/ Quattordicesima invalidi civili 2023: mi arriverà a luglio?

Quattordicesima invalidi civili 2023: mi arriverà a luglio?

Quattordicesima alle persone con invalidità civile: quando e a chi spetta? Vediamo le prestazioni compatibili, gli esclusi e gli importi erogati.
 - 
04/07/2023

A luglio viene pagata la quattordicesima alle persone con invalidità civile? Vediamo insieme a chi spetta e chi sono gli esclusi (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e ricevi con WhatsApp, Telegram e Facebook tutti gli approfondimenti su invalidità, diritti e Legge 104.

Quattordicesima alle persone con invalidità civile: a chi spetta?

Facciamo subito chiarezza: essendo una prestazione calcolata sugli anni di contributi versati, la quattordicesima non spetta a tutti i pensionati invalidi civili, ma soltanto ai titolari di:

Quattordicesima alle persone con invalidità civile: gli esclusi

Nulla è cambiato, dunque, rispetto agli anni scorsi: la mensilità aggiuntiva, solitamente corrisposta a luglio (o a dicembre) ai pensionati in possesso dei requisiti anagrafici (almeno 64 anni di età, se compiuti da agosto in poi la quattordicesima arriva a dicembre) e reddituali (massimo 14.657,24 euro annui) richiesti, non spetta ai titolari di pensioni di invalidità civile.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Inoltre, non viene pagata neppure a chi percepisce:

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

Quattordicesima sulla pensione di inabilità

Come anticipato in apertura, non sempre spetta la quattordicesima alle persone con invalidità.

Solo tre categorie di pensionati invalidi hanno diritto alla mensilità aggiuntiva. I primi sono i titolari di pensione di inabilità.

Questa prestazione non va assolutamente confusa con la pensione di invalidità civile, in quanto viene riconosciuta se il lavoratore ha maturato almeno 5 anni di contributi, di cui almeno 3 anni nel quinquennio precedente alla domanda di pensione.

Possono accedere alla pensione di inabilità chi si è visto riconoscere un’assoluta e permanente impossibilità di lavorare, a causa di infermità o difetti fisici o psichici. Per beneficiarne, il lavoratore deve necessariamente cessare qualsiasi attività lavorativa.

L’importo della prestazione viene calcolato con un sistema di calcolo misto o contributivo, a seconda del periodo in cui il lavoratore ha versato i suoi contributi (prima e/o dopo il 1996).

Quattordicesima ai titolari di Assegno ordinario di invalidità

La quattordicesima spetta anche ai titolari dell’Assegno ordinario di invalidità, ovvero a coloro che si sono visti riconoscere una riduzione della capacità lavorativa pari o superiore a due terzi (almeno 67%).

Come la pensione di inabilità, anche l’Assegno tiene conto degli anni di contributi versati (almeno 5 anni, di cui almeno 3 anni nel quinquennio precedente alla domanda).

Ma a differenza della pensione di inabilità, i titolari di Assegno ordinario di invalidità possono continuare a lavorare.

Quattordicesima sulla pensione di reversibilità

Infine, la quattordicesima spetta anche ai titolari di pensione di reversibilità, ma è necessario chiarire che, se il pensionato percepisce una sua pensione, avrà diritto alla mensilità aggiuntiva calcolata solo su questa prestazione, altrimenti riceverebbe due volte la quattordicesima (non è possibile).

Invece, chi percepisce solo la reversibilità senza essere titolare di alcuna pensione diretta, avrà diritto alla quattordicesima su quell’assegno.

Quattordicesima alle persone con invalidità civile: redditi e importi

Dopo aver visto a chi verrà pagata la quattordicesima alle persone con invalidità civile, a luglio, ricordiamo i requisiti da rispettare per godere della mensilità aggiuntiva.

Oltre al requisito anagrafico (almeno 64 anni di età), bisogna rispettare dei parametri reddituali (si tiene conto soltanto del reddito personale):

Con un reddito fino a 10.992,93 euro spettano:

  • 436,80 euro (ai pensionati ex dipendenti con 15 anni di contributi; ai pensionati ex lavoratori autonomi con 18 anni di contributi). Con redditi superiori a 10.992,93 euro e fino a 11.429,73 euro annui spetta una quattordicesima ridotta;
  • 546 euro (ai pensionati ex dipendenti con un’anzianità contributiva compresa tra 15 e 25 anni; ai pensionati ex lavoratori autonomi con un’anzianità contributiva compresa tra 18 e 28 anni). Con redditi superiori a 10.992,93 euro e 11.538,93 euro annui spetta una quattordicesima ridotta;
  • 655,20 euro (ai pensionati ex dipendenti con più di 25 anni di contributi; ai pensionati ex lavoratori autonomi con più di 28 anni di contributi). Con redditi superiori a 10.992,93 euro e fino a 11.648,13 euro annui spetta una quattordicesima ridotta.

