Bonus 150 euro ai disabili: ecco la circolare dell’INPS

Bonus 150 euro ai disabili: l'Inps ha pubblicato la circolare attuativa con l’elenco delle prestazioni beneficiare e i tempi di pagamento.
 - 
17/11/2022

Quali sono le prestazioni che hanno diritto al bonus 150 euro ai disabili? Perché, nonostante l’Inps abbia dichiarato che ha provveduto al pagamento del bonus sulle pensioni di novembre 2022, non lo hai ricevuto? (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

L’Inps ha pubblicato una circolare attuativa che elenca le prestazioni assistenziali beneficiarie del bonus 150 euro ai disabili e indica i tempi di erogazione dell’indennità, previsti per novembre 2022. Vediamo cosa dice la circolare e cosa puoi fare se hai i requisiti ma il bonus non ti è stato erogato.

Indice

Bonus 150 euro ai disabili: la circolare attuativa dell’Inps

Sulle prestazioni previdenziali e assistenziali di novembre 2022 è stato erogato il bonus 150 euro ai disabili e molti utenti ci hanno segnalato di non vederlo.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

In un nostro articolo, avevamo spiegato i probabili motivi per cui il bonus non era presente, dando anche qualche consiglio su come fare per ottenerlo, nel caso in cui ci fossero tutti i requisiti. Lo ricordiamo tra poco, quindi continua a leggere fino alla fine.

L’Inps, nella circolare n. 127 del 16 novembre 2022, ha confermato che il bonus 150 euro ai disabili è erogato d’ufficio alle prestazioni pensionistiche beneficiarieunitamente alla rata di pensione di novembre 2022”, che l’Istituto ha iniziato a pagare da martedì 1° novembre a mercoledì 9.

Quindi, a tutti coloro che ancora ci chiedono perché non è stato erogato il bonus 150 euro ai disabili, rispondiamo che probabilmente non ne avevano diritto.

Ricordiamo nei prossimi paragrafi i requisiti per ottenere quella che dovrebbe essere, stando alle ultime dichiarazioni del Presidente Giorgia Meloni, l’ultima indennità una tantum erogata dal governo.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Bonus 150 euro ai disabili: i requisiti

La circolare attuativa dell’Inps sul bonus 150 euro ai disabili conferma le prestazioni beneficiari dell’indennità e quelle escluse.

Per quanto riguarda i trattamenti assistenziali, il bonus 150 euro è stato erogato su:

Sono invece stati esclusi i percettori di:

Requisito primario per ottenere il bonus 150 euro disabili, ricordiamolo, è quello di non aver superato un reddito di 20mila euro per l’anno 2021.

Se non sei titolare di una delle prestazioni beneficiarie o il tuo reddito supera i 20mila euro per l’anno 2021, non hai diritto al bonus: ecco perché probabilmente non è stato erogato sul pagamento della prestazione di novembre 2022.

Tuttavia, i lavoratori disabili potrebbero essere beneficiari del bonus in qualità, appunto, di lavoratori. Oppure perché appartenenti a un’altra categoria di beneficiari. Ne parliamo nel prossimo paragrafo.

Quando vedrai il cedolino con la pensione di invalidità di dicembre? Ti mostriamo le probabili date e gli importi che andari a percepire.

Bonus 150 euro ai disabili se rientranti in altre categorie di beneficiari

In alcuni casi, il bonus 150 euro ai disabili non è stato erogato sulla pensione di novembre 2022 perché il disabile appartiene a un’altra categoria di beneficiario, come ad esempio quella dei lavoratori dipendenti.

Tuttavia, anche se i lavoratori percepiranno il bonus 150 euro sullo stipendio di novembre 2022, in questo caso si tratterebbe di un errore dell’Inps, in quanto nella stessa circolare dell’Istituto è specificato che “qualora il soggetto abbia più trattamenti che danno titolo al beneficio di cui al comma 1 dell’articolo 19 del decreto-legge n. 144/2022 oppure abbia diritto all’indennità una tantum sia ai sensi dell’articolo 18 che ai sensi di uno o più commi dell’articolo 19 in esame, potrà beneficiare dell’indennità una sola volta.

In particolare, nelle ipotesi di soggetto avente diritto alla prestazione sia come titolare di trattamento pensionistico o di accompagnamento a pensione, sia come titolare di prestazione assistenziale ovvero come lavoratore attivo, il beneficio è corrisposto d’ufficio in qualità di soggetto titolare del trattamento pensionistico o assistenziale”.

Riassumendo: se sei lavoratore disabile, il bonus 150 euro avrebbe dovuto essere presente sulla prestazione erogata a inizio novembre 2022. Solo nel caso in cui percepisci una delle prestazioni escluse, come ad esempio l’indennità di accompagnamento, potresti vederti accreditato il bonus in quanto lavoratore disabile.

Se invece ritieni di avere i requisiti per ottenere l’indennità sulla prestazione previdenziale o assistenziale e anche in qualità di lavoratore e l’Inps, erroneamente, lo eroga sullo stipendio, non dovrebbe richiederti il rimborso del bonus, così come è previsto per “tutte le circostanze in cui si accerti successivamente la non sussistenza del diritto a prescindere dal requisito reddituale”.

Per completezza, ti riportiamo nel prossimo paragrafo tutte le categorie dei beneficiari del bonus 150 euro.

Arriva una nuova data, a novembre 2022, per il pagamento del bonus figli disabili: scopri qual è.

