Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro

Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro: vediamo cosa succede e si rischia di perdere la fruizione dei permessi. Qual è la procedura a chi bisogna inviare il modulo e come, quali sono i dati necessari da inviare all'Inps e al datore di lavoro.
 - 
31/3/23

Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro: vediamo cosa succede e se si rischia di perdere la fruizione dei permessi (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

INDICE:

Cambiare lavoro non significa e non può significare la perdita automatica delle agevolazioni. Del resto la possibilità di utilizzare permessi retribuiti o il congedo biennale non è in funzione del lavoratore dipendente, ma del familiare con disabilità grave che deve assistere.

Se ne deduce che i benefici della Legge 104 dipendono dalle condizioni di salute dell’assistito o dalla scelta del lavoratore di continuare o meno a essere il suo caregiver.

Se cambiando lavoro si passa da un orario pieno a un part time verticale, neppure si perdono i benefici. Ma si riducono le ore di permesso retribuito (che sono in funzione alle ore lavorate).

Su questo stesso argomento potrebbe interessarti dei permessi Legge 104 per chi assiste un lavoratore disabile, o anche se si rischia non prestando assistenza continua. Troverai anche un focus su come funziona la 104 nei giorni festivi.

Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro: la domanda

Però quando si cambia lavoro per continuare a fruire i permessi Legge 104 è indispensabile inviare una domanda, sia all‘Inps, sia al nuovo datore di lavoro.

Vediamo come funziona, ossia come inviare la domanda, per i permessi Legge 104 quando si cambia lavoro e quali sono i dati che bisogna inserire.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro: come inviare la domanda

La richiesta può essere inviata in questo modo:

  • collegandosi al sito web dell’Inps: in questo caso, il lavoratore deve essere munito delle consuete credenziali (pin, spid o cns), per accedere alla sezione Servizi per i cittadini; la domanda può essere inviata dalla pagina “Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito” e compilando il form online, dove andrà allegata la certificazione ed eventuale altra documentazione; se i dati da modificare sono riferiti alla sola posizione lavorativa è consigliabile usare la funzione “replica”, per evitare di dover compilare tutta la domanda all’inizio;
  • contact center integrato: il dipendente può chiamare il numero 803.164, munito dello stesso pin valido per l’accesso ai servizi online;
  • patronato: se si sceglie questa strada bisogna compilare il modulo cartaceo SR08_Hand2, che sarà poi inviato all’Inps, assieme alla certificazione servendosi dei servizi telematici del patronato.

La procedura viene specificata in questa circolare Inps.

Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro: i dati da inserire

La domanda deve essere presentata entro i 30 giorni dalla variazione lavorativa (o anche per il passaggio da tempo pieno a parziale).

Nel modulo (SR08_Hand2) da presentare all’istituto bisogna precisare:

  • i dati di chi presenta la richiesta e la posizione lavorativa, inserendo anche l’orario contrattuale (part time o full time);
  • i dati e la relazione di parentela con la persona con disabilità;
  • l’indicazione sull’esistenza o meno di altri familiari beneficiari di permessi o congedi per la stessa persona disabile;
  • l’indicazione dell’eventuale ricovero della persona da assistere (come sapete i permessi, in caso di ricovero, sono fruibili solo in determinati e non molto frequenti casi);
  • la distanza tra l’abitazione del dipendente e quella della persona con disabilità;
  • l’autodichiarazione dei dati e del possesso di handicap in situazione di gravità, firmata dal familiare disabile, o dal tutore, dal curatore o dall’amministratore di sostegno, se c’è un documentato impedimento;
  • le modalità di pagamento se l’indennità non venisse liquidata dal datore di lavoro, ma direttamente dall’Inps.

Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro: il nuovo datore

Come accennato la domanda deve essere inoltrata anche al nuovo datore di lavoro. È un passaggio che serve a informare il titolare dell’azienda che ci sono i requisiti per fruire dei giorni di permesso. Il datore di lavoro non ha infatti la possibilità di negarli (i permessi o il congedo), può solo chiedere al dipendente una programmazione dei giorni o delle ore di assenza per risolvere in anticipo eventuali problemi gestionali e organizzativi.

Per il titolare dell’azienda non c’è un modello prestampato, l’importante è che contenga questi elementi:

  • i dati del lavoratore;
  • i dati del disabile;
  • il legame di parentela (e l’eventuale assenza di altri familiari disponibili);
  • l’impegno a prestare la propria opera di assistenza e a comunicare ogni variazione, oltre ad allegare la certificazione dell’handicap e qualsiasi altra documentazione necessaria.
Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro.

Permessi Legge 104 quando si cambia lavoro: chi ha diritto

Ricordiamo in breve chi ha diritto a usufruire dei permessi Legge 104 retribuiti:

  • le persone con disabilità grave;
  • i familiari della persona con disabilità grave (coniuge, parte dell’unione civile, convivente di fatto, genitori biologici o adottivi);
  • i parenti o gli affini entro il secondo grado;
  • in casi eccezionali viene estesa ai parenti al terzo grado se i genitori o il coniuge della persona con disabilità grave abbiano compiuto i 65 anni di età o siano affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

Il lavoratore con disabilità grave può beneficiare, alternativamente, di:

  • 2 ore di permesso giornaliero;
  • 3 giorni di permesso mensile (frazionabili anche in ore).

Il coniuge (o parte dell’unione civile o convivente di fatto), i parenti o gli affini di persone con disabilità grave e i genitori biologici, adottivi o affidatari di ragazzi con disabilità maggiori di 12 anni, possono usufruire;

  • 3 giorni di permesso mensile, frazionabili anche in ore.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.