Contributi figurativi con l’invalidità e pensione

Contributi figurativi con l'invalidità e pensione: come funzionano? Sono utili per il diritto alla pensione o migliorano anche l'importo dell'assegno?
 - 
20/01/2023

Contributi figurativi con l’invalidità e pensione: aumentano l’importo dell’assegno? Ne parliamo in questo approfondimento (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Indice

Contributi figurativi con l’invalidità e pensione: maggiorazione contributiva

Tra le agevolazioni previste dal nostro ordinamento in favore dei lavoratori invalidi c’è la maggiorazione contributiva di 2 mesi per ogni anno di lavoro svolto, fino a un massimo di 5 anni.

L’agevolazione spetta:

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

  • ai lavoratori invalidi civili con un’invalidità superiore al 74%;
  • agli invalidi di guerra, civili di guerra e agli invalidi per causa di servizio nel rapporto di pubblico impiego con le Amministrazioni statali o gli Enti locali, con invalidità ascritta alle prime quattro categorie della tabella A (DPR 915/1978);
  • ai lavoratori sordomuti.

In pratica, se un lavoratore ha prestato servizio per 30 anni, avrà diritto a 60 mesi di contributi figurativi, ovvero a 5 anni di contributi figurativi.

I contributi figurativi vengono applicati soltanto agli anni lavorati con una percentuale di invalidità superiore al 74%. Ma aumentano l’importo dell’assegno?

Purtroppo no. I contributi figurativi della maggiorazione contributiva sono utili soltanto per il diritto alla pensione, ovvero per il raggiungimento dell’anzianità contributiva richiesta per la pensione, ma non per la misura.

Quindi consentiranno al lavoratore invalido di avvicinare l’uscita dal mondo del lavoro accedendo a una delle misure in vigore (pensione di vecchiaia, anticipata, Quota 103 e così via), ma non miglioreranno l’importo della sua pensione.

Per far valere il diritto, l’interessato dovrà richiedere l’inclusione dei contributi figurativi guadagnati nel calcolo dell’anzianità contributiva, nel momento in cui presenta la domanda di pensione.

Se il lavoratore invalido ha versato contributi in più gestioni previdenziali, prima di beneficiare del suo diritto dovrà individuare la gestione su cui farlo valere, verificando l’esistenza del requisito amministrativo necessario alla convalida dell’accredito dei contributi figurativi.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Contributi figurativi con l’invalidità e pensione: Assegno ordinario di invalidità

Non solo la maggiorazione contributiva, ma anche i periodi in cui il lavoratore ha goduto di prestazioni previdenziali di invalidità danno diritto al riconoscimento di contribuzione figurativa.

Parliamo dell’Assegno ordinario di invalidità e della pensione di invalidità: entrambe le prestazioni consentono al lavoratore invalido di raggiungere l’anzianità contributiva necessaria per andare in pensione. Ma bisogna distinguere le due misure.

Per l’Assegno ordinario di invalidità, secondo quanto riferisce l’articolo 1, comma 6 della legge 224 del 1984, i contributi figurati si calcolano soltanto se il lavoratore non ha svolto alcuna attività lavorativa nel periodo indicato.

Questi periodi sono utili soltanto ai fini del raggiungimento del diritto alla pensione (quindi i contributi figurativi rientrano nel calcolo dei contributi per la pensione), ma non aumentano l’importo dell’assegno, quando l’Assegno ordinario di invalidità si trasforma in pensione di vecchiaia.

Volendo fare un esempio, possiamo dire che un lavoratore invalido con 17 anni di contributi, se ha goduto per 3 anni dell’Assegno ordinario di invalidità, può utilizzarli per raggiungere il requisito contributivo minimo (20 anni) per la pensione di vecchiaia, al compimento dei 67 anni di età.

Ricordiamo che, per il riconoscimento dell’Assegno ordinario di invalidità sono necessari almeno 5 anni di contributi versati, di cui almeno 3 anni nei 5 anni precedenti alla domanda. L’agevolazione spetta soltanto ai lavoratori dipendenti, sono esclusi gli autonomi.

Al compimento dei 67 anni, la trasformazione dell’Assegno in pensione di vecchiaia avviene d’ufficio, cioè automaticamente.

Ma i contributi figurativi maturati con l’Assegno ordinario di invalidità possono essere sfruttati anche per avvicinare il diritto alla pensione anticipata? Assolutamente no.

I contributi figurativi possono essere riconosciuti soltanto per il conseguimento della pensione di vecchiaia; sono escluse, quindi, tutte le possibili misure previdenziali anticipate, dalla legge Fornero a Quota 103.

Contributi figurativi con l'invalidità e pensione
Contributi figurativi con l’invalidità e pensione: nella foto un uomo sulla sedia a rotelle.

Contributi figurativi con l’invalidità e pensione: pensione di invalidità

Contributi figurativi con l’invalidità e pensione. Ai titolari di pensione di invalidità lavorativa, la prestazione che spetta agli inabili totali al lavoro, possono essere riconosciuti alcuni periodi di contribuzione figurativa. Ma solo in un caso.

Lo descrive l’articolo 4, comma 4 della legge 222 del 1984, secondo il quale, nel caso in cui il lavoratore titolare della pensione di inabilità, dovesse recuperare, in parte o totalmente le sue capacità lavorative, perdendo, dunque, il diritto alla pensione di inabilità, questi avrà diritto all’accredito dei contributi figurativi per il periodo in cui ha ricevuto la prestazione.

In parole povere: se viene meno lo stato di inabilità, al lavoratore spettano i contributi figurativi applicati al periodo in cui ha fruito della prestazione.

A differenza dell’Assegno ordinario di invalidità, la contribuzione figurativa è riconosciuta non solo per il diritto alla pensione, ma anche per la misura dell’assegno, come descritto dalla circolare dell’INPS numero 262 del 1984.

Quindi i contributi figurativi maturati nel periodo in cui si è avuto diritto alla pensione di inabilità concorrono al miglioramento dell’importo dell’assegno previdenziale.

Contributi figurativi con l’invalidità e pensione e non solo. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.