/ Assegno ordinario di invalidità: cifra minima nel 2023
  / Assegno ordinario di invalidità: cifra minima nel 2023

Assegno ordinario di invalidità: cifra minima nel 2023

Qual è la cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità e quando è possibile chiedere l'integrazione al minimo? Scopriamolo in questo articolo.
 - 
14/04/2023

Qual è la cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità? Ne parliamo in questo approfondimento (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le altre guide complete di IED. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

Indice

Qual è la cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità?

L’Assegno ordinario di invalidità è una prestazione economica che l’INPS eroga al lavoratore con una riduzione della capacità lavorativa superiore a due terzi (67%).

Qual è la cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità? In realtà non c’è un limite minimo di importo: il valore della prestazione dipende dai contributi versati dal lavoratore.

In ogni caso, come per la maggior parte delle pensioni, chi percepisce un Assegno ordinario di invalidità di importo inferiore a 563,74 euro (l’importo della pensione minima nel 2023) ha diritto all’integrazione al trattamento minimo, se si rispettano determinati limiti di reddito.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

Acquista la nostra Guida Completa all'Assegno ordinario di invalidità oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità: come si calcola l’importo?

Abbiamo visto qual è la cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità e con quale importo è possibile richiedere l’integrazione al minimo. Ma come si calcola l’importo della prestazione?

L’Assegno spetta a quei lavoratori che, subita la riduzione della capacità lavorativa a più di due terzi (67%), possono vantare almeno 5 anni di contributi versati, di cui almeno 3 anni nei 5 anni precedenti alla presentazione della domanda.

Quindi, ad esempio: se il lavoratore ha versato 8 anni di contributi in totale, ma soltanto 2 anni negli ultimi 5 anni prima della domanda, non avrà diritto all’Assegno. Invece, se il lavoratore ha versato 8 anni di contributi, di cui 4 negli ultimi 5 anni prima della domanda, avrà diritto all’Assegno.

L’importo viene calcolato con le stesse regole di una normale pensione, utilizzando i tre sistemi di calcolo a seconda del periodo in cui sono stati versati i contributi: utilizzeremo il sistema retributivo per i contributi versati interamente prima del 1996; il sistema contributivo per i contributi maturati interamente a partire dal 1996 e il sistema misto, se la contribuzione è precedente o successiva al 1996.

Cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità: integrazione al minimo

Se l’importo, come visto in precedenza, è inferiore al valore di un mese di pensione minima (563,73 euro, nel 2023), il titolare dell’Assegno ordinario di invalidità potrà richiedere l’integrazione al minimo, ma solo se rispetta dei requisiti reddituali.

L’integrazione spetta:

  • con un reddito personale inferiore a 13.085,02 euro;
  • con un reddito coniugale inferiore a 19.627,53 euro.

Se il beneficiario dovesse essere coniugato, potrà superare il limite di reddito personale, ma non quello da coniugato.

L’integrazione spetta in misura parziale? No, per l’Assegno ordinario di invalidità non valgono le regole delle altre pensioni. È obbligatorio, dunque, rientrare in quei limiti reddituali, altrimenti l’integrazione non verrà erogata.

Facciamo un esempio: con un Assegno di 400 euro al mese spetterebbe l’integrazione di 163 euro. Ma con un reddito personale di 15.000 euro e da coniugato superiore a 20.000 euro non è prevista alcuna integrazione, poiché non si rispettano i limiti reddituali previsti dalla legge.

Quali redditi bisogna considerare? Per richiedere l’integrazione al trattamento minimo rientrano nel computo:

  • i redditi soggetti a ritenute IRPEF;
  • l’importo dell’Assegno ordinario INPS, a partire dal 1995;
  • gli arretrati soggetti alla tassazione separata (arretrati, TFR, TFS).

Non rientrano nel calcolo: la casa di abitazione e la pertinenza.

Cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità
Cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità: in foto alcune banconote e monete di euro.

Cifra minima dell’Assegno ordinario di invalidità: come fare domanda e quanto dura

È possibile presentare domanda per l’Assegno ordinario di invalidità:

  • accedendo online sul sito INPS (con una delle credenziali, SPID, CIE o CNS);
  • con l’aiuto di Caf o patronati, che compileranno la domanda online;
  • telefonando al contact center dell’INPS, ai numeri 803 164 (attivo da telefono fisso) oppure 06 164 164 (attivo da rete mobile).

Alla domanda va allegato il documento di riconoscimento e il modulo SS3 di certificazione medica.

L’Assegno ordinario di invalidità ha una durata di 3 anni e può essere rinnovato, rispettando i requisiti sanitari richiesti.

Se nei 3 anni, il titolare di Assegno non dovesse aver lavorato, l’INPS riconoscerà, in automatico, i contributi figurativi.

Ecco le 5 guide preferite dagli utenti:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1