Congedo legge 104 con dimora temporanea: come fare

In questo articolo cerchiamo di capire se è possibile richiedere il congedo Legge 104 con dimora temporanea o se è sempre necessario risultare residenti con il disabile da assistere.
 - 
05/02/2023

In quali casi è possibile ottenere il congedo Legge 104 con dimora temporanea? Cosa prevede la dimora temporanea e per quanto tempo si può utilizzare per il congedo? Cosa succede oltre questo limite di tempo? (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Nonostante la normativa richieda che per il congedo straordinario sia necessaria la convivenza (stessa residenza) con il disabile, il congedo Legge 104 con dimora temporanea è ammesso dalla normativa.

Tuttavia, ha dei limiti di tempo, oltre i quali è obbligatorio spostare la propria residenza presso quella dell’assistito, altrimenti non si può più fruire del beneficio.

Ci sono poi dei casi in cui la residenza con il disabile grave non è obbligatoria, e altri in cui basta risiedere nello stesso stabile, anche se in interni diversi.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Vediamo quali sono le regole per il congedo straordinario e come fare in caso di congedo Legge 104 con dimora temporanea.

Indice

Come fare per avere il congedo Legge 104 con dimora temporanea?

Per avere il congedo Legge 104 con dimora temporanea dovrai prima richiedere, appunto, la dimora temporanea.

Per dimora temporanea si intende la permanenza in un luogo (in questo caso l’abitazione del disabile da assistere) che non è il proprio abituale (la tua residenza).

Per ottenere la dimora temporanea dovrai presentare richiesta di iscrizione nei registri della popolazione temporanea, all’anagrafe del Comune nel quale ti troverai provvisoriamente (art. 32 del dpr 223/1989).

L’istanza deve contenere i tuoi dati anagrafici (data e luogo di nascita, luogo di residenza, professione, stato civile), la specificazione del motivo per il quale chiedi la dimora temporanea (congedo Legge 104 per assistenza a un disabile grave) e l’indicazione dell’indirizzo della casa in cui vivi.

Alla richiesta va allegata una copia di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale.

Una volta rilasciata la certificazione attestante la dimora temporanea, potrai fare domanda per il congedo Legge 104, seguendo la procedura che ti spieghiamo in questo approfondimento.

L’INPS verificherà il requisito della dimora temporanea, in base ai dati che avrai comunicato, e se tutto è in regola accetterà la tua domanda per congedo straordinario.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Con il congedo Legge 104 con dimora temporanea per quanto tempo posso assistere il disabile?

Con il congedo Legge 104 con dimora temporanea, non potrai assistere il disabile grave per tutti e due gli anni previsti dall’agevolazione.

La dimora temporanea, infatti, è valida solo per 12 mesi. Oltre questo limite, dovrai necessariamente spostare la residenza, se vuoi continuare ad assistere il tuo familiare.

Ad alcuni beneficiari spettano 4 anni di congedo straordinario: scopri quali sono e come ottenere l’agevolazione.

Devo richiedere il congedo legge 104 con dimora temporanea anche se non vivo con il disabile ma abitiamo nello stesso stabile?

Nel caso in cui risiedi nello stesso Comune, stabile e numero civico del disabile, seppur abitiate in due interni diversi e quindi non siete conviventi, non dovrai richiedere il congedo Legge 104 con dimora temporanea (Circolare Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 3884 del 18 febbraio 2010 e Messaggio INPS n. 6512 del 4 marzo 2010).

Si può interrompere il congedo straordinario? Scopri in quali casi è possibile e come funziona.

Anche nel caso in cui debba assistere mio figlio disabile devo richiedere il congedo con Legge 104 con dimora temporanea?

No, in questo caso non dovrai richiedere il congedo con Legge 104 con dimora temporanea. La normativa, infatti, prevede che nel caso in cui si tratti di un genitore di figlio disabile grave a cui prestare assistenza, non è necessario risiedere nello stesso Comune e dimostrare la convivenza.

Congedo legge 104 diviso tra due familiari: vediamo se è possibile dopo l’eliminazione del referente unico.

Congedo legge 104 con dimora temporanea
Congedo legge 104 con dimora temporanea: come fare. Nella foto: una donna con la sua caregiver

Se utilizzo il congedo Legge 104 con dimora temporanea e dopo il limite dei 12 mesi voglio continuare ad assistere mia madre disabile, cosa devo fare?

Nel caso in cui tu debba assistere tua madre disabile grave, che non ha nessun altro oltre te (in questo articolo spieghiamo chi può assistere il disabile grave con la Legge 104) la normativa prevede un’agevolazione.

Attenzione: l’agevolazione è prevista solo nel caso in cui sia il figlio a dover assistere la madre, mentre non è valida in tutti gli altri casi.

Quindi, poniamo che tu abbia richiesto il congedo Legge 104 con dimora temporanea e che stiano per scadere i 12 mesi per cui hai il diritto.

Relativamente ai figli, la Sentenza della Corte di Cassazione 7 dicembre 2018 n. 232, ha disposto che il figlio, qualora ancora non conviva con il genitore disabile grave, ha l’obbligo di instaurarla per poter usufruire del congedo. Nel frattempo, però, può fare richiesta del beneficio.

L’INPS, con la Circolare n. 49 del 5 aprile 2019, ha poi attuato gli effetti della Sentenza, dichiarando legittima la possibilità di richiedere il congedo straordinario per la madre disabile, in attesa di cambiare la residenza.

La soluzione per te potrebbe essere questa: quando scadranno i 12 mesi, rientrerai a lavoro. A quel punto farai nuova richiesta per il congedo straordinario per assistere tua madre, in attesa di richiedere la residenza.

Ovviamente, dichiarerai la tua volontà di spostare la residenza e di convivere con tua madre, ma quanto prima dovrai farlo, altrimenti il congedo ti sarà revocato e rischi anche di rimborsare quanto anticipato dall’INPS (è l’INPS che paga il congedo).

La soluzione, quindi, può essere valida solo se realmente intendi spostare la residenza, ma per qualche motivo devi rimandare l’ufficializzazione.

Un’ultima precisazione: il congedo per assistere la madre disabile in attesa del cambio di residenza può essere richiesto solo quando nessun altro familiare convivente, pur di grado più lontano, possa farsene carico.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.