Come mettere in regola la badante (guida rapida)

Ecco una guida rapida in cui ti mostriamo come mettere in regola la badante: dall'accordo iniziale al contratto, fino alla comunicazione all'INPS.
 - 
02/02/2023

Come mettere in regola la badante senza rischiare di cadere nell’illegale? Quali sono i passaggi da seguire e cosa fare se si vuole assumere una badante a tempo indeterminato o con collaborazione occasionale? (entra nella community di Invalidità e Diritti. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Per poter lavorare, le badanti devono essere assunte regolarmente con un contratto, perché il lavoro nero in Italia è illegale e rischi delle pesanti sanzioni.

Non preoccuparti: la procedura per la regolarizzazione è facile e in questa guida rapida ti spieghiamo in modo semplice come mettere in regola la badante.

Indice

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Come mettere in regola la badante?

Ti mostriamo subito come mettere in regola la badante attraverso i passaggi che dovrai seguire. Poi approfondiremo i vari passaggi nei prossimi paragrafi.

Quindi, per mettere in regola la badante dovrai:

  • raccogliere innanzitutto i suoi documenti, che sono diversi in base alla sua nazionalità, come vedremo;
  • accordarti verbalmente per discutere con lei sulle condizioni contrattuali;
  • stipulare un contratto, che andrà firmato da entrambe le parti;
  • comunicare l’assunzione agli organi competenti.

Come vedi, i passaggi sono pochi e molto facili da seguire. Andiamo a vedere nel dettaglio come fare tutto correttamente senza sbagliare.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Come mettere in regola la badante e quali documenti servono se è italiana?

Ti abbiamo mostrato un elenco dei passaggi che ti spiegano come mettere in regola la badante.

Al primo punto, c’è la raccolta della documentazione utile sia per stilare successivamente il contratto e sia per avere i dati da comunicare agli organi competenti.

Nel dettaglio, la badante che vuoi assumere dovrà presentarti la seguente documentazione:

  • un documento di identità (carta di identità, patente o passaporto);
  • codice fiscale;
  • se è già iscritta all’INPS perché ha altri datori di lavoro, sarà già in possesso di un codice lavoratore: in questo caso, dovrà consegnarti il codice, che utilizzerai in fase di comunicazione all’INPS dell’inizio del rapporto di lavoro.

Lo sapevi che esiste la figura della badante di condominio? Sta prendendo piede da poco, in Italia, ma potrebbe essere una soluzione da tenere in considerazione: ti spieghiamo tutto in questo articolo.

Come mettere in regola la badante e quali documenti servono se è extracomunitaria?

Abbiamo visto come mettere in regola la badante se è italiana. Se invece vuoi assumere una badante extracomunitaria, ai documenti che abbiamo elencato nel paragrafo precedente dovrai aggiungerne altri, tra cui:

Se invece la badante è ancora residente all’estero e non ha quindi un permesso di – soggiorno, dovrai richiedere, direttamente on line, il nulla osta lavoro, disponibile sul sito del Ministero dell’Interno (devi autenticarti con SPID per accedere). Questa guida del Ministero dell’Interno ti spiega come procedere per inoltrare telematicamente il nulla osta lavoro. Con il nulla osta, farai ottenere alla badante extracomunitaria il visto di ingresso per lavoro subordinato.

E se invece hai bisogno di assumere una badante per un solo mese? In questo approfondimento ti spieghiamo come fare.

Nel video sotto viene spiegato come si calcolano i contributi per i lavoratori domestici e quindi anche per le badanti:

Come mettere in regola la badante e come accordarsi verbalmente prima della stipula del contratto?

Abbiamo visto che prima di stipulare il vero e proprio contratto con la badante, è bene accordarsi verbalmente (a parole).

L’accordo verbale serve per definire tutte le questioni lavorative. In particolare, è necessario che prendiate accordi su:

  • ore di lavoro;
  • mansioni da svolgere;
  • possibilità o meno di convivenza con la persona da assistere (questo è importante perché, come vedrai tra poco, se ci sarà la convivenza dovrai eseguire un ulteriore passaggio);
  • ferie;
  • vacanze;
  • tredicesima;
  • stipendio;
  • modalità di pagamento dello stipendio.

Tutti questi punti devono essere chiariti bene prima della stipula vera e proprio del contratto, in modo da non lasciare nulla al caso e da evitare problemi futuri.

Come pagare meno una badante: scopri tutte le agevolazioni a cui potresti accedere per abbassare le spese sulla badante.

Come mettere in regola la badante e che forma deve avere un contratto di lavoro?

Vediamo a questo punto come mettere in regola la badante e che forma deve avere il contratto affinché sia tutto regolare e legale.

Prima di analizzare questo punto, però, è necessario che tu sappia che il contratto non è obbligatorio. Sì, è proprio così: basterebbe anche un solo accordo verbale tra te e la badante, insieme alle successive comunicazioni di cui ti parleremo tra poco.

Tuttavia, per tutelare sia te che la badante, è sempre meglio mettere tutto nero su bianco tramite una lettera di assunzione, che specifichi tutti gli aspetti della collaborazione (qui puoi scaricare il fac simile di una lettera di assunzione).

