Diagnosi funzionale: esempio

Scopri come è possibile trovare un esempio di diagnosi funzionale, che cos'è questo documento e a che cosa serve.
 - 
14/09/2023

Esempio di diagnosi funzionale: vediamo nel dettaglio che cos’è questo documento e a che cosa serve (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Dove posso trovare un esempio di diagnosi funzionale?

È possibile trovare un esempio di diagnosi funzionale direttamente online. In particolare, la Città Metropolitana di Milano e l’Università di Macerata propongono due moduli in PDF facilmente scaricati che possono essere utilizzati per la redazione del documento da parte dei medici competenti.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Che cos’è la diagnosi funzionale?

La Diagnosi Funzionale è un documento medico-legale che dettaglia l’alterazione funzionale dello stato mentale e fisico di uno studente o lavoratore con disabilità, come definito dal D.P.R. 24/02/1994.

La diagnosi funzionale inizia con l’esame dell’handicap e dei suoi effetti sul bambino, con lo scopo di identificare:

  • Una panoramica completa delle abilità (con un focus sulla riabilitazione e le funzioni residue);
  • Le potenzialità di crescita su cui basare un intervento educativo successivo.

L’obiettivo principale della diagnosi funzionale è di fornire un quadro clinico che possa guidare gli interventi di riabilitazione, terapia ed educazione, condiviso da tutte le figure professionali coinvolte.

Tale documento viene spesso utilizzato per garantire che la designazione dell’insegnante di sostegno da parte del Provveditorato della scuola.

Cosa contiene la diagnosi funzionale?

La Diagnosi Funzionale si sviluppa in diversi settori che consentono di esplorare la connessione tra l’handicap e vari aspetti del comportamento totale dell’individuo:

  • Settore cognitivo: indaga il livello di progresso raggiunto e la capacità di assorbire informazioni;
  • Settore emotivo e relazionale: valuta il grado di autostima e la relazione con gli altri bambini;
  • Settore linguistico (che include la comprensione, la produzione e i linguaggi alternativi);
  • Settore sensoriale: esamina la natura e l’intensità del deficit, con un’attenzione specifica a vista, udito e tatto;
  • Settore motorio-prassico;
  • Settore neuropsicologico: analizza la memoria, l’attenzione e l’organizzazione spaziale e temporale del bambino.

Chi può formulare la diagnosi funzionale?

La redazione del documento di diagnosi funzionale è responsabilità di un team multidisciplinare che include:

  • Un medico specializzato nella malattia indicata;
  • Un esperto in neuropsichiatria infantile;
  • Un professionista della riabilitazione;
  • Gli addetti ai servizi sociali.
Esempio di diagnosi funzionale
Esempio di diagnosi funzionale – L’immagine mostra un medico che sta compilando un documento.

Quando viene effettuata la diagnosi funzionale?

La diagnosi è necessaria nelle seguenti situazioni:

  • Handicap: si riferisce a vari danni – disabilità – a livello mentale e fisico, o a circostanze sociali o culturali.
  • Disabilità: è il risultato di un’interazione complessa tra le condizioni di salute di un individuo e i fattori ambientali e personali che caratterizzano la sua vita.
  • Deficit: termine utilizzato per descrivere una lesione biologica irreversibile che, nel tempo, può evolvere in una condizione di handicap.

Come richiedere la diagnosi funzionale?

La richiesta della diagnosi funzionale può essere effettuata direttamente mediante il sito web dell’INPS o tramite gli enti abilitati (come patronati, CAF e associazioni di categoria).

Successivamente, si verrà convocati per una visita medica da parte di una Commissione la quale valuterà le effettive condizioni di salute della persona interessata e procederà alla redazione del relativo documento.

Ogni quanto deve essere aggiornata la diagnosi funzionale?

La diagnosi deve essere rigorosamente aggiornata al momento del passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare, da quest’ultima alla scuola media inferiore e dalla scuola media inferiore alla scuola superiore.

Per questo motivo, i genitori devono assumersi l’obbligo di fissare un appuntamento per ottenere una nuova Diagnosi Funzionale non appena il loro figlio entra nell’ultimo anno della scuola materna, dell’ultimo anno delle scuole elementari e della terza media.

La diagnosi può anche essere aggiornata in altri momenti, ma ci devono essere cambiamenti significativi nel quadro generale che potrebbero richiedere modifiche alle risorse da attivare.

FAQ sull’esempio di diagnosi funzionale

Che differenza c’è tra certificazione e diagnosi?

La diagnosi è un processo attraverso il quale un professionista della salute identifica una malattia o un disturbo specifico in base ai sintomi e ai risultati dei test del paziente. Si tratta di un’analisi clinica basata su indagini mediche, esami fisici e altre procedure diagnostico-medicali.

D’altra parte, la certificazione è un documento formale che conferma lo stato di salute o la malattia di un individuo. Questo documento può essere utilizzato per scopi legali, amministrativi o burocratici. Ad esempio, una certificazione di disabilità conferma che un individuo ha una disabilità riconosciuta e può essere utilizzata per accedere a servizi o supporti specifici.

In che modo la diagnosi funzionale differisce da una diagnosi clinica?

Mentre una diagnosi clinica si concentra sulla identificazione di una specifica condizione o malattia, una diagnosi funzionale si concentra sulle abilità e sui bisogni dell’individuo in relazione alle sue attività quotidiane.

Che differenza c’è tra diagnosi funzionale e profilo dinamico funzionale?

Il Profilo Dinamico Funzionale è il passo che segue la Diagnosi Funzionale. Esso fornisce una previsione sul grado di sviluppo che uno studente con disabilità è probabilmente in grado di raggiungere nel breve termine (sei mesi) e nel medio termine (due anni), dopo un periodo iniziale di integrazione scolastica.

Una diagnosi funzionale può cambiare nel tempo?

Sì, una diagnosi funzionale può e dovrebbe essere rivista e aggiornata regolarmente per riflettere i cambiamenti nelle capacità e nei bisogni dell’individuo.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1