Agevolazioni Legge 104 per ristrutturazione casa 2023

Vediamo quali sono e cosa prevedono le agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa: a chi spettano e come ottenerle.
 - 
07/07/2023

Se sono una persona disabile con certificazione dell’handicap o un familiare che lo ha a carico, posso ottenere delle agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa? (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e ricevi con WhatsAppTelegram e Facebook tutti gli approfondimenti su invalidità, diritti e Legge 104.

Quali sono le agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa 2023

Le agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa, per tutto il 2023 consistono in una detrazione IRPEF del 50% delle spese effettuate per l’installazione delle misure e per l’abbattimento delle barriere architettoniche fino a un massimo di spesa di 96mila euro.

Inoltre, è prevista una detrazione del 36% per le spese di ristrutturazione casa fino a un massimo di 48mila euro.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Per finire, puoi ottenere l’IVA agevolata al 4% per le prestazioni collegate all’appalto dei lavori.

Il governo Meloni ora sta pensando a nuovo Bonus casa fino al 100 per cento.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste.

Lavori ammessi con le agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa

Tra gli interventi previsti per ottenere gli sconti con la Legge 104 per ristrutturare casa troviamo:

  • l’eliminazione degli scalini in favore di passerelle;
  • l’allargamento di porte e passaggi;
  • trasformazione degli spazi del bagno;
  • ristrutturazioni più complesse che modificano la planimetria dell’abitazione;
  • l’installazione di ascensori e montascale.

Vediamo come funziona la Legge 104 per comprare casa o per ristrutturarla, e a quali tipi di agevolazioni hai accesso.

Esempi di calcolo delle agevolazioni

Facciamo qualche esempio per calcolare lo sconto che potresti ottenere utilizzando le agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa.

Se per esempio hai bisogno di installare un montascale a casa tua e spendi 6mila euro, pagherai il costo del montascale e dell’installazione. Successivamente, però, ti verrà detratto il 50%, ovvero 3mila euro. Quindi, è come se lo avessi pagato la metà.

Se invece ristrutturi il bagno dotandolo di sanitari utili alle persone disabili (per esempio maniglie di appoggio per la doccia o per il lavabo), e mettiamo il caso tu spenda 10mila euro, ti verrà detratto il 36%, ovvero 3.600 euro, quindi è come se avessi speso 6.400 euro.

Dimensioni bagno disabili: ci sono degli obblighi e delle prescrizioni da rispettare per realizzare un bagno per disabili a norma. Ti mostriamo quali sono e come progettare un bagno per persone disabili accessibile.

A chi spettano le agevolazioni

Le agevolazioni spettano ai portatori di handicap grave articolo 3, comma 3 Legge 104/1992 e ai familiari che li hanno fiscalmente a carico, ovvero a:

  • portatori di handicap: persone che presentano una o più minorazioni di tipo fisico, psichico e/o sensoriale che creano una difficoltà di apprendimento, di integrazione lavorativa o di relazione, rappresentando un concreto svantaggio sociale e un motivo di emarginazione;
  • parenti e affini che rispettano i requisiti, fissati dalla norma, per usufruire dei permessi retribuiti e delle agevolazioni economiche destinate a chi assiste una persona beneficiaria della Legge 104.

Ecco tutte le spese agevolate con la Legge 104 comma 3, ovvero destinate a chi è stata riconosciuta la gravità dell’handicap.

Come richiedere le agevolazioni

Per richiedere le agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa, secondo l’articolo 8 della Legge n.13 del 1989 dovrai presentare una comunicazione al Sindaco del tuo Comune di appartenenza, allegando il certificato medico che attesti la disabilità, unitamente a una dichiarazione di notorietà nella quale risulti l’ubicazione dell’immobile.

Questa documentazione deve inoltre certificare che le opere non sono ancora state realizzate, così come i lavori di ristrutturazione.

Tutte le dichiarazioni fornite, verranno comunicate dal Comune alla Regione, così che si ottenga la disponibilità del fondo istituito presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che ripartisce il fondo stesso tra le Regioni (articolo 10 della Legge n. 13 del 1989).

Una volta terminati i lavori, avrai 15 giorni di tempo per consegnare la fattura delle opere di ristrutturazione eseguite, e sarà compito del Comune ripartire i fondi ricevuti tra i richiedenti.

Qualora i fondi non dovessero essere sufficienti, verrà stilata una graduatoria tra i richiedenti che terrà conto del livello di disabilità.

Scopri se puoi acquistare l’arredamento con la Legge 104 e se ci sono delle regole per le agevolazioni. Ti parliamo inoltre di quanto puoi risparmiare sull’acquisto.

Le agevolazioni per l’eliminazione delle barriere architettoniche: il Bonus

I titolari di Legge 104 e i familiari che li hanno a carico, per ristrutturare casa possono richiedere anche il Bonus barriere architettoniche.

La legge di Bilancio 2023 ha prorogato fino al 31 dicembre 2025 il bonus per superare le barriere architettoniche, con una detrazione del 75% delle spese sostenute. In alternativa, è disponibile il bonus ristrutturazioni al 50%.

I beneficiari del bonus per barriere architettoniche includono:

  • persone fisiche,
  • enti pubblici e privati non commerciali,
  • società semplici,
  • associazioni professionali e chiunque ottenga reddito d’impresa.

Il bonus ristrutturazioni è riservato ai contribuenti Irpef per immobili residenziali.

Il bonus per barriere architettoniche copre le spese per interventi finalizzati a superare e rimuovere barriere architettoniche in edifici esistenti, mentre il bonus ristrutturazioni si applica a interventi per eliminare barriere architettoniche che riguardano, per esempio, ascensori, montacarichi, e tecnologie per favorire la mobilità interna ed esterna per persone con disabilità.

