/ Assegno invalidità: esempi per calcolare i limiti di reddito

Assegno invalidità: esempi per calcolare i limiti di reddito

Calcolo del reddito per l’assegno di invalidità: cosa si considera e cosa si esclude dal calcolo? Ne parliamo in questo approfondimento.
 - 
03/03/2023

Calcolo del reddito per l’assegno di invalidità: cosa considerare e cosa escludere? Ne parliamo in questo approfondimento (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Indice

Calcolo del reddito per l’assegno di invalidità: come funziona?

L’assegno di invalidità è una prestazione di tipo assistenziale che viene erogata agli invalidi parziali, con una percentuale di invalidità riconosciuta compresa tra il 74 e il 99%.

Così come la maggior parte delle prestazioni di tipo assistenziale, ad eccezione delle indennità per invalidi, ciechi e sordi civili, viene riconosciuto al richiedente soltanto se questi, oltre al requisito sanitario, rispetta il requisito reddituale.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Nel 2023, l’importo dell’assegno di invalidità è di 313,91 euro al mese, per 13 mensilità. Il limite reddituale entro cui rientrare è 5.391,88 euro.

Come funziona il calcolo del reddito per l’assegno di invalidità? Nella determinazione del reddito vengono considerati tutti i redditi calcolati ai fini IRPEF, computati al netto degli oneri deducibili e delle ritenute fiscali.

Cosa significa e cosa rientra tra gli oneri deducibili? Tra gli oneri deducibili rientrano, ad esempio:

  • i contributi previdenziali e assistenziali;
  • gli assegni periodici versati al coniuge;
  • i contributi versati al personale domestico;
  • i contributi, le donazioni e le oblazioni erogate a organizzazioni non governative.

Gli oneri deducibili vengono verificati dall’INPS in sede di dichiarazione dei redditi. Per avere un riscontro puntuale e preciso, il cittadino deve comunicare il reddito effettivo, al netto degli oneri indicati.

Queste prestazioni, invece, non vengono considerate ai fini del calcolo del reddito per l’assegno di invalidità:

  • l’importo della prestazione di invalidità;
  • le rendite Inail;
  • le pensioni di guerra;
  • l’indennità di accompagnamento;
  • il reddito della casa di abitazione.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Calcolo del reddito per l’assegno di invalidità: prima liquidazione e anni successivi

Bisogna poi distinguere i redditi da considerare all’atto della prima liquidazione dell’assegno di invalidità dai redditi calcolati per gli anni successivi o per le ricostituzioni del reddito.

All’atto della prima liquidazione della prestazione assistenziale, come riferisce l’articolo 35, comma 9, della legge numero 14 del 2009 e come modificato dall’articolo 13 della legge numero 122 del 2010, i redditi da prendere in considerazione, per ottenere l’assegno di invalidità sono quelli relativi all’anno in corso (l’anno in cui la prestazione inizia a decorrere).

La situazione cambia per gli anni successivi o per le ricostituzioni dei redditi. Bisogna distinguere i redditi da pensione dagli altri redditi.

Per questo tipo di prestazioni, come l’assegno di invalidità, si tiene conto dei redditi da pensione dell’anno in corso (dal 1° gennaio al 31 dicembre), mentre per tutte le altre tipologie di reddito (lavoro dipendente, terreni, fabbricati, altri redditi soggetti a IRPEF) si considerano quelli dell’anno precedente.

E questi dovranno essere comunicati, anno per anno, tramite il Modello Red, che il titolare di pensione è tenuto a presentare, onde evitare di vedersi sospendere e poi revocare la prestazione.

Calcolo del reddito per l’assegno di invalidità
Calcolo del reddito per l’assegno di invalidità: in foto una giovane in carrozzina e il suo fidanzato.

Calcolo del reddito per l’assegno di invalidità: Modello Red

Nel Modello Red, vanno considerati anche questi redditi da terreni:

  • detenuti a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto;
  • dominicale (indicato come imponibile Irpef: rivalutato dell’80% e proporzionato alla percentuale di possesso e ai giorni di possesso);
  • agricolo (indicato come imponibile Irpef: rivalutato del 70% e proporzionato alla percentuale di possesso e ai giorni di possesso).

Per quanto riguarda i redditi da fabbricati vanno inseriti nel calcolo quelli diversi dalla casa di abitazione e le relative pertinenze.

Mentre non vanno considerati e inclusi nel Modello Red le costruzioni o le porzioni di costruzioni rurali e relative pertinenze se le destinazioni delle costruzioni rientrano tra:

  • le abitazioni per persone addette alla coltivazione della terra;
  • la custodia di fondi/bestiame/vigilanza lavoratori agricoli;
  • il ricovero per animali;
  • la custodia di macchine agricole;
  • la protezione delle piante.

Infine, non sono considerati produttivi di redditi fondiari, gli immobili collegati ad imprese commerciali e gli immobili che costituiscono beni strumentali per l’esercizio di arti e professioni.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1