Agevolazioni Legge 104 durante le vacanze

Siamo entrati nel periodo delle vacanze estive e il lavoratore che assiste una persona disabile o non autosufficiente, titolare di Legge 104, si fa numerose domande su come utilizzare le agevolazioni Legge 104 durante le vacanze, ovvero i permessi retribuiti e il congedo biennale. Facciamo chiarezza in questo approfondimento.
 - 
02/07/2023

Mentre fruisco del congedo straordinario posso trascorrere una giornata al mare con la mia famiglia? Se sto utilizzando i permessi 104 o il congedo retribuito, posso fare un viaggio o andare in vacanza con la persona che assito? Come devo usare le agevolazioni con Legge 104 durante le vacanze? (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

Conoscere come funziona la Legge 104/1992, anche nel caso dell’utilizzo delle agevolazioni Legge 104 durante le vacanze, è molto importante per non correre il rischio di interventi disciplinari o licenziamento per giusta causa.

Un uso improprio delle agevolazioni, infatti, può portare a queste conseguenze, in quanto la Legge è il riferimento legislativo per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone disabili gravi.

Se non vengono assicurati questi diritti, l’uso delle agevolazioni è ritenuto, appunto, improprio e illegittimo.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Vediamo quindi come usare le agevolazioni Legge 104 durante le vacanze: quali sono i limiti e le regole in riferimento a questa situazione.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e ricevi con WhatsAppTelegram e Facebook tutti gli approfondimenti su invalidità, diritti e Legge 104.

Legge 104 agevolazioni 2023

Cerchiamo di capire come usare le agevolazioni con Legge 104 durante le vacanze, chiarendo per prima cosa che i permessi e il congedo retribuito sono utilizzabili entro precisi limiti e per specifiche situazioni.

Al di là di come vengono usate le agevolazioni, la prima e la più importante regola è: prestare assistenza alla persona disabile grave per la quale è stata concessa l’agevolazione.

L’assistenza deve essere permanente e continuativa, pur se più volte il Ministero del Lavoro e la Corte di Cassazione sono intervenuti per sottolineare anche la necessità, da parte del lavoratore che si prende cura del familiare disabile, di riposarsi e recuperare le forze.

Tutto deve essere però gestito ed equilibrato alla prima regola di cui abbiamo parlato: prestare innanzitutto assistenza alla persona con disabilità grave.

Una volta premesso questo, vediamo come usare le agevolazioni con Legge 104 durante le vacanze nel caso dei permessi e del congedo retribuiti: cominciamo dai permessi.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste.

Agevolazioni Legge 104 durante le vacanze

Abbiamo detto che le agevolazioni con Legge 104 durante le vacanze sono utilizzabili entro precisi limiti e specifiche situazioni.

Parlando dei permessi 104, la prima domanda che ci poniamo è se è possibile usarli per andare in vacanza con il parente disabile o per andare con lui per un po’ di tempo alla casa al mare o in villeggiatura, senza aspettare di sfruttare i giorni di ferie.

In questo particolare caso, la risposta è sì: puoi utilizzarli per andare in villeggiatura o portare con te la persona disabile in vacanza.

Abbiamo infatti detto che la prima regola è prendersi cura della persona per cui hai richiesto l’agevolazione, quindi se andate in vacanza insieme e continui a prestare assistenza, non stai commettendo un illecito.

Anche se il tuo familiare con disabilità ha necessità di viaggiare per affrontare delle cure, come ad esempio le cure termali, e tu lo accompagni, non è uso improprio.

In questo caso, assumi pienamente il ruolo dell’accompagnatore, per cui nessuno potrà denunciarti o applicare un intervento disciplinare.

Un uso improprio della Legge 104 può essere fatto sia dal dipendente che dal datore di lavoro. In questo articolo esaminiamo entrambi i casi e valutiamo le conseguenze.

Agevolazioni legge 104 durante le vacanze
Agevolazioni legge 104 durante le vacanze

Come andare in vacanza durante i permessi o il congedo 104 e delegare l’assistenza

Parliamo di un differente utilizzo delle agevolazioni Legge 104 durante le vacanze, ovvero del caso in cui si utilizzano i permessi 104 per andare al mare con la propria famiglia, per esempio, e si delega l’assistenza della persona disabile a un altro parente o a una badante.

Ecco, in questo caso stai commettendo un abuso dell’agevolazione, e lo faresti anche nella situazione in cui stessi utilizzando il congedo straordinario (sentenza della Corte di Cassazione n. 19580/2019).

Partendo sempre dal presupposto che le agevolazioni 104 ti sono state concesse per prenderti cura del familiare disabile grave, nel momento in cui vai in vacanza e deleghi l’assistenza ad altri, l’INPS ti sta pagando i permessi o il congedo e tu invece sei in vacanza al mare.

In questo caso, il tuo datore di lavoro, che ha tutto il diritto di controllare se utilizzi nel modo giusto permessi o congedo, potrebbe anche licenziarti per giusta causa e l’INPS per truffa ai danni dello Stato.

La delega dell’assistenza a un’altra persona è possibile solo nel caso di fruizione del congedo biennale continuativo e per permetterti di riprendere le forze.

Si parla però di assistenza sporadica e limitata del tempo. Per esempio, in questo articolo abbiamo parlato della possibilità di andare in palestra durante il congedo straordinario.

Se, durante il congedo biennale, vai a fare un bagno al mare e chiedi a una badante di assistere la persona disabile, e poi rientri per prendere nuovamente il tuo posto di assistente, per il principio che anche il caregiver ha bisogno di recuperare le forze e la serenità, puoi farlo senza rischiare un uso improprio dell’agevolazione.

Cosa posso fare durante il congedo con la Legge 104? Rispondiamo alla domanda dei nostri lettori, elencando cosa è possibile fare durante l’assenza dal lavoro per assistere un familiare con disabilità grave e cosa si rischia se si va oltre le possibilità concesse.

FAQ: Domande frequenti sulla Legge 104

Legge 104 agevolazioni viaggi aerei: come funziona?

Per i viaggi in aereo sono previste agevolazioni legate all’assistenza a bordo e a terra. Bisogna richiederle almeno 48 ore prima del decollo, mettendosi in contatto con le compagnie aeree.

Legge 104 agevolazioni viaggi traghetti: cosa è previsto?

Non ci sono agevolazioni nazionali specifiche per le persone con disabilità che prendono il traghetto. Bisogna confrontarsi con la compagnia che gestisce il viaggio per verificare l’esistenza di eventuali sconti o agevolazioni.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Legge 104 art.3 comma 1, tutte le agevolazioni

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.