Invalidità civile con l’osteoporosi

Invalidità civile con l'osteoporosi: vediamo quali sono le tutele e a cosa ha diritto chi soffre di questa patologia. Quando e come si può ottenere il riconoscimento dell'invalidità civile. Ma anche la diffusione, la sintomatologia e le conseguenze causate dalla osteoporosi.
 - 
15/07/2022

Invalidità civile con l’osteoporosi: quali sono le tutele e a cosa ha diritto chi soffre di questa patologia. (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Indice

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e ricevi con WhatsApp, Telegram e Facebook tutti gli approfondimenti su invalidità, diritti e Legge 104.

Invalidità civile con l’osteoporosi: 5 milioni di pazienti

L’osteoporosi è una malattia molto frequente in Italia. Secondo le stime del Ministero per la Salute sono 5 milioni gli italiani che ne soffrono. In particolare l’80% delle donne dopo la menopausa.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Questa patologia porta con sé pesanti conseguenze, come le fratture da fragilità. Conseguenze che possono essere mortali, causare disabilità motoria e avere costi molto alti per i servizi sanitari.

Sì, si muore anche per osteoporosi. La mortalità per le fratture al femore è del 5% nel periodo immediatamente successivo all’evento. Dal al 15-20% nell’arco di un anno.

Nel 20% dei casi si ha la perdita definitiva della capacità di camminare senza un sostegno. Solo nel 30, 40% dei casi si ritorna alle condizioni precedenti alla frattura.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Invalidità civile con l’osteoporosi: zone più esposte

L’osteoporosi è una patologia tipica della terza età e colpisce in particolare le donne. Si tratta di un disturbo dell’apparato scheletrico. La caratteristica è la bassa densità minerale ossea con un conseguente deterioramento del suo tessuto.

Le zone più esposte all’osteoporosi sono:

  • l’anca;
  • la colonna vertebrale (toracica e lombare):
  • il polso;
  • la spalla.

Invalidità civile con l’osteoporosi: invalidante

Quando la malattia si aggrava diventa molto invalidante, riduce e di molto la capacità lavorativa di chi ne soffre. E per questo si può chiedere e ottenere il riconoscimento dell’invalidità civile (che vedremo dopo).

Ricordiamo però prima quali sono i due presupposti necessari affinché le commissioni medico legali riconoscano lo stato di invalido civile:

  • per le persone tra 18 e 67 anni: la patologia o la menomazione deve compromettere la capacità lavorativa;
  • per i minori e le persone con più di 67 anni: la patologia o la menomazione deve rendere il paziente incapace di svolgere le attività tipiche della sua età.

Invalidità civile con l’osteoporosi: sintomi

Quali sono i sintomi che possono indicare la potenziale perdita di minerali nelle ossa?

Eccone alcuni:

  • gengive che si ritirano: le gengive possono recedere se le ossa della mascella si stanno riducendo. In questo caso sarebbe opportuno chiedere uno screening al dentista;
  • debolezza nel prendere le cose: una ridotta forza nella presa può essere il sintomo di una bassa densità minerale ossea e anche accentuare il rischio di cadute;
  • unghie deboli e fragili: le unghie possono essere un termometro della condizione ossea, anche se in questo caso potrebbero essere considerati pure altri fattori (esposizione a temperature molto calde o fredde, l’uso costante di solvente, l’immersione per lunghi periodi in acqua).

In genere comunque l’osteoporosi non ha molti sintomi iniziali. La soluzione migliore per individuare la patologie è parlarne con il medico, soprattutto se c’è una storia familiare con questa malattia.

I sintomi in una fase avanzata della malattia sono invece piuttosto evidenti:

  • perdita di altezza;
  • fratture da caduta;
  • dolore alla schiena e al collo;
  • postura tendenzialmente curva.

Invalidità civile con l’osteoporosi: fattori di rischio

Questi sono invece i fattori di rischio:

  • età avanzata;
  • in menopausa prima dei 45 anni;
  • avere le ovaie rimosse prima dei 45 anni;
  • avere un basso livello di testosterone negli uomini;
  • avere un basso livello di estrogeni nelle donne;
  • prendendo alcuni farmaci che riducono i livelli ormonali;
  • fumare sigarette;
  • avere una storia familiare di osteoporosi;
  • bere alcolici frequentemente;
  • non fare abbastanza attività fisica regolare, in particolare esercizi di carico come camminare.

Invalidità civile con l’osteoporosi: tabelle

Ma veniamo all’invalidità civile con l’osteoporosi.

La patologia non è inserita direttamente nelle tabelle ministeriali. Ovvero non fa parte dell’elenco delle malattie che portano al riconoscimento di gradi di invalidità civile. Il motivo? L’osteoporosi, anche se è una patologia cronica e degenerativa, viene ritenuta la causa di un naturale processo di invecchiamento.

Proprio per questo non c’è l’esenzione dal pagamento del ticket o per gli esami strumentali e da laboratorio.

E allora, come si fa ad avere l’invalidità civile con l’osteoporosi? Il discorso da fare – e che le commissioni medico legali in genere fanno – è valido anche per altre patologie non incluse nelle famose tabelle ministeriali. (Invalidità civile, tutti i sostegni economici Inps, guida)

Quello che bisogna dimostrare in sede di visita è l’incidenza negativa che questa patologia ha sulla capacità lavorativa (se si ha meno di 67 anni) o per compiere gli atti della vita quotidiana (come cucinare, fare la spesa, vestirsi, camminare).

Invalidità civile con l’osteoporosi: come richiederla

Vi ricordiamo velocemente quali sono i passaggi necessari per chiedere la domanda di invalidità civile:

  • recarsi dal medico di famiglia per la compilazione online del certificato medico introduttivo;
  • il medico consegna in codice unico e con quello inoltrare la domanda all’Inps (via telematica o tramite patronato);
  • l’Inps fissa la data per la visita di fronte alla commissione medica.

Ok, fin qui ci siamo. A questo punto il paziente deve andare alla visita adeguatamente preparato.

Serve dunque una documentazione medica (recente) che attesti la gravità della patologia, il decorso della malattia e gli eventuali interventi chirurgici ai quali è stato sottoposto (come nel caso della ricomposizione di una frattura).

Più la documentazione medica sarà completa e più aumenteranno le possibilità che l’invalidità venga riconosciuta.

Invalidità civile con l’osteoporosi: percentuali

È ovvio che se l’osteoporosi ha già causato delle fratture e compromesso la capacità deambulatoria del paziente, la commissione medica non potrà che prenderne atto, anche se la malattia non è inclusa nelle tabelle ministeriali.

È difficile quindi stabilire delle percentuali di invalidità legate alla malattia: dipendono dalle condizioni cliniche del paziente e da quanto l’osteoporosi incida sulla sua capacità di lavoro o di svolgere gli atti della vita quotidiana.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1