Cessione del quinto pensione inabilità lavorativa

Scopri quando è possibile, chi può farlo e come richiedere la cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa.
 - 
13/09/2023

Cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa: vediamo nel dettaglio come funziona e qual è il processo da seguire per effettuare la richiesta (scopri le ultime notizie su categorie protetteLegge 104diritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Come funziona la cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa?

La cessione del quinto rappresenta una forma specifica di prestito personale concepita per lavoratori dipendenti e pensionati.

Si tratta di un tipo di finanziamento che può essere richiesto per soddisfare esigenze personali legate alla sfera privata e familiare, come ad esempio l’acquisto di un veicolo, di un televisore, la partecipazione a un corso di formazione o per coprire necessità di liquidità.

Questo prestito impone l’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione che garantisca il pagamento del saldo del debito nel caso in cui si perda il lavoro o avvenga il decesso del beneficiario.

Nel caso di pensione di invalidità, il prestito con la cessione del quinto condivide molte delle caratteristiche riservate ai pensionati INPS. Tuttavia, si notano due distinzioni importanti. Inizialmente, i criteri di idoneità per ottenere il finanziamento sono dissimili, e in aggiunta, viene richiesto un esame medico per valutare lo stato di salute del richiedente del prestito.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Chi può richiedere la cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa?

In Italia, le pensioni di invalidità possono essere erogate non solo dall’INPS, ma anche da altri organismi assistenziali come l’INAIL. Le pensioni di invalidità si distinguono in due categorie principali:

  1. Invalidità ordinaria
  2. Invalidità civile

L’assegno di invalidità ordinaria è concesso dall’INPS ai lavoratori che hanno una condizione di disabilità mentale o fisica riconosciuta da una commissione medica. La possibilità di richiedere la cessione del quinto è riservata esclusivamente a coloro che ricevono l’assegno di invalidità ordinaria in modo permanente.

Diversamente, l’assegno di invalidità civile è destinato a individui con deficit uditivi, visivi, mutilazioni o affetti da malattie come la drepanocitosi o la talassemia. Anche in questo caso, è richiesta una valutazione medica per ottenere la pensione.

Chi, invece, percepisce un assegno per invalidità civile non ha la possibilità di richiedere la cessione del quinto. Allo stesso modo, altre forme di assistenza, come le indennità di accompagnamento e gli assegni di invalidità destinati a chi ha una disabilità al 100%, non consentono di accedere alla cessione del quinto.

Quali sono i requisiti per richiedere la cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa?

Dalla prima richiesta, l’assegno di invalidità ordinaria deve essere rinnovato ogni tre anni. Al termine del terzo rinnovo, viene considerato definitivo, rendendo possibile l’utilizzo di questa pensione per richiedere la cessione del quinto.

Inoltre, tra i documenti necessari per ottenere il prestito, che includono carta d’identità, tessera sanitaria e cedolino della pensione, è obbligatorio allegare una relazione da parte di una commissione medica che valuti lo stato di salute del richiedente.

Questo rappresenta uno dei requisiti più cruciali, poiché se la relazione medica evidenzia malattie o condizioni gravi, diventa più complesso ottenere il prestito. Al contrario, se l’esame medico attesta un buono stato di salute, è possibile ottenere il finanziamento e anche un importo più elevato.

I limiti di età stabiliti per richiedere la cessione del quinto con una pensione di invalidità sono di 70 anni e di 75 anni al termine del periodo di rimborso del finanziamento.

Cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa
Cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa – L’immagine mostra due signori anziani che stanno firmando un documento insieme a una signora.

Come effettuare la richiesta di cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa?

Se si riceve un assegno definitivo di invalidità ordinaria, è possibile richiedere la cessione del quinto attraverso gli sportelli delle istituzioni finanziarie o inviando una richiesta di preventivo online.

I documenti richiesti per la richiesta includono:

  1. Carta di identità
  2. Codice fiscale
  3. Cedolino della pensione
  4. Relazione medica

Il prestito con cessione del quinto prevede alcune specifiche condizioni.

Innanzitutto, il pagamento avviene tramite una rata mensile, la cui gestione è automatica: l’INPS trattiene la rata direttamente dalla pensione e la trasferisce alla società finanziaria.

La durata del finanziamento può variare da un minimo di 2 anni a un massimo di 10 anni, offrendo flessibilità nelle scelte di rimborso.

Per quanto riguarda l’importo della rata, questo non può superare il 20% dell’ammontare netto della pensione, garantendo che il rimborso rimanga gestibile per il beneficiario.

È importante notare che il saldo residuo della pensione non può scendere al di sotto dei livelli minimi di sussistenza stabiliti annualmente dall’INPS, che solitamente si aggirano intorno ai 500 €. Ciò garantisce che il beneficiario disponga sempre di una somma sufficiente per le spese essenziali.

Inoltre, è obbligatoria la stipula di un’assicurazione, che fornisce una sicurezza aggiuntiva nel caso di perdita del lavoro o di situazioni simili che potrebbero impedire al beneficiario di onorare il prestito.

FAQ sulla cessione del quinto con pensione di inabilità lavorativa

Cosa prevede la pensione di inabilità?

La pensione di inabilità rappresenta un sostegno finanziario erogato su richiesta a individui riconosciuti come totalmente e permanentemente inabili dal lavoro (con un grado di invalidità del 100%) e che si trovano in una situazione di difficoltà economica.

Cosa succede se ho una cessione del quinto e vado in pensione?

L’articolo 43 del Decreto del Presidente della Repubblica numero 180 del 1950 regola la transizione delle cessioni del quinto dallo stipendio alla pensione, quando l’individuo beneficiario passa alla pensione prima del completo pagamento del prestito. Conformemente a quanto stabilito, la cessione del quinto rimane in vigore, spostandosi dallo stipendio alla nuova pensione erogata.

Quanto tempo ci vuole per una pratica di cessione del quinto?

In genere, il processo per l’erogazione del prestito con pensione di invalidità richiede circa due giorni, ma il tempismo può variare notevolmente in base ai tempi di risposta del tuo datore di lavoro o dell’INPS.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul lavoro tutelato:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1