 41 anni di contributi.

Agevolazioni sanitarie

Ausili e protesi gratuiti

Con un’invalidità al 77 per cento hai diritto a protesi e ausili relativi all’infermità o alla menomazione riconosciuta nel verbale di accertamento della Commissione medica.

Non si tratta di un aiuto in denaro, che come ti abbiamo detto non è sempre previsto con la tua percentuale di invalidità, ma di un supporto che, comunque, ti aiuta a risparmiare.

Per ottenere il diritto a protesi e ausili, ti deve essere stata certificata una riduzione della capacità lavorativa in misura almeno pari a un terzo (cioè al 33,33 per cento).

In questo approfondimento ti spieghiamo chi paga protesi e ausili, in quali casi devi integrare la spesa e come puoi fare per richiederli.

In questo articolo invece parliamo di quanto prende una persona invalida al 90 per cento

Esenzione dal pagamento del ticket sanitario

Con un’invalidità pari o superiore al 75 per cento hai anche diritto all’esenzione del ticket sanitario sulle prestazioni specialistiche e di diagnosi strumentale. In questo articolo ti spieghiamo anche quando scade il ticket sanitario.

Puoi inoltre fruire di un’agevolazione per il pagamento dei medicinali prescritti con ricetta medica.

Ti mostriamo la tabella esenzioni ticket per invalidità, come avere il riconoscimento dell’esenzione e a quali prestazioni hai diritto.

Tutele per l’inserimento nel mondo del lavoro

Il collocamento mirato per le categorie protette

Se sei invalido al 77 per cento per cento, già con il riconoscimento di una percentuale di invalidità al 46% hai la possibilità di usufruire del collocamento mirato previsto dalla Legge 68/99.

Sia per la tua e sia per altre categorie di disabili e invalidi, infatti, la legge offre la possibilità di accedere ai servizi di sostegno e di collocamento dedicati ai disabili.

Nel dettaglio, puoi iscriverti alle categorie protette se:

  • sei in età da lavoro, presenti minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e sei in possesso di invalidità (riduzione della capacità lavorativa) superiore al 45 per cento;
  • sei sordo, ovvero colpito da sordità sin dalla nascita o prima dell’apprendimento della parola;
  • hai acquisito il diritto dell’assegno di invalidità civile e l’INPS ha accertato una riduzione permanente a meno di 1/3 della capacità lavorativa;
  • sei invalido di guerra, invalido civile di guerra o invalido per servizio con minorazioni ascritte dalla 1° all’8° categoria.

In questo approfondimento vediamo come iscriversi al Centro per l’impiego per le categorie protette e usufruire delle agevolazioni per l’ingresso nel mondo del lavoro.

Le quote di riserva

Gli invalidi in misura pari o superiore al 75 per cento, in quanto lavoratori con invalidità civile riconosciuta superiore al 60 per cento, possono essere inoltre compresi nelle quote di riserva dell’azienda.

Ogni azienda, infatti, è tenuta ad avere alle sue dipendenze lavoratori disabili nella seguente misura:

  • se occupano oltre 50 dipendenti, la quota di riserva deve essere pari al 7% dei lavoratori occupati;
  • se occupano da 36 a 50 dipendenti, la quota è pari a 2 lavoratori;
  • da 15 a 35 dipendenti, è sufficiente 1 lavoratore.

Le aziende, in ogni caso, possono contare nella quota di riserva i lavoratori:

  • che diventano disabili successivamente all’assunzione;
  • che, nonostante siano già disabili al momento dell’assunzione, non siano stati avviati attraverso il collocamento obbligatorio; in questo caso, devono possedere una riduzione della capacità lavorativa:

Per essere considerato disabile all’interno della quota di riserva, l’azienda dovrà presentare una richiesta di inserimento di persona con disabilità nella quota d’obbligo.

In questo articolo vediamo quali sono i criteri per calcolare la quota di riserva.

Cosa spetta con un'invalidità al 77 per cento
Cosa spetta con un’invalidità al 77 per cento. Nella foto: il numero 77

Agevolazioni lavorative

Priorità della scelta della sede

Se sei un dipendente pubblico, con un’invalidità civile al 77 per cento hai anche diritto di scelta prioritaria tra le sedi disponibili.

