Opzione donna, lavoratrici disabili: vediamo come ottenerla

Opzione Donna per lavoratrici disabili: quali requisiti possedere e come fare domanda? Scopriamo tutto in questo approfondimento.
 - 
02/04/2023

Opzione Donna per lavoratrici disabili: come fare a ottenerla? (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico).

Indice

Opzione Donna per lavoratrici disabili: come funziona?

Dal 1° gennaio 2023, dopo l’entrata in vigore della legge di bilancio, Opzione Donna è stata rivoluzionata e resa accessibile solo ad alcune categorie di lavoratrici.

Tra queste ci sono le donne con disabilità. Come funziona Opzione Donna per lavoratrici disabili? Chi ha compiuto 60 anni e maturato almeno 35 anni di contributi, se riconosciuta invalida civile con una percentuale pari o superiore al 74%, può presentare domanda per Opzione Donna.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Nel caso in cui la donna lavoratrice invalida abbia figli, il requisito anagrafico si abbassa di un anno (con un figlio) o di due anni (2 o più figli). Quindi, si potrebbe accedere a Opzione Donna a 58 o a 59 anni di età.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi. Abbiamo anche una pagina Instagram dove pubblichiamo le notizie in formato grafico.

Opzione Donna per lavoratrici disabili e non solo: a chi spetta?

Opzione Donna per lavoratrici disabili ma non solo. Perché possono accedervi altre due categorie di lavoratrici:

  • disoccupate (licenziate o dipendenti di aziende in crisi economica, per le quali è attivo un tavolo di confronto per la crisi d’impresa). Per le lavoratrici di almeno 60 anni di età, si applica a prescindere dal numero di figli;
  • lavoratrici caregiver che, da almeno 6 mesi, assistono il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (Legge 104, art. 3, comma 3); oppure un parente o un affine di secondo grado convivente, se i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto 70 anni di età, oppure siano affetti da patologie invalidanti, deceduti o mancanti.

Opzione Donna per lavoratrici disabili: come presentare domanda?

Come presentare domanda per Opzione Donna per lavoratrici disabili? La richiesta deve essere inoltrata sul sito dell’INPS, accedendovi con una delle credenziali a disposizione (SPID, CIE o CNS).

Una volta avuto accesso al portale dovrete cliccare su “Prestazioni e servizi”, quindi su “Servizi”, e poi ancora su “Pensione anticipata Opzione Donna – Domanda”.

Se si è poco pratici di computer e di navigazione su Internet, potrete chiamare il Contact center dell’INPS, telefonando al numero verde 803 164 (gratuito, da rete fissa) o al numero 06 164 164 (a pagamento, da rete mobile).

Infine, è possibile chiedere assistenza a un patronato o a un Caf abilitato, che vi seguirà nella presentazione della domanda di Opzione Donna.

Opzione Donna per lavoratrici disabili
Opzione Donna per lavoratrici disabili: in foto una donna disabile a lavoro.

Opzione Donna per lavoratrici disabili: cosa potrebbe cambiare?

Vi abbiamo spiegato che, rispetto al passato, quando Opzione Donna era riservata a tutte le lavoratrici dipendenti o autonome, la nuova formula della prestazione pensionistica prevede una platea di beneficiarie sensibilmente ridotta a causa dei paletti introdotti con l’ultima legge di bilancio.

Ma la misura così come è ora è destinata a mutare ancora, già entro la fine del 2023. È al vaglio del governo la possibilità di eliminare il criterio figli e di abbassare l’età anagrafica di accesso, da 60 a 59 anni.

Inoltre, l’età potrebbe essere ulteriormente ridotta a 58 anni, nel caso in cui la lavoratrice, in possesso dei 35 anni di contributi richiesti, rientri in una delle categorie fragili: licenziate, dipendenti di aziende in crisi, caregiver e, appunto, disabili.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1