Invalidità civile e bonus 2022: l’elenco di fondi e aiuti

Parliamo di invalidità civile e bonus 2022: scopri quali fondi e iniziative sosterranno le persone con disabilità.
 - 
6/10/22

Parliamo di invalidità civile e bonus 2022. Nello specifico vedremo i contenuti dell’ultima legge di bilancio e ci concentreremo sui fondi in favore delle persone con disabilità (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

INDICE

Invalidità civile e bonus 2022: i nuovi finanziamenti

La nuova legge di bilancio ha riorganizzato gli interventi e le iniziative a favore delle persone con disabilità e dei loro familiari. Tra pochissimo vedremo in cosa si traduce tutto questo. Prima, ecco una panoramica sull’utilizzo delle risorse del “Fondo per le non autosufficienze”:

  • 100 milioni per l’anno 2022,
  • 200 milioni per il 2023,
  • 250 milioni per il 2024,
  • 300 milioni a partire dal 2025.

Tra le iniziative previste troviamo:

  • investimenti nel settore turistico per abbattere le barriere architettoniche e favorire l’accessibilità per le persone con disabilità;
  • aiuti per gli studenti con disabilità attraverso un potenziamento dei servizi scolastici e il rafforzamento del trasporto pubblico;
  • fondi extra per le famiglie di persone con disabilità che percepiscono reddito di cittadinanza e, per questo, rientrano in quei nuclei familiari caratterizzati da una marcata fragilità sociale.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Invalidità civile e bonus 2022: servizi potenziati

La Legge di Bilancio 2022 ha previsto anche un potenziamento di alcune delle iniziative già esistenti. Ecco una rapida panoramica dei servizi che verranno integrati e migliorati:

  • servizio di sostituzione temporanea degli assistenti familiari in occasione di ferie, malattia e maternità, per garantire una continuità nell’assistenza specialistica;
  • assistenza domiciliare integrata con servizi sanitari per persone non autosufficienti o anziane con ridotta autonomia o a rischio di emarginazione così da garantire un sostegno qualificato e prevenire fenomeni di isolamento;
  • assistenza gestionale, legale e amministrativa alle famiglie con persone non autosufficienti. Spesso, in casi simili, l’eccessiva e controversa burocrazia diventa uno scoglio insormontabile per ottenere il riconoscimento dei propri diritti;
  • servizi sociali di sollievo per le persone non autosufficienti e delle loro famiglie, con iniziative quali il pronto intervento per le emergenze diurne e notturne, gestito da personale qualificato;
  • accesso ai servizi sociali e ai servizi sociosanitari attraverso punti unici di accesso (PUA), che hanno la sede operativa presso le cosiddette “case della comunità”.

Ulteriori informazioni sui piani per invalidità civile e bonus 2022 sono contenute in questa pagina web dell’Inps.

Invalidità civile e bonus 2022: l'elenco di fondi e aiuti
Invalidità civile e bonus 2022: l’elenco di fondi e aiuti

Fondi di assistenza per persone con disabilità

Oltre al Fondo per le non autosufficienze, in Italia esistono altri strumenti di sostegno alle persone con invalidità civile. Alcuni di questi sono stati potenziati nel corso del 2021. Ecco una panoramica di alcuni dei più importanti progetti italiani:

  • Fondo «Dopo di noi»: l’obiettivo è favorire l’assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare. Questo strumento di welfare è stato potenziato con altri 20 milioni di euro all’anno per il triennio 2021-2023, arrivando a 76 milioni di euro annuali che saranno garantiti per tutta la durata dell’iniziativa;
  • Fondo per i caregiver famigliari: sono stati stanziati 90 milioni di euro dal 2021 al 2023. I soldi sono destinati agli interventi legislativi che riconosceranno il valore sociale dell’attività svolta dal caregiver famigliare, ossia di quella figura che si occupa di assistere le persone con gravi disabilità (ti consigliamo la lettura di questa guida di thewam.net sui caregiver familiari e sui loro diritti);
  • Fondo per la cura di soggetti con autismo: questo progetto è stato potenziato con 50 milioni di euro per il 2021. Le risorse sono destinate al miglioramento del personale dedicato all’assistenza delle persone con disabilità, delle strutture residenziali e semi-residenziali e per il potenziamento alla ricerca;
  • Fondo contro le discriminazioni: questo fondo da 6 milioni di euro, impiegati per il triennio dal 2021 al 2023, nasce per favorire un’attività di prevenzione e contrasto delle forme di violenza e discriminazione delle persone affette da disabilità.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.