Cane guida sui mezzi di trasporto pubblici: è possibile?

L’accesso al cane guida sui mezzi di trasporto pubblici deve essere sempre consentito. Lo stabilisce la legge e se si vieta l’accesso si rischiano delle sanzioni. Ecco cosa dice la legge.
 - 
27/03/2023

Posso portare il mio cane guida sui mezzi di trasporto pubblici? Cosa posso fare se mi viene negato l’accesso? (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico).

L’accesso al cane guida che accompagna un non vedente o un non udente deve essere sempre consentito su mezzi pubblici, in negozi e aree pubbliche.

I cani guida, infatti, sono cani da assistenza utilizzati da persone non vedenti o non udenti per aiutarle a superare gli ostacoli o avvertirli della presenza di suoni importanti.

La legge dedica ai cani guida una dettagliata tutela. Vediamo cosa stabilisce e cosa succede se si ostacola l’accesso a un cane guida sui mezzi di trasporto pubblici.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Indice

È consentito l’accesso del cane guida sui mezzi di trasporto pubblici?

La Legge n. 37/1974 stabilisce che è consentito l’accesso del cane guida sui mezzi di trasporto pubblici, senza che la persona non vedente o non udente debba pagare alcun biglietto o sovratassa.

Il cane guida può altresì accedere a esercizi aperti al pubblico o in aree pubbliche.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico.

Cosa succede se si impedisce l’accesso dei cani guida sui mezzi pubblici?

I responsabili della gestione dei trasporti che impediscono l’accesso del cane guida sui mezzi di trasporto pubblici sono soggetti a una sanzione amministrativa che consiste nel pagamento di una somma da 500 euro a 2.500 euro.

In questo approfondimento parliamo di cane per assistere persone disabili: quali sono i cani che si prestano meglio e come sceglierli in base alla disabilità.

È obbligatorio mettere la museruola al cane guida sui mezzi di trasporto pubblici?

Non è obbligatorio mettere la museruola al cane guida sui mezzi di trasporto pubblici se il cane è addestrato presso le scuole nazionali. In questi casi, non si applica l’Ordinanza Sirchia sui cani pericolosi (Ordinanza 27 agosto 2004), e quindi sono esonerati dall’obbligo permanente di museruola.

Tuttavia, se il cane guida non è addestrato e se il conducente del mezzo pubblico o i passeggeri lo richiedono, il non vedente o non udente devono comunque far indossare la museruola al cane.

Contrassegno auto per ciechi. La normativa prevede il rilascio del contrassegno per persone disabili a ciechi e ipovedenti, oltre che ad altre tipologie di invalidi. Vediamo con quali requisiti e la procedura per richiederlo.

È consentito viaggiare con il cane guida sui mezzi di trasporto pubblici come l’aereo?

Il Regolamento CE n. 1107/2006 stabilisce che è consentito viaggiare con il cane guida sui mezzi di trasporto come gli aerei.

Tuttavia, l’accesso del cane guida sull’aereo deve essere comunicato in via preventiva alla compagnia aerea oppure all’operatore turistico presso il quale si sta acquistando il biglietto aereo.

Per avere accesso a un aereo, il cane guida deve essere addestrato a svolgere attività a beneficio di una persona con disabilità (fisica, sensoriale o psichiatrica) e deve essere certificato da un organismo di accreditamento per le organizzazioni di cani da assistenza in tutto il mondo.

Il cane guida deve indossare una giacca di identificazione standard o un’imbracatura per tutto il viaggio.

I cani guida assistenza che viaggiano in cabina devono sedere sul pavimento ai piedi del passeggero. I contenitori con gli alimenti del cane saranno trasportati gratuitamente.

Importi dell’indennità di accompagnamento per ciechi: ecco quelli aggiornati al 2023 e come richiedere la prestazione all’INPS.

Cane guida sui mezzi di trasporto pubblici: è possibile?
Cane guida sui mezzi di trasporto pubblici. In foto un ragazzo non vedente e il suo cane guida.

Perché il cane guida sui mezzi di trasporto pubblici può viaggiare e gli altri cani in molti casi no?

L’accesso al cane guida sui mezzi di trasporto pubblici è consentito perché si tratta di un animale che ha un ruolo importantissimo per i non vedenti e i non udenti.

Un cane guida è praticamente “gli occhi” di un non vedente e “le orecchie” di un non udente.

Si tratta di una questione vitale. Tu viaggeresti mai a occhi chiusi o tappandoti le orecchie? Correresti il rischio? Nemmeno le persone con queste tipologie di disabilità potrebbero farlo, ecco perché per legge è garantito loro di portare i cani guida anche sui mezzi di trasporto pubblici.

Il cane guida per un non vedente o un non udente è di così fondamentale importanza che lo Stato mette a disposizione delle agevolazioni fiscali per l’acquisto e il mantenimento: vediamo quali sono.

Scopri quali sono tutte le agevolazioni e le prestazioni economiche riservate a chi è stata riconosciuta l’invalidità civile per ipovedenti.

Cane guida sui mezzi di trasporto pubblici. Quali sono le agevolazioni per l’acquisto e il mantenimento del cane guida?

Proprio perché lo Stato riconosce l’importanza del cane guida per un non vedente o un non udente, mette a disposizione delle agevolazioni fiscali per il suo acquisto e mantenimento.

In particolare, sono previste due agevolazioni:

  • la prima consiste in una detrazione dall’Irpef pari al 19% del costo sostenuto per l’acquisto del cane. Ai fini del calcolo della detrazione si considera l’intero ammontare del costo sostenuto fino a un massimo di 18.075,99 euro;
  • la seconda agevolazione consiste nella detrazione forfettaria di 1000 euro delle spese sostenute per il mantenimento del cane guida (Legge di Bilancio 2019).

Hanno diritto alla detrazione solo le persone non vedenti e non i familiari che li hanno fiscalmente a carico, così come avviene per molte agevolazioni legge 104.

Per usufruire della detrazione al 19% si dovrà conservare:

  • la documentazione attestante il possesso del cane guida;
  • il certificato di invalidità che attesti la condizione di non vedente, rilasciato da una commissione medica pubblica.

In alternativa al certificato di invalidità, è possibile rilasciare un’autocertificazione per dichiarare il possesso della documentazione attestante il riconoscimento della sussistenza delle condizioni personali di invalidità, secondo le modalità indicate dall’Agenzia delle Entrate con le circolari numero 7/E del 2018 e del 2017.

Per usufruire dell’agevolazione bisogna indicare nel modello 730, barrando la casella del “Rigo E81 – Detrazione per le spese di mantenimento dei cani guida” all’interno della “Sezione VI – Dati per fruire di altre detrazioni d’imposta”.

Sempre nella dichiarazione dei redditi, al Rigo E5, si può  indicare l’importo utilizzato per l’acquisto del cane guida e in questo modo ottenere la detrazione che spetta per l’intero ammontare delle spese, ma con riferimento all’acquisto di un solo cane e una sola volta in un periodo di quattro anni, salvo i casi di perdita dell’animale.

Non è invece necessario documentare di aver sostenuto effettivamente la spesa per il mantenimento del cane guida per usufruire della detrazione.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1