Legge 104 e accompagnamento: differenze e agevolazioni

Ci sono delle differenze fra Legge 104 e accompagnamento che danno accesso a diritti e agevolazioni differenti. In questo approfondimento vediamo quali sono e in quali casi puoi ottenere l'una, l'atro o entrambi.
 - 
01/02/2023

Quali sono le differenze fra Legge 104 e accompagnamento? Le due misure vanno sempre di pari passo o è necessario avere dei requisiti diversi per ottenerle? (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Qualcuno crede che Legge 104 e accompagnamento siano la stessa cosa. Altri, che la Legge 104 dia automaticamente diritto all’accompagnamento o viceversa.

In realtà non è così, perché ci sono delle differenze fra Legge 104 e accompagnamento, e queste differenze danno accesso a diritti, prestazioni e agevolazioni differenti. Vediamo quali sono.

Indice

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa alle agevolazioni su auto e sussidi della Legge 104. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa all'Indennità di Accompagnamento. Il supersconto del 20% è valido fino al 10 maggio! Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Quali sono le differenze fra Legge 104 e accompagnamento?

Le differenze fra Legge 104 e l’accompagnamento sono date sostanzialmente dalla diversa valutazione della condizione sanitaria.

La Legge 104/1992, infatti, viene concessa in caso di riconoscimento dell’handicap, mentre l’accompagnamento è previsto nei casi di riconoscimento di invalidità totale e permanente (invalidità al 100%).

L’handicap fa riferimento allo svantaggio sociale che vive una persona disabile, derivante da una minorazione fisica o sensoriale, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa.

L’handicap e le relative agevolazioni possono essere riconosciuti anche ai minori di 18 anni.

Puoi avere un’invalidità al 50% ed essere riconosciuto portatore handicap e quindi titolare di Legge 104, come puoi avere un’invalidità al 100%, ottenere la 104 ma non aver diritto all’accompagnamento, e capirai tra poco perché.

L’invalidità si riferisce alla riduzione della capacità lavorativa, derivante da una menomazione. La capacità lavorativa e quindi l’invalidità vengono prese in considerazione a partire dai 18 anni e fino ai 67 anni (inizio dell’età lavorativa e limite di età per il pensionamento).

L’accompagnamento però può essere riconosciuto anche ai minori di 18 anni e a chi ha più di 67 anni, ma in questo caso verrà valutata la capacità di svolgere compiti e funzioni proprie dell’età (non auto sufficienza).

Quindi: se sei invalido al 100% e titolare di 104, senza la condizione di non autosufficienza non potrai ottenere l’accompagnamento.

Andiamo adesso a vedere quali differenze ci sono fra Legge 104 e accompagnamento in termini di benefici economici.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Quali differenze fra Legge 104 e accompagnamento in termini di benefici economici?

Abbiamo visto quali sono le differenze fra Legge 104 e accompagnamento dal punto di vista della valutazione della condizione sanitaria. Vediamo adesso cosa comporta questa differenza in termini di benefici economici e agevolazioni.

La differenza sostanziale tra le due misure, infatti, si fa ancora più evidente considerando i benefici economici che possono essere richiesti.

Come abbiamo detto, per l’invalidità civile viene considerata la riduzione della capacità lavorativa o la quotidianità della persona.

Per questo motivo, la legge ha previsto per gli invalidi civili totali, ovvero con una invalidità pari al 100%, il diritto all’indennità di accompagnamento, ovvero di un assegno mensile che, per il 2023, ha un importo di 527,16 euro mensili (12 mensilità).

Per chi ha i requisiti per richiedere la Legge 104, invece, non è previsto un vantaggio economico, ma assistenziale. Si tratta cioè di misure volte a garantire la giusta assistenza al portatore di handicap.

Un esempio di queste misure sono i permessi 104 (assenze dal lavoro retribuiti), che possono essere richiesti anche dal familiare che assiste il portatore di handicap.