Con un reddito annuo lordo fino a 14.657,24, spetta una quattordicesima di:

  • 336 euro (ai pensionati ex dipendenti con 15 anni di contributi; ai pensionati ex lavoratori autonomi con 18 anni di contributi). Con un reddito superiore a 14.657,24 euro e 14.993,24 euro spetta una quattordicesima ridotta.
  • 420 euro (ai pensionati ex dipendenti con un’anzianità contributiva compresa tra 15 e 25 anni; ai pensionati ex lavoratori autonomi con un’anzianità contributiva compresa tra 18 e 28 anni). Con un reddito superiore a 14.657,24 euro e fino a 15.077,24 euro spetta una quattordicesima ridotta;
  • 504 euro (ai pensionati ex dipendenti con più di 25 anni di contributi; ai pensionati ex lavoratori autonomi con più di 28 anni di contributi). Con un reddito superiore a 14.657,24 euro e fino a 15.161,24 euro spetta una quattordicesima ridotta.

Quattordicesima: quali redditi considerare?

Per il calcolo della quattordicesima devono essere considerati questi redditi:

  • dell’anno in corso (2023) per chi la percepisce per la prima volta;
  • dell’anno precedente (2022) e quello dell’anno in corso, in base alle comunicazioni pervenute all’INPS e alle prestazioni conseguite nell’anno corrente.

Sono esclusi dal calcolo del reddito (Circolare INPS n. 130 del 02/07/2015):

  • i trattamenti di famiglia (Anf);
  • le indennità di accompagnamento;
  • il reddito della casa di abitazione;
  • il reddito dei trattamenti di fine rapporto di lavoro;
  • i compensi arretrati sottoposti a tassazione separata;
  • le pensioni di guerra;
  • le indennità per i ciechi parziali e dell’indennità di comunicazione per sordi prelinguali;
  • l’indennizzo previsto della Legge n. 210 del 25/02/1992;
  • la somma di 154,94 euro di importo aggiuntivo prevista per i pensionati a dicembre, (Legge n. 388 del 23/12/2000);
  • i sussidi economici dei Comuni ed altri Enti erogano agli anziani (Circolare n. 119 del 18/10/2007).
Quattordicesima alle persone con invalidità civile
Quattordicesima alle persone con invalidità civile: in foto due mani proteggono il simbolo della disabilità.

Faq sulla quattordicesima

Cos’è la quattordicesima e a chi spetta?

La quattordicesima è un’indennità annuale che viene erogata oltre alla tredicesima. Questa indennità è un diritto dei lavoratori dipendenti e dei pensionati. L’erogazione della quattordicesima nel 2023 avviene nel mese di giugno o di luglio, in base all’azienda e al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.

La quattordicesima può essere rateizzata come la tredicesima?

Sì, come la tredicesima, anche la quattordicesima può essere rateizzata e spalmata sullo stipendio mensile. Questo può variare a seconda dell’azienda e del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.

Come incide la quattordicesima sul reddito imponibile?

La quattordicesima non fa reddito ai fini fiscali, previdenziali e assistenziali. Questo significa che non è tassata e non influisce sul reddito imponibile, né sul diritto a prestazioni previdenziali o assistenziali.

Come viene calcolato l’importo della quattordicesima per i lavoratori dipendenti?

L’importo della quattordicesima nel 2023 per i lavoratori dipendenti è pari al valore della retribuzione lorda mensile percepita dal dipendente. Si calcola moltiplicando lo stipendio lordo mensile per i mesi lavorati durante l’anno, e poi dividendo il risultato per 12 mesi.

A quali pensionati spetta la quattordicesima?

La quattordicesima nel 2023 per i pensionati viene pagata in un’unica soluzione, con la pensione di luglio. Tuttavia, non tutti i pensionati la ricevono. Il diritto scatta a partire dal 64° anno di età. Inoltre, la quattordicesima è legata al possesso di un determinato reddito personale.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.