L’accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio?

L'accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio? L'indennità va considerata nel calcolo del reddito? Vediamo cosa dice la legge.
 - 
26/02/2023

L’accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio? Vediamo cosa dice la legge (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Indice

L’accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio?

Il gratuito patrocinio è un servizio riconosciuto dallo Stato a chi non ha le possibilità economiche per permettersi un avvocato che lo assista in un ricorso per l’invalidità o per qualsiasi altro appello.

Spetta, dunque, a chi ha un reddito inferiore a 11.369,24 euro lordi l’anno. A questo punto ci chiediamo: l’accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio?

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

L’indennità per gli invalidi totali non autosufficienti è esclusa dal reddito personale, in quanto “erogazione di sostegno diretta alla remunerazione dell’opera di terze persone, impegnate nell’assistenza all’invalido; un sussidio destinato a fare fronte ad impegni di spesa indispensabili per consentire all’invalido condizioni di vita compatibili con la dignità umana”, ai sensi del D.P.R. numero 115 del 2002, art. 76.

Quindi, l’accompagnamento non si considera ai fini del calcolo del reddito per l’ottenimento del gratuito patrocinio.

A chiarirlo è stata la Corte di Cassazione, quarta sezione penale, con la sentenza numero 26302 del 2018, pronunciandosi sul ricorso presentato da un cittadino contro il provvedimento di negazione all’ammissione al gratuito patrocinio.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

L’accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio? A chi spetta

Abbiamo visto che l’accompagnamento non rientra nel reddito da dichiarare per ottenere il gratuito patrocinio.

Sotto la soglia di 11.369,24 euro, aggiornata al 2023, le spese legali di chi affronta un ricorso avverso un provvedimento per l’invalidità sono a carico dello Stato.

Il gratuito patrocinio è sancito dall’articolo 24 della Costituzione Italiana, che afferma che ogni cittadino ha diritto a essere difeso, anche se si trova in condizioni economiche che non gli permettono di pagare un avvocato.

Oltre che per il ricorso per l’invalidità, presentato quando non si è d’accordo con quanto riportato nel verbale rilasciato dalla commissione medica dell’Asl, al termine della visita di controllo, il gratuito patrocinio può essere richiesto anche per:

  • procedimenti civili;
  • procedimenti penali;
  • procedimenti amministrativi;
  • mediazioni civili obbligatorie;
  • affari di volontaria giurisdizione.
L'accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio
L’accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio? In foto un avvocato al lavoro.

L’accompagnamento fa reddito per il gratuito patrocinio? Ricorso invalidità

Tra i casi più comuni per l’ottenimento del gratuito patrocinio troviamo sicuramente il ricorso avverso la decisione della commissione medica dell’Asl per il mancato ottenimento dello status di invalido civile o quando è riconosciuta una percentuale di invalidità considerata troppo bassa dal cittadino.

La legge consente al cittadino di presentare un ricorso giudiziale, che va distinto dal ricorso amministrativo, utilizzato per impugnare provvedimenti di rigetto o di revoca dei benefici economici riguardanti requisiti non sanitari, quali il reddito, la cittadinanza o la residenza.

Il ricorso giudiziale impone la presenza di un avvocato: qualora il ricorrente non fosse nelle condizioni per permettersi, economicamente, un legale difensore, può fare appello al gratuito patrocinio e presentare ricorso entro 6 mesi dalla data di comunicazione del verbale da impugnare.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1