La legge 104, inoltre, garantisce anche altre agevolazioni come Iva agevolata al 4% e detrazione IRPEF al 19% per l’acquisto e l’adattamento di auto per disabili, sussidi, materiale editoriale e apparecchi elettronici che possano supportare la persona disabile

Ovviamente, i portatori di handicap che non lavorano e hanno un reddito che rientra nei limiti di legge, possono accedere anche ad altre prestazioni economiche se è stata riconosciuta un’invalidità superiore al 74%, come ad esempio la pensione di invalidità.

Ma cosa succede se, oltre alla condizione di handicap, viene anche riconosciuta l’invalidità totale?

Come ti abbiamo accennato, anche i minori hanno diritto all’accompagnamento per bambini con disabilità. Scopri nel dettaglio quali sono i requisiti e il processo da seguire per ottenere tale beneficio.

In questa guida, invece, ti mostriamo tutte le agevolazioni che puoi ottenere con la Legge 104.

Nel 2023 l’accompagnamento subirà dei cambiamenti: nel video sotto viene spiegato cosa cambierà per l’indennità:

Differenze fra Legge 104 e accompagnamento: cosa succede se si è portatori di handicap e invalidi totali?

Le differenze fra Legge 104 e accompagnamento, e quindi la distanza tra le due misure, si annullano nel caso in cui vi sia il riconoscimento sia dell’handicap che dell’invalidità totale al 100% e della non autosufficienza.

Attenzione: essere invalidi totali al 100% non basta a ricevere l’accompagnamento, perché è necessario che vi sia una condizione di non autosufficienza, ovvero di impossibilità a deambulare da soli o a compiere gli atti della vita quotidiana senza assistenza: ne abbiamo parlato in maniera approfondita in questo articolo.

Se ci sono entrambi i requisiti (handicap e non autosufficienza) puoi ottenere nello stesso tempo le agevolazioni Legge 104 e l’indennità di accompagnamento.

Insieme all’accompagnamento e alla Legge 104, inoltre, puoi ottenere anche altri tipi di prestazioni compatibili con l’accompagnamento, ovvero:

Inoltre, se sei portatore di handicap grave con legge 104 e accompagnamento, puoi continuare a svolgere attività lavorativa, salvo nei casi in cui sia stata dichiarata un’inabilità permanente e assoluta a svolgere qualsiasi attività lavorativa.

Leggi anche cosa prevede la Legge 104 e assistenza domiciliare: cos’è, a chi è rivolta e come richiederla.

Differenze fra legge 104 e accompagnamento
Legge 104 e accompagnamento: differenze e agevolazioni. Nella foto: una donna con la sua caregiver

Differenze fra Legge 104 e accompagnamento: quali sono le procedure per richiedere il riconoscimento dell’handicap o dell’invalidità?

Nonostante ci siano delle differenze fra Legge 104 e accompagnamento, la procedura per richiedere entrambe le misure è la stessa, nel senso che bisogna presentare una domanda dall’INPS e sottoporsi a una vista da parte della Commissione Medica dell’ASL.

Ovviamente, nel momento in cui presenti la domanda devi specificare se stai richiedendo, oltre alla valutazione dell’invalidità, anche quella della condizione di handicap.

In questo articolo ti spieghiamo come fare domanda per l’accompagnamento. Qui, invece, parliamo della domanda per la Legge 104.

E se volessi chiedere, nello stesso tempo, l’accompagnamento e la Legge 104?

Differenze fra Legge 104 e accompagnamento: posso richiedere nello stesso tempo la Legge 104 e l’indennità di accompagnamento?

Abbiamo visto che ci sono delle differenze fra Legge 104 e accompagnamento, ma anche che, se ci sono nello stesso tempo una situazione di non autosufficienza e di handicap, puoi ottenere le agevolazioni della Legge 104 e l’indennità di accompagnamento.

In questo caso, puoi presentare un’unica domanda di accertamento sanitario, indicando che vuoi sottoporti a visita sia per la valutazione dell’handicap che dell’invalidità ai fini dell’accompagnamento.

Durante la visita, la Commissione Medica valuterà la tua condizione sanitaria e, se ci sono tutti i requisiti, riporterà sul verbale la dicitura relativa alla presenza dell’handicap (per vedere quali sono le diciture che possono essere presenti nel verbale di handicap leggi questo articolo) e la condizione di non autosufficienza.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.