Con la 104 si può lavorare? Ecco quando è possibile

Spesso molti si chiedono se con la 104 si può lavorare? Scopri nel dettaglio la risposta a questo quesito.
 - 
18/10/2022

Con la 104 si può lavorare? Scopri tutti i riferimenti normativi in merito e quando ciò è possibile (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Handicap e disabilità sono spesso usati in modo intercambiabile, ma in realtà si riferiscono a concetti molto diversi.

La disabilità è un termine medico che descrive una ridotta capacità di lavorare o di svolgere le attività quotidiane a causa di una menomazione o di una particolare condizione.

L’handicap, invece, descrive gli svantaggi sociali che possono derivare da disabilità o menomazioni. Gli handicap possono essere di natura fisica, mentale o sensoriale e possono colpire persone di tutte le età, sesso e background culturale.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa alle agevolazioni su auto e sussidi della Legge 104. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Secondo la Legge 104, i portatori di handicap hanno diritto a determinati benefici volti a compensare la loro condizione e a migliorare la loro capacità di muoversi con successo nel mondo del lavoro.

Ad esempio, possono avere diritto a una pensione di inabilità o a una pensione per invalidi civili totali, a seconda di fattori quali il livello di reddito e i requisiti contributivi.

In definitiva, sebbene l’handicap rappresenti una barriera sul posto di lavoro, è importante ricordare che queste persone possono ancora dare un grande contributo alla società attraverso un’occupazione significativa. Con un sostegno e una sistemazione adeguati, possono superare tutti gli ostacoli che incontrano nel perseguimento di carriere soddisfacenti.

Indice

Con la 104 si può lavorare: la differenza tra le varie tipologie di handicap

Con la 104 si può lavorare? Esistono tre tipi potenziali di disabilità che possono essere ammessi ai benefici occupazionali.

Si tratta delle disabilità non gravi, delle disabilità gravi e di quelle che presentano un’invalidità superiore ai due terzi.

Indipendentemente dal tipo di disabilità, è importante comprendere i propri diritti ai sensi della Legge 104, che rappresenta la principale legge quadro sulla disabilità in Italia attualmente in vigore.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Con la 104 si può lavorare: i permessi retribuiti

I lavoratori gravemente disabili hanno il diritto di usufruire di permessi retribuiti su base mensile. Il congedo può essere fruito a giornate intere o frazionato a ore ed è disponibile per i lavoratori per i quali sia stata certificata una grave disabilità da parte di una commissione medica.

Per ottenere il congedo è necessario presentare all’INPS una domanda, corredata dagli accertamenti sanitari e dalla documentazione necessaria.

Una volta approvato, il congedo può essere fruito contattando direttamente l’INPS o il proprio datore di lavoro.

È importante che entrambe le parti siano informate della necessità del lavoratore di usufruire del congedo, in quanto saranno responsabili di verificare che tutti i prerequisiti per la fruizione siano soddisfatti.

Con la 104 si può lavorare: la scelta della sede di lavoro

Una disabilità grave può presentare molte sfide nella vita di tutti i giorni, soprattutto quando si tratta di trovare un impiego, ma con la 104 si può lavorare.

Per molti disabili gravi, l’opzione migliore è trovare un lavoro vicino casa, in modo da ridurre al minimo i tempi di pendolarismo e massimizzare la comodità. Tuttavia, i datori di lavoro a volte pongono dei paletti quando si tratta di dipendenti con gravi disabilità, essendo selettivi su quali posti di lavoro offrire in base alla vicinanza al luogo di lavoro.

In determinate circostanze, i datori di lavoro non possono impedire ai dipendenti con gravi disabilità di richiedere opportunità più vicine al loro domicilio.

Se un dipendente o un suo familiare è gravemente disabile – il che significa che la sua disabilità gli rende difficile o impossibile viaggiare per più di due terzi del tragitto tra la sua abitazione e il luogo di lavoro – ha il diritto di scegliere l’opportunità di lavoro più vicina alla sua abitazione.

Con la 104 si può lavorare: chi ha diritto al rifiuto al trasferimento?

Nei casi in cui un dipendente sia gravemente disabile o si prenda cura di qualcun altro gravemente disabile, potrebbe non essere legale per quel dipendente trasferirsi in un’altra sede contro la sua volontà.

Ad esempio, se l’azienda ha fornito importanti motivi per richiedere il trasferimento, come maggiori opportunità di crescita professionale o migliori benefit, e il dipendente rifiuta comunque, questo diritto non può essere imposto.

In definitiva, spetta alla discrezione di ogni singolo dipendente decidere se un trasferimento proposto possa rappresentare una situazione adeguata in termini di considerazioni personali e professionali.

Con la 104 si può lavorare
Con la 104 si può lavorare?

Con la 104 si può lavorare: il lavoro notturno

Per quanto riguarda le condizioni di lavoro, ci sono molte leggi e regolamenti che sono stati messi in atto per proteggere i diritti dei lavoratori e delle persone disabili. Ad esempio, secondo la Legge 104, una persona gravemente disabile non può essere obbligata a fare i turni di notte contro la sua volontà. Questa tutela è importante perché assicura che tutti i lavoratori siano trattati con dignità e rispetto, indipendentemente dalle loro capacità.

Inoltre, qualsiasi lavoratore che abbia una persona disabile a carico può richiedere tutele simili se è a sua volta disabile.

Con la 104 si può lavorare: il collocamento mirato

I servizi per il collocamento mirato sono progettati per sostenere i lavoratori svantaggiati e aiutarli a trovare un lavoro adeguato che tenga conto delle loro esigenze specifiche.

Questi servizi sono generalmente offerti alle persone con una disabilità di almeno il 45%, indipendentemente dalla causa o dal tipo di disabilità.

Fornendo un’analisi approfondita delle capacità lavorative di un individuo, i servizi per l’impiego mirato sono in grado di collocare i lavoratori nei posti di lavoro più adatti alle loro competenze e al loro livello di qualificazione.

Inoltre, questi servizi offrono ai lavoratori socialmente svantaggiati l’opportunità di essere iscritti in liste speciali, come previsto dalla legge. Ciò fornisce maggiori tutele e benefici a coloro che hanno affrontato sfide significative nel mercato del lavoro a causa di disabilità, esperienze di guerra, storia lavorativa o servizio militare.

Che la disabilità sia dovuta a infortuni, malattie, precedenti esperienze lavorative o militari, i servizi di collocamento mirato forniscono risorse e sostegno preziosi a chi ne ha più bisogno.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1