Bonus 150 euro ai disabili: la tabella con tutte le categorie dei beneficiari

Come da circolare Inps, riportiamo la tabella con tutte le categorie di beneficiari del bonus, perché tu abbia una panoramica completa:

BENEFICIARI BONUS 150 EUROREQUISITI
Lavoratori dipendentiRetribuzione imponibile non eccedente i 1.538 euro nella competenza di novembre 2022
Lavoratori domesticiAver beneficiato del bonus 200 euro del DL n. 50/2022 e rapporto di lavoro attivo alla data di entrata in vigore del DL Aiuti ter
DisoccupatiAver percepito Naspi o Dis-Coll a novembre 2022
Titolari di disoccupazione agricolaPercezione di indennità di disoccupazione nel 2022 per importi di competenza 2021
Titolari di rapporti co.co.co., dottorandi e assegnisti di ricerca (a domanda)Iscrizione alla Gestione Separata, contratti attivi alla data del 18 maggio e reddito non superiore a 20mila euro  
Stagionali, lavoratori dello spettacolo e dello sportAver beneficiato delle indennità del DL n. 41/2022
Stagionali a tempo determinato intermittentiAlmeno 50 giornate di lavoro nel 2021 e reddito non superiore a 20mila euro
Lavoratori dello spettacoloAlmeno 50 contributi giornalieri nel 2021 e reddito non superiore a 20mila euro  
Autonomi senza partita IvaTitolarità di contratti di lavoro autonomo occasionale nel 2021 con almeno un contributo mensile accreditato – Iscrizione alla Gestione Separata
Incaricati delle vendite a domicilioPartita Iva attiva, iscrizione Gestione Separata e reddito da medesime attività superiore a 5mila euro
Nuclei familiari beneficiari di reddito di cittadinanzaNon aver percepito il bonus 150 euro da altri soggetti
Bonus 150 euro ai disabili: tabella con tutti i beneficiari del bonus e dei requisiti per ottenerlo

E se invece sai di avere tutti i requisiti per il Bonus 150 euro con disabilità ma l’Inps non ti ha erogato l’indennità, cosa devi fare? Ne parliamo nel prossimo paragrafo.

Aumento accompagnamento dal 2023: firmato il decreto per la rivalutazione del 7,3% a partire dal 1° gennaio 2023. Ecco i nuovi importi.

Bonus 150 euro ai disabili: cosa fare se hai i requisiti ma non ti è stato erogato

Ci sono dei casi in cui, pur avendo tutti i requisiti, l’Inps non ha erogato il bonus 150 euro ai disabili sulla pensione di novembre ai beneficiari.

Questa situazione si è presentata anche per il precedente bonus 200 euro e l’Inps, di fronte alla correttezza delle informazioni comunicate dai beneficiari, ha risposto che, essendo stata fatta l’erogazione in maniera massiva, chi non aveva ricevuto il bonus ma ne ha diritto, lo avrebbe avuto probabilmente in futuro.

Quindi, la prima cosa che dovresti fare è contattare l’Inps, comunicando che hai tutti i requisiti per ottenere il Bonus 150 euro ai disabili. Ti consigliamo di recarti direttamente alla sede territoriale, perché per esperienza, sappiamo che chiamando il call center ti inviteranno comunque a presentarti in sede.

Sempre facendo riferimento all’esperienza con il precedente bonus 200 euro, l’Inps aveva consigliato di presentare all’ente una domanda di ricostituzione del reddito. Cosa vuol dire? Te lo spieghiamo nel prossimo paragrafo.

Aumento pensione di invalidità 2023: a quanto arriva? Firmato il decreto con la rivalutazione degli importi: ecco di quanto aumenteranno le pensioni di invalidità.

Bonus 150 euro ai disabili
Bonus 150 euro ai disabili: ecco la circolare dell’INPS.

Bonus 150 euro ai disabili: come fare domanda per ricostituzione del reddito

La non erogazione del bonus 150 euro ai disabili, quindi, potrebbe essere un errore dell’Inps, il quale dovrebbe comunque procedere con il pagamento successivamente, probabilmente sul pagamento della prestazione di dicembre 2022.

Il problema potrebbe risiedere nel non aggiornamento dei dati reddituali del 2021. In questo caso, per assicurarti che l’Inps intervenga in maniera tempestiva sul suo stesso errore, potresti presentare all’ente una domanda di ricostituzione del reddito.

Per farlo, dovrai accedere al sito web Inps con una delle credenziali in tuo possesso: SPID, CIE o CNS.

Nella sezione “Verifiche bonus Decreto Aiuti bis” potrai visualizzare l’esito della valutazione dell’Inps e leggere le motivazioni in caso di mancato pagamento.

Se sei sicuro di essere in regola con i parametri reddituali e di percepire un trattamento tra quelli beneficiari del bonus, puoi presentare domanda di ricostituzione del reddito, fornendo all’Istituto tutta la documentazione necessaria per ottenere l’indennità una tantum.

I documenti da presentare sono i seguenti:

  • mandato di assistenza e patrocinio (se ti affidi a un Caf o a un patronato);
  • documento di identità;
  • tessera sanitaria;
  • Modello 730/ Unico /CU;
  • certificato pensione / Obis M / CUD;
  • consenso Privacy Reg. UE 2016/679.

L’Inps accoglierà la tua domanda e, se dovesse essercene bisogno, ti chiederà di presentare una documentazione aggiuntiva.

Presentando domanda di ricostituzione avrai maggiori possibilità di ricevere il sussidio. Se l’Inps dovesse dare esito favorevole, potresti ricevere il bonus 150 euro ai disabili alla prima rata utile della pensione, che adesso sarà a dicembre 2022.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1