Assegno di invalidità civile e incompatibilità: i divieti

Assegno di invalidità civile e incompatibilità: ecco prestazioni e pensioni che non si possono ricevere col sussidio.
 - 
27/05/2022

Assegno di invalidità civile e incompatibilità: vediamo quali sono le pensioni e i trattamenti che non possono essere percepiti, da chi beneficia di questo strumento destinato alle persone con una percentuale di invalidità civile fra il 74% e il 99%. (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile e sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

INDICE

Assegno di invalidità civile: cos’è e come funziona

L’assegno mensile di invalidità civile è un sussidio che spetta alle persone con una percentuale di invalidità compresa fra il 74% e il 99%. Per ricevere l’assegno è necessario avere un’età fra i 18 e i 67 anni e rispettare le prescrizioni della Legge 118/71, art.13. Gli invalidi al 100% hanno invece diritto alla pensione di inabilità civile.

L’importo dell’assegno di invalidità, per il 2022, è di 291,69 euro e non è soggetto a Irpef o reversibile ai superstiti. L’importo viene rimodulato di anno in anno, rivalutandosi rispetto al costo della vita, come accade per le pensioni di vecchiaia.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Al momento, nonostante le numerose petizioni, per questa prestazione non è stato riconosciuto l’“incremento al milione”, aumento del quale hanno beneficiato le persone titolari di pensione di invalidità (invalidi al 100%), dopo la pubblicazione della Sentenza 152 da parte della Corte Costituzionale, avvenuta nel 2020. Leggi quando il bonus 200 euro spetta alle persone invalide civili.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Assegno di invalidità civile: requisiti

Per ottenere l’assegno si deve avere un reddito personale inferiore a 4.931,29 euro. La determinazione del reddito si calcola rispetto alla persona che fa domanda della prestazione. La valutazione, infatti, non è estesa all’intera famiglia a cui appartiene. I redditi considerati sono quelli di qualsiasi natura calcolati ai fini Irpef. Questa prestazione spetta a chi ha:

  • percentuale di invalidità compresa tra il 74% e il 99%;
  • reddito annuo non superiore a 4.926,35 euro;
  • età compresa tra i 18 e i 67 anni.

Dopo i 67 anni, l’assegno di invalidità civile viene trasformato automaticamente in assegno sociale. Per avere diritto all’assegno, è necessaria la cittadinanza italiana. I cittadini stranieri ne hanno diritto soltanto se in possesso di permesso di soggiorno di lungo periodo.

assegno di invalidita civile incompatibilita

Assegno di invalidità civile e incompatibilità

L’assegno mensile di invalidità civile è incompatibile con:

  • le pensioni dirette di invalidità erogate a qualsiasi titolo ai lavoratori dipendenti e autonomi dall’assicurazione generale obbligatoria per la invalidità, vecchiaia e superstiti dei lavoratori (INPS) (art. 9, Legge 26 febbraio 1982, n. 54 ; art. 1, comma 12, Legge 12 giugno 1984, n. 222 );
  • le pensioni dirette di invalidità per ragioni di lavoro (INAIL), guerra o cause di servizio;
  • la rendita INAIL, decritta in questo articolo del sito TheWam.net (Circolare INAIL, n. 54/93 – Art. 3 Legge 407/90 – Art. 12, Legge n. 412/91 – Decreto 553/92);
  • indennità di accompagnamento INPS, INAIL e di altri Enti.

Quando c’è una incompatibilità dei trattamenti economici, la persona interessata ha il diritto di scegliere quello più favorevole, ma deve farlo entro 30 giorni dal provvedimento del trattamento pensionistico incompatibile. (Decreto 553/1992¸Circolare INAIL n. 54 del 09 dicembre 1993).

Come funziona per pluriminorazioni

In caso di pluriminorazioni, l’assegno mensile di invalidità civile è cumulabile con le altre economiche concesse per l’invalidità. Per esempio:

  • pensione per i ciechi parziali;
  • pensione per i sordi civili;
  • pensione per i ciechi assoluti;
  • indennità speciale per i ciechi parziali;
  • indennità di comunicazione per i sordi civili.

Eccezioni al divieto di cumulo

ll divieto di cumulo è stato abrogato dall’articolo 12 della Legge 30/12/1991, n. 412,  solo per gli invalidi civili totali, i ciechi civili e i sordi civili, mentre l’incompatibilità valida per i titolari di assegno mensile di assistenza.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1