Due bonus 150 euro con accompagnamento? Chi li avrà

Due Bonus 150 euro con accompagnamento: a chi spetta? I titolari dell'indennità sono esclusi dall'elenco dei beneficiari, però...
 - 
09/10/2022

Due bonus 150 euro con accompagnamento? Chi li avrà? Facciamo chiarezza con questo approfondimento (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Indice

Bonus 150 euro: a chi spetta?

Con il Decreto Aiuti ter è stato introdotto il Bonus 150 euro, il sussidio una tantum che spetta a lavoratori dipendenti, autonomi, pensionati, disoccupati e percettori del reddito di cittadinanza, a patto che vengano rispettati i requisiti previsti dalla legge.

In questa tabella possiamo verificare chi potrà beneficiare del Bonus 150 euro e grazie a quali requisiti:

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

BENEFICIARI BONUS 150 EUROREQUISITI
Chi percepisce:
pensioni
assegno sociale
prestazioni economiche per invalidi civili, ciechi e sordomuti
trattamenti di accompagnamento alla pensione
Trattamenti con decorrenza entro il 1° ottobre 2022 e un reddito non superiore a 20mila euro nel 2021
Lavoratori dipendentiRetribuzione imponibile inferiore a 1.538 euro lordi per la competenza di novembre 2022
Lavoratori domestici come colf e badantiAver ricevuto bonus 200 euro del DL n. 50/2022 e avere un rapporto di lavoro attivo nel momento in cui è entrato in vigore il Decreto Aiuti ter (24 settembre 2022)
DisoccupatiAver ricevuto la Naspi o la Dis-Coll a novembre 2022
Titolari di disoccupazione agricolaAver ricevuto la disoccupazione nel 2022 per importi di competenza 2021
Titolari di rapporti di lavoro co.co.co., dottorandi e assegnisti di ricerca (a domanda)Iscrizione alla Gestione Separata, con contratti attivi al 18 maggio e reddito non superiore a 20mila euro riferito al 2021
Lavoratori stagionali, dello spettacolo e dello sportAver beneficiato delle indennità del DL n. 41/2022
Stagionali a tempo determinato e intermittentiAvere svolto almeno 50 giornate lavorative nel 2021 producendo un reddito non superiore a 20mila euro
Lavoratori dello spettacoloAver versato alla cassa di riferimento almeno 50 contributi giornalieri nel 2021, producendo un reddito non superiore a 20mila euro  
Lavoratori autonomi sprovvisti di partita IvaSottoscrizione dei contratti di lavoro autonomo occasionale nel 2021 con almeno un contributo mensile accreditato – Iscrizione alla Gestione Separata
Lavoratori incaricati delle vendite a domicilioAvere una partita iva attiva, iscrizione alla Gestione Separata e reddito da medesime attività superiore a 5mila euro
Famiglie beneficiarie del reddito di cittadinanzaNon aver diritto al bonus 150 euro per altre ragioni. Se in famiglia ci sono pensionati o lavoratori dipendenti che ne hanno già diritto.
Bonus 150 euro: beneficiari e requisiti

Il Bonus 150 euro verrà erogato, senza domanda, ai pensionati, integrato nel cedolino di novembre. I lavoratori dipendenti dovranno presentare la solita autocertificazione, come già accaduto in estate con il Bonus 200 euro e, per questo motivo, i tempi di erogazione potrebbero dilatarsi (dicembre?).

Acquista la nostra Guida Completa all'Indennità di Accompagnamento. Il supersconto del 20% è valido fino al 10 maggio! Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Ma mentre si aspetta l’arrivo del Bonus 150 euro, secondo indiscrezioni sarebbe pronto un ulteriore Bonus dello stesso valore, che verrà introdotto dal Decreto Aiuti quater.

Ecco perché si parla di due Bonus 150 euro. Ma quindi avremo due Bonus 150 euro per i titolari dell’indennità di accompagnamento? Ne parliamo nei prossimi paragrafi.

Per avere una panoramica completa sul bonus 150 euro, eccoti i nostri articoli su invaliditaediritt.it e su TheWam.net:

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Due Bonus 150 euro con accompagnamento? Facciamo chiarezza

Abbiamo visto che a novembre inizieranno le erogazioni del Bonus 150 euro, mentre un altro sussidio dello stesso valore potrebbe essere introdotto dal Decreto Aiuti quater, tra dicembre e l’inizio del 2023. Si parla, dunque, di due Bonus 150 euro ipotetici (uno è certo, l’altro probabile).

Nella tabella in apertura di articolo, però, avrete notato che nell’elenco dei beneficiari del Bonus 150 euro (è stato lo stesso per il Bonus 200 euro) mancano i titolari dell’indennità di accompagnamento.

Tra i beneficiari ci sono i titolari di prestazioni assistenziali, come quelle per invalidità civile, ma non c’è traccia, dunque, dei titolari di indennità di accompagnamento, esclusi sia dall’elenco dei beneficiari del Bonus 200 euro, sia dalla lista di chi riceverà il Bonus 150 euro.

Se i parametri dovessero rimanere invariati, anche il prossimo Bonus 150 euro potrebbe non essere erogato alle persone invalide non autosufficienti, alle quali è stato riconosciuto l’accompagnamento.

C’è, però, un’eccezione. Anche a chi prende l’indennità di accompagnamento vedrà erogarsi il Bonus 150 euro. Ne parleremo nei prossimi paragrafi.

Due Bonus 150 euro
Due Bonus 150 euro con accompagnamento: a chi spetta?

Bonus 150 euro anche a chi prende l’accompagnamento

Abbiamo visto che i titolari dell’indennità di accompagnamento non hanno ricevuto il Bonus 200 euro e non riceveranno neppure il Bonus 150, poiché la loro prestazione assistenziale è esclusa dall’elenco dei beneficiari.

Attenzione, però: c’è chi, pur ricevendo l’indennità di accompagnamento, può richiedere e ottenere il Bonus 150. Parliamo dei lavoratori invalidi totali, non autosufficienti.

L’indennità di accompagnamento, infatti, è compatibile con lo svolgimento di un’attività lavorativa. A questo punto, la persona invalida con accompagnamento può vedersi erogare il Bonus 150 euro in qualità di lavoratore (dipendente o autonomo).

Può ottenerlo, accreditato in busta paga, se nel mese di novembre 2022 ha guadagnato meno di 1.538 euro lordi di retribuzione. Se dovesse arrivare un altro Bonus 150 euro con il Decreto Aiuti quater, allora potrà beneficiare di due Bonus 150 euro.

In ogni caso, vi consigliamo di attendere l’ufficialità con tutti i requisiti che l’INPS, con apposito messaggio, comunicherà appena possibile.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.