Permessi 104, quante ore di assistenza bisogna assicurare?

Ore di assistenza con i permessi della Legge 104: quante ne devo riservare alla cura del familiare disabile? Ecco cosa dice la Cassazione.
 - 
07/05/2023

Quante sono le ore di assistenza con i permessi della Legge 104? Quante bisogna assicurarne? Vediamolo in questo approfondimento (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

Indice

Quante ore di assistenza con i permessi della Legge 104?

I permessi lavorativi retribuiti sono una delle agevolazioni previste dalla Legge 104. Permettono di assentarsi da lavoro per assistere un familiare con disabilità.

Possono essere sfruttati non solo in giorni (3 al mese), ma anche frazionati in ore. A beneficiarne possono essere il coniuge, il convivente more uxorio, il partner in unione civile, il genitore, i parenti e gli affini entro il secondo grado (in alcuni casi è possibile anche beneficiarne per parenti o affini entro il terzo grado).

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Quante sono le ore di assistenza con i permessi della Legge 104? Quante ore bisogna dedicare alla cura e all’assistenza di un familiare con disabilità?

Iniziamo col dire che l’assistenza continuativa non è più obbligatoria, ma è stata abrogata dalla Corte di Cassazione. Significa che il lavoratore dipendente non ha l’obbligo di prestare assistenza continuativa, 24 ore al giorno, al familiare disabile mentre fruisce dei 3 giorni di permessi lavorativi.

Può, quindi, riservare una parte delle ore di permesso per riposarsi, dedicarsi alla vita sociale o per sbrigare qualche servizio personale.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

Ore di assistenza con i permessi della Legge 104: l’intervento della Cassazione

La Suprema Corte è intervenuta per tutelare chi, alla fine della giornata di lavoro, deve assistere un genitore con disabilità o impossibilitato a deambulare, rispetto a chi, una volta finito di lavorare, può tornare a casa a riposarsi o dedicare ore libere a sé stesso o alla propria famiglia.

Fino a qualche anno fa, la Cassazione era particolarmente “cattiva” nei confronti del lavoratore che, durante i giorni di permesso per la 104, riservavano qualche ora per sé stessi.

È il caso di un dipendente che, dopo aver messo a letto il familiare invalido, si era recato in discoteca, finendo per essere licenziato.

Attenzione, però: abusare dei permessi retribuiti rimane un reato punibile con il licenziamento e, nei casi più gravi, con la denuncia per truffa.

Si configura un illecito, un abuso, quando il lavoratore, anziché prestare assistenza, se ne va al mare o in montagna, in palestra o al bar con gli amici, sprecando le ore di permesso senza badare al familiare disabile.

Ore di assistenza con i permessi della Legge 104
Ore di assistenza con i permessi della Legge 104: in foto una donna assiste un disabile.

Ore di assistenza con i permessi della Legge 104: confine tra abuso e diritto

Ma qual è il confine tra “abuso” e “diritto”? La Cassazione spiega che non bisogna stravolgere la funzione del permesso retribuito. Delle 24 ore, la maggior parte di queste deve essere riservata all’assistenza del familiare con disabilità. E non necessariamente è la parte che avrebbe coinciso con le ore trascorse a lavorare.

Quindi viene esclusa la possibilità per il lavoratore di sfruttare i permessi esclusivamente come giorni di riposo.  

Ma quante sono le ore di assistenza con i permessi della Legge 104? Una sentenza della Corte di Cassazione ci viene in aiuto e ci fornisce un’idea delle ore da riservare alla cura del familiare disabile.

In questo caso veniva giudicato il comportamento di un lavoratore che su 32 ore di permessi lavorativi, dedicava poco più di 4 ore per attività personali, che nulla avevano a che fare con l’assistenza al disabile.

Si configurava, dunque, un comportamento vietato da parte del lavoratore, ma non talmente grave da causare il suo licenziamento, in questo caso illegittimo. La sanzione, quindi, deve essere commisurata al comportamento del lavoratore e alle ore “sprecate”.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1