Arretrati pensione di invalidità: quando puoi richiederli

Arretrati pensione di invalidità: quando e come puoi richiederli e in quale misura? Ne parliamo in questo approfondimento.
 - 
07/09/2022

Arretrati pensione di invalidità. Vediamo se e come puoi ottenere tutti gli arretrati dopo aver acquisito il diritto all’aumento della pensione di invalidità (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Arretrati pensione di invalidità: hai più di 60 anni e hai ottenuto l’aumento della pensione di invalidità? Forse non sai che potresti aver diritto anche agli arretrati.

Per ottenerli devi presentare domanda, altrimenti non ti verranno assegnati. Scopri perché e come fare.

INDICE:

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Arretrati pensione di invalidità: a chi è concesso l’aumento pensione invalidità

Prima di parlare degli arretrati pensione di invalidità, vediamo a chi è concesso l’aumento della pensione di invalidità.

L’aumento, basato sulla cosiddetta maggiorazione sociale, riguarda tutti i pensionati con età compresa tra i 60 e i 67 anni percettori di:

Per ottenere l’aumento, inoltre, bisogna rispettare determinati limiti reddituali, ovvero:

  • per il pensionato solo: avere un reddito personale annuo entro 8.469,63 euro;
  • per il pensionato coniugato: avere un reddito non superiore a 14.447. 42 euro.

Nel calcolo reddituale vanno inclusi tutti i redditi, anche esenti Irpef, compresa l’indennità e la pensione di invalidità, a esclusione dell’indennità di accompagnamento.

Quindi, la maggiorazione sociale è una misura economica che consente l’incremento della pensione di invalidità per i richiedenti che soddisfano i requisiti di legge appena descritti e dà diritto, su richiesta, agli arretrati.

Attenzione: abbiamo detto “su richiesta”. Seguici nella lettura dell’articolo perché a breve ti spiegheremo cosa vuol dire.

Prima però vediamo qual è l’importo della maggiorazione.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Arretrati pensione di invalidità: importo della maggiorazione

Arretrati pensione di invalidità. L’importo della maggiorazione è di circa 350 euro mensili, da aggiungere alla pensione di invalidità che già percepisci, per un totale complessivo di circa 651 euro.

Questo incremento decorre dal primo giorno successivo alla data del compimento del sessantesimo anno di vita e nei limiti della prescrizione quinquennale, ovvero di cinque anni, come ti spiegheremo a breve.

In questo articolo ti spieghiamo quali sono le patologie rivedibili e quali quelle non rivedibili dall’Inps: l’Inps può convocarti per una visita a sorpresa?

Arretrati pensione di invalidità: devi richiederli

Arretrati pensione di invalidità. Come ti abbiamo accennato in precedenza, gli arretrati della pensione di invalidità ti verranno erogati solo se ne hai diritto e se fai domanda arretrati pensione di invalidità.

Questo vuol dire che le somme aggiuntive non vengono erogate automaticamente dall’Inps, ma solo se sei tu a richiederle.

La maggiorazione sociale, infatti, fa parte della categoria dei diritti inespressi, ovvero quei diritti che spettano ad alcuni cittadini e pensionati che l’Inps non riconosce automaticamente, ma soltanto dietro specifica richiesta.

Nei prossimi paragrafi ti diremo anche come richiedere gli arretrati sulla pensione di invalidità.

Intanto, è importante che tu sappia che puoi richiedere gli arretrati fino a un massimo di cinque anni, per un totale di 20mila euro.

Su TheWam.net ti aggiorniamo in merito all’aumento pensione di invalidità da ottobre 2022: ci sarà o no? L’Inps ha comunicato qualcosa. Scoprilo in questo articolo.

Arretrati pensione di invalidità: quando puoi richiederli.

Arretrati pensione di invalidità: puoi chiedere fino a 5 anni di arretrati

La possibilità di richiedere gli arretrati pensione di invalidità è possibile grazie all’emanazione del decreto di agosto n. 104/2022, che ha dato applicazione alla sentenza 152 della Corte Costituzionale del 2020 ed è stato in seguito convertito in legge, con la legge di conversione del 13 ottobre 2020 n. 126.

Cosa hanno stabilito questo decreti, sentenze e leggi? In sintesi, hanno stabilito che è possibile richiedere gli arretrati solo da luglio 2020 e fino al periodo di effettivo aumento della pensione.

Ma cosa succede se sei invalido civile al 100%, hai compiuto 60 anni prima di questa modifica e hai fatto domanda per gli arretrati successivamente?

In questo singolo caso – salvo restando che bisogna comunque rientrare nei limiti reddituali di cui ti abbiamo parlato – potresti richiedere ben più degli arretrati maturati da luglio 2022.

Purtroppo, però, essendo queste domande molto più gravose per l’Inps, spesso vengono rifiutate. In questo caso, puoi provare a fare domanda all’Inps e, in caso di rifiuto, affidarti a un avvocato per il ricorso, come ti spiegheremo nel prossimo paragrafo.

Scopri anche come puoi richiedere gli arretrati dell’accompagnamento.

Arretrati pensione di invalidità: come richiederli

Arretrati pensione di invalidità: come richiedere gli arretrati sulla pensione di invalidità?

Hai e diverse possibilità per farlo. Te le mostriamo di seguito:

1. Arretrati pensione di invalidità: fai domanda all’Inps

Come prima opzione per richiedere gli arretrati pensione invalidità, puoi collegarti al sito web dell’Inps utilizzando le tue credenziali (SPID, CIE o CNS) e accedendo a MyInps.

Dovrai aver compilato prima in Modello AP70, che dovrai allegare alla domanda, insieme a una copia del verbale di riconoscimento dell’invalidità civile inviato dall’Inps.

Trovi copia del verbale all’interno del cassetto postale. Ricorda che se hai perso la copia, puoi sempre chiederne un duplicato all’Inps, con le modalità che ti abbiamo decritto in questo articolo.

2. Arretrati pensione di invalidità: domanda all’Inps tramite Caf o patronato

Puoi fare domanda arretrati pensione di invalidità anche rivolgendoti a un Caf o a un patronato.

Questa opzione è consigliata a chi non ha le credenziali per accedere al portale dell’Inps online oppure non ha dimestichezza con l’utilizzo dei portali online e delle app (ricorda che molte operazioni puoi effettuarle anche dall’App Inps).

In pratica, il Caf o il patronato eseguirà tutta la procedura per la domanda degli arretrati pensione di invalidità al posto tuo, utilizzando le sue credenziali. Attenzione, però: nel caso in cui l’Inps non dovesse accettare la tua domanda per gli arretrati (evento che non capita di rado), il Caf non sarà in grado di gestire i rifiuti, per cui dovrai agire giuridicamente.

3. Arretrati pensione di invalidità: domanda tramite avvocato

Affidarsi a un avvocato per richiedere gli arretrati pensione di invalidità ha i suoi costi, ma è il metodo più sicuro per essere seguiti passo dopo passo, anche nel caso in cui la richiesta non dovesse andare a buon fine.

Il nostro consiglio, comunque, è quello di presentare inizialmente da te la domanda arretrati pensione di invalidità. Se, poi, dovesse verificarsi il rifiuto da parte dell’Inps, con motivazioni che ritieni ingiuste, puoi sempre affidarti a un avvocato per fare ricorso.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.