/ Legge Dopo di noi, come cambierà: prospettive del governo
  / Legge Dopo di noi, come cambierà: prospettive del governo

Legge Dopo di noi, come cambierà: prospettive del governo

Scopri quali possono essere le possibili evoluzione della Legge Dopo di Noi con il prossima tavolo tecnico indetto dalla Ministra Locatelli.
 - 
08/04/2023

Legge Dopo di noi: vediamo quali sono gli scenari possibili e come potrebbe cambiare la legge (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le altre guide complete di IED. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste).

La Ministra per le Disabilità, Locatelli sta programmando di tenere una serie di incontri con associazioni, enti e amministrazioni per discutere la revisione della legge 112/2016 sul Dopo di Noi per le persone con disabilità, detta anche Legge sul Dopo di Noi.

L’obiettivo è migliorare il testo della legge e ampliarla ad una durata maggiore rispetto al periodo di vita “Dopo di Noi”.

La recente relazione della Corte dei Conti ha evidenziato alcune lacune nella gestione delle misure volte a promuovere il benessere, l’inclusione sociale e l’autonomia delle persone con disabilità grave, prive di sostegno familiare, previste nel “Fondo Dopo di Noi”.

Si è dimostrato, quindi, necessario lavorare per rendere la legge più efficace e migliorare la situazione delle persone con disabilità.

Vediamo, quindi, quali saranno le possibili ipotesi di evoluzione della Legge Dopo di Noi.

Indice

Legge Dopo di noi: su cosa verterà il tavolo tecnico di confronto?

La Ministra per le Disabilità, Locatelli organizzerà a breve un tavolo tecnico con amministrazioni, associazioni ed enti per discutere una possibile riforma della legge 112/2016.

L’obiettivo del tavolo è quello di semplificare e migliorare l’applicazione della norma al fine di migliorare la vita delle persone con disabilità e delle loro famiglie.

La Ministra Locatelli afferma che la Legge Dopo di Noi è uno strumento prezioso che può garantire un percorso completo e partecipato nella comunità attraverso il progetto di vita, e che l’obiettivo è quello di garantire una maggiore inclusione sociale e un miglioramento della qualità della vita delle persone con disabilità.

Il tavolo tecnico si terrà il 13 aprile 2023 presso il Dipartimento per le politiche in favore delle persone con disabilità.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico e un canale YouTube, dove pubblichiamo videoguide e interviste.

Legge Dopo di noi: quali sono le ipotesi di applicazione?

Durante la discussione sulla revisione della legge 112/2016 sul Dopo di Noi per le persone con disabilità, verrà affrontato anche il tema dell’applicazione concreta della norma.

Secondo la relazione della Corte dei Conti, la legge è stata applicata solo in maniera molto limitata e con grandi differenze su tutto il territorio nazionale, con solo 8.424 persone che hanno effettivamente beneficiato delle prestazioni erogate.

Legge Dopo di Noi
Legge Dopo di Noi: in foto un libro su un tavolo con un martelletto da giudice.

Legge Dopo di noi: quali sono gli obiettivi?

L’obiettivo della revisione della legge 112/2016 sul Dopo di Noi per le persone con disabilità è quello di migliorare la norma e renderla applicabile anche nel presente, estendendola a un periodo di durata maggiore rispetto al “Dopo di Noi”.

L’idea è di garantire un percorso di sostegno e autonomia alle persone con disabilità fin dal presente.

La Ministra Locatelli spiega che la legge sul Dopo di Noi è stata una grande opportunità per garantire alle persone con disabilità e alle loro famiglie un futuro sicuro, ma ora è necessario assicurare loro anche un presente migliore.

Per questo motivo, è necessario ampliare la legge per garantire un percorso di accompagnamento alla vita autonoma e indipendente per le persone con disabilità, sia durante che dopo il periodo del “Dopo di Noi”. L’obiettivo è quello di rendere la legge più comprensibile e applicabile.

La Ministra per le disabilità ha aggiunto che durante la discussione sulla revisione della legge 112/2016, è necessario immaginare forme di coabitazione più flessibili e sperimentazioni specifiche per le persone con un disturbo dello spettro autistico e altri disturbi.

La Ministra ha, inoltre, affermato che sarà compito dei membri del tavolo tecnico, che comprende amministrazioni, associazioni ed enti, confrontarsi e lavorare insieme per superare le criticità che ostacolano la piena applicazione della legge.

Inoltre, il tavolo tecnico dovrà individuare gli interventi utili a rendere l’azione amministrativa più flessibile e coerente con le esigenze delle persone con disabilità e delle loro famiglie.

Ecco le 5 guide preferite dagli utenti:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1