Metti caso, per esempio, che la badante, in futuro, decida di punto in bianco di partire per un periodo o di fare meno ore di quelle concordate. Come dimostri che gli accordi non erano questi?

Lo stesso vale per la badante, alla quale non possono essere fatte richieste diverse da quelle per cui vi siete accordati inizialmente. Quindi, il contratto o la lettera di assunzione è meglio sempre scriverli. E non dimenticare che vanno firmati da entrambi (sia da te che dalla badante) e che ognuno deve averne una copia.

In questo articolo ti spieghiamo come redigere un contratto con la badante e quali sono i dati da inserire.

Come mettere in regola la badante e come comunicare l’assunzione all’INPS?

Dopo la raccolta dei documenti, l’accordo verbale e la stipula del contratto o la firma della lettera di assunzione, arriva il momento di comunicare l’inizio dell’attività lavorativa.

Almeno 24 ore prima dell’inizio del lavoro (che dovrà includere anche il periodo di prova), dovrai comunicare l’assunzione all’INPS.

La comunicazione va fatta solo all’INPS, perché la denuncia sarà efficace anche nei confronti del Ministero del Lavoro, dell’INAIL e della Prefettura.

Puoi comunicare l’inizio dell’attività lavorativa della badante in tre modi:

  1. Telematicamente, sul sito web INPS, seguendo questo percorso: home/ Servizi al cittadino / Lavoro domestico / Iscrizione rapporto di lavoro.
  2. Chiamando il numero verde INPS al 803 164.
  3. Appoggiandoti a un CAF, a un patronato o al tuo commercialista.

Quanto dura il periodo di prova della badante e come funziona?  Ne parliamo in questo articolo.

Come mettere in regola la badante
Come mettere in regola la badante (guida rapida). nella foto: una donna con la sua badante

Come mettere in regola la badante e quali dati comunicare all’INPS?

Sia che tu faccia comunicazione telematica da te attraverso il portale INPS (accederai con credenziali: SPID, CIE o CNS) e sia nel caso in cui decidi di chiamare il numero verde dell’Istituto o di affidarti a un intermediario (CAF, patronato o commercialista), i dati che dovrai comunicare saranno i seguenti:

  • i tuoi dati e quelli della badante (nome, indirizzo, codice fiscale);
  • gli elementi del rapporto di lavoro, per cui avete precedentemente preso accordi (retribuzione, orario di lavoro ecc.).

È in questa fase che ti servirà il codice lavoratore della badante, nel caso abbia già un rapporto di lavoro con altri datori. In questo caso, ti verrà chiesto di comunicarlo.

Se farai la comunicazione tramite contact center INPS, alla fine l’operatore ti comunicherà il numero della pratica e la sede INPS in cui il rapporto di lavoro è registrato.

Se invece farai la comunicazione on line, potrai stampare la ricevuta con il numero della domanda inviata.

In ogni caso, nel giro di qualche giorno verrai contattato telefonicamente dall’INPS per una conferma e il rapporto sarà già registrato nella sede INPS di competenza.

Nel momento in cui un proprio caro ha bisogno di assistenza, ci si trova davanti ad una scelta difficile: meglio la badante o la casa di riposo? Scopri cosa prendere in considerazione per una scelta ponderata.

Come mettere in regola la badante se sarà convivente con la persona da assistere?

Nel caso in cui la badante sarà convivente con la persona da assistere, la procedura per la comunicazione è la stessa di quella che ti abbiamo mostrato fino a questo momento.

L’unica cosa in più che dovrai fare, è quella di comunicare la convivenza in Questura, presso un commissariato o, se mancanti, al Comune, compilando il modulo cessione di fabbricato o il modulo di comunicazione ospitalità.

In questo articolo ti spieghiamo come assumere la badante con la Legge 162 e quali benefici e sussidi per i disabili prevedono i Comuni.

Come mettere in regola una badante in caso di lavoro di tipo occasionale?

Nel caso in cui la badante debba svolgere una prestazione lavorativa di tipo accessorio di natura occasionale, non hai bisogno di fare alcuna comunicazione all’INPS.

In questo caso, infatti, il rapporto di lavoro accessorio sarà regolato dal pagamento tramite voucher, che contengono sia retribuzione che contributi INPS: in questi articoli abbiamo parlato dettagliatamente di cos’è il Libretto di famiglia e di come utilizzare i voucher badanti INPS.

In questo approfondimento invece Ti spieghiamo tutto sul Bonus badanti mensile e novità dal 2023: gli aiuti alle famiglie per assumere una badante e la stretta dei controlli sulle assunzioni irregolari.

Come mettere in regola una badante e cosa rischio se non lo faccio?

Se assumi illegalmente una badante, stai favorendo il lavoro in nero e quindi vai incontro a sanzioni pesantissime, ovvero:

  • una sanzione da 200 a 500 euro per omessa comunicazione all’INPS;
  • una sanzione per il mancato pagamento dei contributi INPS, con un minimo di 3mila euro (sanzione minima applicabile).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’assistenza domestica:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.