Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili

Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili: quando è possibile percepire entrambi i trattamenti? Scopriamolo in questo approfondimento.
 - 
20/03/2023

Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili? Ne parliamo in questo approfondimento (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Indice

Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili?

Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili? Quando è possibile percepire sia la pensione che una prestazione di invalidità?

Possiamo subito dire che un pensionato invalido può contemporaneamente percepire la pensione generata dai contributi versati e una prestazione di invalidità riconosciuta dall’apposita commissione medica dell’Asl, in seguito alla visita di controllo.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Parliamo dell’assegno mensile di assistenza per invalidi parziali (dal 74 al 99% di invalidità) o la pensione di invalidità (100% di invalidità). Ma anche dell’assegno mensile per ciechi parziali o assoluti o per la pensione per sordi.

Tutte queste prestazioni vengono erogate a chi rispetta determinati limiti reddituali. In pratica, nessuno vieta a un pensionato di percepire entrambe le pensioni (previdenziale e di invalidità), a patto che il suo reddito non sia superiore alla soglia indicata dalla legge.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili: limiti reddituali

L’assegno mensile di assistenza per invalidi parziali, pari a 313,91 euro al mese, spetta soltanto se il reddito personale del richiedente non è superiore a 5.391,88 euro.

I limiti reddituali cambiano e sono più alti per la pensione di invalidità, per l’assegno di invalidità civile per ciechi civili parziali e assoluti e per la pensione per sordomuti. Tutte queste prestazioni spettano a coloro che, riconosciuti invalidi in seguito alla visita medica, dichiarano un reddito personale annuo non superiore a 17.920 euro.

Per quanto riguarda gli ipovedenti gravi (decimisti) con solo assegno a vita, il limite di reddito annuo personale in cui rientrare è 8.615,46 euro.

Per ciò che concerne la maggiorazione massima (l’incremento al milione) per invalidi civili, ciechi e sordi, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, il limite massimo di reddito personale annuo è fissato a 9.102,34 euro; se il pensionato è coniugato il limite massimo è 15.644,85 euro.

Ricordiamo che, per ottenere la maggiorazione massima, pari a 386,27 euro, è necessario che il pensionato coniugato soddisfi entrambi i limiti reddituali.

Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili: la pensione di reversibilità

Una volta aver visto che pensioni e prestazioni di invalidità sono compatibili, a patto che si rispettino i limiti reddituali previsti dalla legge per vedersi riconoscere le pensioni di invalidità, vediamo se è possibile percepire contemporaneamente la pensione di invalidità e la pensione di reversibilità.

Qui la situazione è più delicata. Prendiamo come esempio un ragazzo disabile, con un’invalidità dell’85%, percettore dell’assegno mensile per invalidi parziali, a cui muore un genitore pensionato. Ha diritto alla pensione di reversibilità?

Purtroppo no: per legge è necessario soddisfare un requisito fondamentale, l’inabilità lavorativa. Soltanto con un’invalidità al 100% si ha diritto alla pensione di reversibilità. Di conseguenza non basta essere titolari dell’assegno mensile di assistenza per invalidi parziali, per beneficiare della pensione ai superstiti.

Soltanto nel caso in cui, in seguito a una visita di revisione, sia riconosciuto un aggravamento della condizione di salute e il 100% di invalidità, sarà possibile ricevere la reversibilità, ma soltanto se la visita di controllo sia stata effettuata prima del decesso del genitore.

Diverso è, invece, il caso del coniuge percettore di una pensione di invalidità: questi può ricevere la pensione di reversibilità, a patto che rientri nei limiti reddituali previsti dalla legge.

Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili
Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili: in foto un ragazzo in sedia a rotelle con il suo cane guida.

Pensioni e prestazioni di invalidità compatibili: inabilità lavorativa

Come funziona, invece, se si è titolari dell’Assegno ordinario di invalidità o della pensione di inabilità lavorativa? È possibile percepire anche l’assegno o la pensione di invalidità civile?

In questo caso ci troviamo di fronte a un caso di incompatibilità. La legge vieta di percepire contemporaneamente l’assegno mensile di assistenza per invalidi civili parziali o la pensione di invalidità civile e l’Assegno ordinario di invalidità o la pensione di inabilità lavorativa.

Dal 1° gennaio 1992, l’assegno mensile di assistenza è incompatibile con tutte le pensioni dirette di invalidità contratta per causa di guerra, di lavoro o di servizio e con qualsiasi pensione diretta di invalidità, a carico dell’AGO per IVS, delle gestioni pensionistiche dei lavoratori autonomi e di ogni altra gestione pensionistica per i lavoratori dipendenti avente carattere obbligatorio.

È prevista la possibilità di optare per una delle prestazioni incompatibili.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1