Ciò vuol dire che puoi scegliere la sede più vicina al tuo domicilio, in modo da agevolarti negli spostamenti casa/lavoro.

Colloquio di lavoro e invalidità: è consigliato rivelare la propria disabilità e quali documenti portare al colloquio? Scopri tutto in questo articolo.

Congedo per cure

Con un’invalidità al 77 per cento hai anche diritto alla fruizione di un congedo per cure relative alla tua infermità o menomazione, per un periodo non superiore a 30 giorni l’anno.

Si tratta di un congedo retribuito, così come le assenze per malattia, ma non rientra nel periodo massimo di conservazione del posto, quindi non determina il superamento del comporto.

Ti ricordiamo, inoltre, che il congedo è a carico dell’azienda, quindi devi sempre verificare se all’interno del contratto collettivo di riferimento viene data la possibilità di ottenere queste assenze per invalidità.

Congedo per cure invalidi civili: come funziona il periodo di assenza di 30 giorni dal lavoro, quali sono i criteri, come e a chi si presenta la domanda, qual è la retribuzione prevista e la documentazione necessaria.

Altre agevolazioni

Il contrassegno invalidi

Indipendentemente dalla percentuale di invalidità riconosciuta, la Commissione medica può indicare sul verbale il diritto al contrassegno invalidi, per usufruire degli appositi parcheggi.

Il contrassegno invalidi ti verrà rilasciato dal tuo comune di residenza. Tuttavia, il diritto a ottenerlo dipende dalla tipologia di menomazione che possiedi, per cui è vero che la Commissione medica decide se assegnarti questo diritto, ma è anche vero che, per farlo, deve prima valutare la tua menomazione.

Ad esempio, se hai una riduzione della deambulazione degli arti inferiori, puoi ottenere il contrassegno invalidi, soprattutto se hai necessità di spostarti con la sedia a rotelle.

Contrassegno invalidi: guida a parcheggio e circolazione. Cosa si può fare e cosa è vietato? Scoprilo in questo approfondimento.

Come richiedere le prestazioni economiche

Se hai tutti i requisiti amministrativi e di reddito previsti dalla legge, per richiedere tutte le prestazioni di assistenza per invalidi civili, dovrai compilare e inviare all’INPS il Modello AP70 contenente i dati socioeconomici necessari per la concessione delle prestazioni.

Il modello va compilato direttamente online oppure puoi farti aiutare da un Caf o da un patronato.

Ecco cosa spetta a una persona con invalidità al 77 per cento, quanto può arrivare a prendere, su cosa può risparmiare e come viene tutelata.

FAQ (domande e risposte)

Posso guidare la macchina con l’invalidità al 77 per cento?

L’invalidità al 77 per cento non ti impedisce di guidare la macchina. L’invalidità, in sé, non è un fattore determinante per la guida. Tuttavia, è importante considerare il tuo stato di salute e le tue capacità fisiche per assicurarti di essere in grado di guidare in modo sicuro. Se hai dubbi sulla tua idoneità a guidare, è consigliabile consultare il tuo medico o un esperto nel settore della guida per valutare la tua situazione specifica.

Ho diritto all’esenzione dal bollo auto con invalidità al 77 per cento?

Sì, hai diritto all’esenzione dal pagamento del bollo auto se sei riconosciuto con un’invalidità al 77 per cento. L’esenzione dal bollo auto è un beneficio previsto per le persone con disabilità che presentano determinati requisiti. Per ottenere questa agevolazione, è necessario presentare la documentazione adeguata presso gli uffici competenti (ACI o Agenzia delle Entrate). Assicurati di informarti presso il tuo ufficio provinciale o regionale competente per conoscere le procedure specifiche e i documenti richiesti per richiedere l’esenzione dal bollo auto.

Ho diritto all’incremento al milione con l’invalidità parziale al 77 per cento?

No, l’invalidità parziale al 77 per cento non dà diritto all’incremento al milione. L’incremento al milione è un beneficio previsto per coloro che presentano un’invalidità grave e che richiedono assistenza continua e significativa nella vita quotidiana. L’invalidità parziale al 77 per cento indica che hai delle limitazioni, ma non raggiungi i requisiti necessari per ottenere l’incremento al milione.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Legge 104 ed esenzione per tasse e tributi: guida

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1