Come comunicare la 104 all’azienda

Come comunicare la 104 all'azienda: scopri come richiedere il congedo straordinario legge 104 e come comunicarlo al datore di lavoro.
 - 
8/12/22

Scopri come usufruire del congedo straordinario legge 104 e come comunicare la 104 all’azienda.

Portatori di handicap e familiari che li assistono: come comunicare la 104 all’azienda? Quale documentazione bisogna presentare? Ti spieghiamo tutto in questo articolo  (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

INDICE:

Come comunicare la 104 all’azienda: agevolazioni per portatori di handicap grave e loro familiari

Come comunicare la 104 all’azienda? Se sei un portatore di handicap o un familiare che assiste un disabile hai diritto a numerose agevolazioni. Tra queste, c’è congedo straordinario che, una volta ottenuto, è bene che vada comunicato al datore di lavoro per i motivi che ti spiegheremo a breve, anche se per legge non esiste un particolare obbligo.

La retribuzione del congedo straordinario, infatti, viene erogata da parte dell’INPS, pur se anticipata in busta paga dal datore di lavoro. Tuttavia, anche il datore di lavoro ha i suoi diritti, come ti spiegheremo nei prossimi paragrafi.

Andiamo però prima a vedere cosa cos’è nello specifico il congedo straordinario e come puoi ottenerlo con la legge 194/1992.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Come comunicare la 104 all’azienda: cos’è il congedo straordinario legge 104

Prima di parlare nello specifico di come comunicare la 104 all’azienda, vediamo insieme in cosa consiste il congedo straordinario.

Come probabilmente già saprai, la legge 104/92 è il testo di riferimento per la tutela della disabilità. In questa legge sono raccolte le principali misure adottate per tutelare e agevolare i portatori di handicap al fine di permettere loro una vita attiva e partecipe.

Le agevolazioni sono tante e te le spieghiamo in questa guida completa, ma in questo articolo ci concentreremo sul congedo straordinario, perché ti servirà a capire bene come comunicare la 104 al datore di lavoro.

Il congedo straordinario legge 104 è del tutto simile ai permessi retribuiti previsti nei contratti collettivi di lavoro, i cosiddetti rol (riduzione orario di lavoro), per intenderci.

In sostanza, si tratta di un monte ore mensile che puoi utilizzare per assentarti dal lavoro, mantenendo sempre il tuo diritto alla retribuzione.

Nel caso del congedo straordinario, queste ore di permesso retribuite spettano di diritto sia al portatore di handicap che svolge attività lavorativa e sia al parente che assiste un disabile grave ai sensi dell’articolo 3, comma 3 della legge 104/92.

Leggi anche come ottenere articolo 3 comma 3 legge 104 e scopri se con solo 20 minuti di assistenza a un disabile con permesso 104 puoi rischiare il licenziamento.

Come comunicare la 104 all’azienda: a chi spetta il congedo straordinario

Come comunicare la 104 all’azienda e a chi spetta il congedo straordinario? I permessi retribuiti legge 104 spettano ai lavoratori disabili o ai familiari che assistono un portatore di handicap grave con contratto di lavoro subordinato che sono:

  • Portatori di handicap grave
  • Genitori (anche adottivi o affidatari) di disabili gravi
  • Coniuge o parte dell’unione civile, convivente o parente affine entro il 2° grado di soggetti disabili in situazione di gravità (in alcuni casi anche di 3° grado, come ti spieghiamo in questo articolo)

I permessi legge 104, invece, non spettano a:

  • Lavoratori a domicilio
  • Lavoratori domestici e familiari
  • Lavoratori a giornata agricoli
  • Lavoratori autonomi o parasubordinati

Come puoi ben notare, i permessi 104 non sono fruibili da tutti ma solo in presenza di una disabilità grave, che deve essere accertata da una commissione medico dell’ASL integrata da un medico dell’INPS. Ti suggeriamo di leggere anche la guida come si svolge la visita della commissione medico legale per l’accertamento dell’invalidità.

Se sei un parente che assiste un portatore di handicap grave, inoltre, accedi al diritto dei permessi 104 anche senza essere suo convivente, ma dimostrando di svolgere un’effettiva attività di assistenza a suo favore.

Tuttavia, devi comunque dimostrare di essere residente a una distanza non superiore a 150 Km rispetto alla residenza del disabile grave e devi comprovare al tuo datore di lavoro di raggiungere effettivamente l’abitazione del disabile, mediante presentazione di idoneo titolo di viaggio o altro tipo di documentazione.

Leggi anche cosa succede se non usi i permessi legge 104 e come il congedo straordinario legge 104 può bloccare la carriera.

come comunicare la 104 all'azienda
come comunicare la 104 all’azienda

Come comunicare la 104 all’azienda: cosa spetta con il congedo straordinario

Come comunicare la 104 all’azienda e cosa ti spetta con il congedo straordinario?