La detrazione per il bonus barriere architettoniche è del 75%, con un limite massimo di spesa tra 30.000 e 50.000 euro a seconda del tipo di edificio. Il bonus ristrutturazioni offre una detrazione del 50% con un limite di spesa di 96.000 euro. Entrambi i bonus possono essere detratti su più anni in quote annuali.

A partire dal 17 febbraio 2023, è stata abolita l’opzione di cessione del credito o sconto in fattura, salvo per interventi già avviati o per i quali è stata presentata la richiesta del titolo abilitativo prima di tale data.

Questa detrazione è suddivisa in 5 quote annuali. Ovviamente tutte le opere devono essere adeguatamente documentate.

Può essere utilizzato da privati cittadini, ma anche da enti pubblici e privati. È previsto un massimo di spesa, che cambia a seconda degli edifici interessati. Il tetto limite è stato fissato a 50mila euro.

Vediamo nel dettaglio:

  • 50mila euro per edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno;
  • 40mila euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio edifici composti da 2 a 8 unità immobiliari;
  • 30mila euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio edifici composti da più di 8 unità immobiliari.

Ecco quali sono le agevolazioni per installare il montascale per i disabili e come ottenerle: detrazioni, Iva agevolata e Bonus barriere architettoniche.

Lavori ammessi con il Bonus barriere architettoniche

Quelle di seguito sono le opere che possono essere realizzate con il Bonus barriere architettoniche:

  • sostituzione di finiture (pavimenti, porte, infissi, terminali degli impianti);
  • rifacimento di impianti tecnologici (servizi igienici, impianti elettrici, citofoni, ascensori);
  • ristrutturazioni di scale;
  • sistemazione posti auto per realizzazione di parcheggi riservati alle persone con disabilità;
  • installazione di rampe, servoscala, piattaforme elevatrici e ascensori;
  • ristrutturazione viali d’accesso per ipovedenti.

Per conoscere nel dettaglio a chi spetta, cosa prevede e come richiedere il Bonus barriere architettoniche, leggi il nostro approfondimento: Bonus barriere architettoniche fino al 2025.

Agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa
Agevolazioni Legge 104 per ristrutturazione casa 2023

Agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa in sintesi

IN SINTESI: Le agevolazioni con Legge 104 per ristrutturare casa nel 2023 offrono diverse opportunità per coloro che sono disabili o hanno a carico un familiare con handicap grave.

Queste agevolazioni comprendono una detrazione IRPEF del 50% delle spese per l’installazione di misure e l’abbattimento delle barriere architettoniche, fino a un massimo di 96.000 euro.

Inoltre, è prevista una detrazione del 36% per le spese di ristrutturazione casa, fino a un massimo di 48.000 euro.

È possibile beneficiare anche dell’IVA agevolata al 4% per le prestazioni collegate all’appalto dei lavori.

Inoltre, è possibile richiedere il Bonus barriere architettoniche, che offre una detrazione fiscale del 75% per gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche. Il Bonus è suddiviso in 5 quote annuali e ha un limite di spesa, che varia a seconda del tipo di edificio.

Le agevolazioni sono destinate ai portatori di handicap grave e ai familiari che li hanno a carico. I requisiti sono fissati dalla Legge 104/1992.

FAQ (domande e risposte)

Cosa prevede la Legge 104?

La Legge 104, nota anche come Legge 104/92, è una normativa italiana che offre tutela e agevolazioni per le persone affette da handicap o disabilità, nonché per i familiari che si occupano della loro assistenza. Questa legge ha lo scopo di garantire i diritti fondamentali e favorire l’inclusione sociale di queste persone.

A chi spetta la Legge 104?

La Legge 104 spetta a diverse categorie di persone, tra cui:

  1. Persone con disabilità: la legge si applica a coloro che sono affetti da una disabilità che limita la capacità lavorativa o l’autonomia personale.
  2. familiari di persone con disabilità: la Legge 104 riconosce il diritto ai familiari conviventi di persone con disabilità di beneficiare delle agevolazioni previste dalla normativa.
  3. lavoratori dipendenti: la Legge 104 garantisce diritti e agevolazioni specifiche per i lavoratori dipendenti affetti da disabilità o che hanno un familiare con disabilità a carico.
  4. studenti con disabilità: la legge prevede misure e provvedimenti per favorire l’inclusione scolastica degli studenti con disabilità.

Come fare domanda per la Legge 104?

Per fare domanda per usufruire delle agevolazioni previste dalla Legge 104, è necessario seguire alcuni passaggi:

  1. Ottenere la certificazione di disabilità: prima di presentare la domanda, è fondamentale ottenere la certificazione di disabilità rilasciata dalla Commissione Medica Locale dell’ASL di competenza. La certificazione attesta la condizione di disabilità e ne determina il grado.
  2. Raccogliere la documentazione necessaria: è importante raccogliere tutta la documentazione richiesta per la domanda, come il certificato medico di disabilità, il documento di identità e altri eventuali documenti specifici richiesti dalle autorità competenti.
  3. Compilare la domanda: una volta ottenuti i documenti necessari, è possibile compilare la domanda per usufruire delle agevolazioni previste dalla Legge 104. La domanda può essere presentata presso l’INPS (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) o presso gli uffici dell’ASL (Azienda Sanitaria Locale) di competenza.
  4. Attendi la valutazione e la risposta: dopo aver presentato la domanda, sarà necessario attendere la valutazione da parte delle autorità competenti. Una volta valutata la situazione, verrà comunicata la decisione e, se positiva, saranno indicati i diritti e le agevolazioni che spettano secondo la situazione specifica.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1