Come ti abbiamo anticipato, con i permessi 104 hai diritto a un monte ore mensili retribuiti, che utilizzerai per assentarti dal lavoro. Questo monte ore non è sempre uguale, perché dipende da chi richiede il congedo straordinario, ovvero:

  • Se sei un lavoratore portatore di handicap grave ti spettano dei riposi orari giornalieri di una o due ore (a seconda dell’orario di lavoro) oppure tre giorni di permesso mensili che possono essere anche frazionati
  • Se sei genitore di un figlio disabile grave minore di tre anni ti spettano, alternativamente, tre giorni di permessi mensili, che possono anche in questo caso essere fruibili in ore, oppure il prolungamento del congedo parentale con il diritto a un’indennità pari al 30% della retribuzione per tutto il periodo del congedo
  • Se, invece, il figlio disabile ha un’età compresa tra i tre e i dodici anni, ti spettano tre giorni di permesso mensili fruibili anche in ore oppure il prolungamento del congedo parentale. Oltre i dodici anni di età spettano solamente i tre giorni di permesso mensili
  • Se sei coniuge o parte dell’unione civile, convivente o parente affine al disabile grave, usufruirai solo dei tre giorni di permessi mensili, frazionabili in ore.

Ti mostriamo come la 104 cambia la pensione e quali sono i diritti dei minori con la legge 104.

Come comunicare la 104: quanto spetta con il congedo straordinario

Come comunicare la 104 e quanto spetta con il congedo straordinario?

I permessi 104 fruiti a giorni e a ore vengono indennizzati sulla basa della retribuzione effettivamente corrisposta. I permessi legge 104 concessi a titolo di prolungamento parentale fino al dodicesimo anno di età del bambino, invece, vengono indennizzati al 30% della retribuzione effettivamente corrisposta.

L’indennità comprende anche la quota della tredicesima mensilità o di altre mensilità aggiuntive previste dal Ccnl, come la quattordicesima mensilità, per cui il tuo datore di lavoro non dovrà più corrisponderla in quanto già compresa nell’indennità erogata dall’INPS.

Le somme sono anticipate dal datore di lavoro in busta paga e compensate sempre dallo stesso con i contributi previdenziali dovuti all’INPS.

Se fruisci del congedo straordinario legge 104 hai anche diritto a ricevere l’Anf (assegno per il nucleo familiare). In un articolo sul sito TheWam ti spieghiamo a chi spettano gli Anf e quali sono gli importi.

Come comunicare la 104 all’azienda: iter di richiesta del congedo straordinario

Nel prossimo paragrafo chiariremo come comunicare la 104 all’azienda, ma prima vediamo qual è l’iter di richiesta del congedo straordinario.

La domanda per il congedo straordinario deve essere presentata all’INPS e non al datore di lavoro, proprio perché sarà l’Istituto stesso a procedere al pagamento dell’indennizzo.

La domanda va presentata per via telematica attraverso uno dei seguenti canali:

  • Direttamente dal sito web dell’INPS accedendo tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale); CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o CIE (Carta di Identità Elettronica) al servizio “Invio online di domande di prestazioni a sostegno del reddito
  • Attraverso un CAf o a un patronato, che provvederanno a inoltrare per te la domanda
  • Contattando il Contact Center dell’INPS al numero gratuito da rete fissa 803 164 o a pagamento da telefono cellulare 06 164 164 (la tariffazione è in base al tuo abbonamento telefonico).

Una volta ricevuta la tua domanda per il congedo straordinario, l’INPS valuterà se hai requisiti per concedertelo o meno.

Potrebbe anche interessarti quando spetta la quattordicesima agli invalidi e quando hai diritto alle maggiorazioni sociali sull’invalidità civile.

Come comunicare la 104 all’azienda

Come comunicare la 104 all’azienda? In realtà, una volta che l’INPS avrà accettato la tua domanda per il congedo straordinario e lo avrà accolto, invierà una comunicazione ufficiale anche alla tua azienda o al tuo datore di lavoro.

Quindi, teoricamente non dovresti essere tu a comunicarlo, ma sarebbe corretto farlo in tempo, soprattutto per dare modo al tuo datore di lavoro di organizzare eventuali turni in tua assenza.

I tuoi obblighi reali nei confronti dell’azienda sono in realtà i seguenti:

  • La consegna dei documenti che attestano il raggiungimento della residenza del portatore di handicap grave che assisiti, nel caso in cui la sua residenza sia ad oltre 150 Km dalla tua
  • Eventuali variazioni di fatto e diritto che sono state dichiarate nella domanda per il congedo straordinario, che dovrai tempestivamente comunicare innanzitutto all’INPS.

In conclusione, ricorda che il congedo straordinario non può essere riconosciuto a più di un lavoratore familiare del disabile grave e che se assisti più familiari portatori di handicap puoi beneficiare del congedo per ciascuno di essi, ma non potrai comunque superare i due anni.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.