Test università per studenti con DSA: la sentenza

Scopri cosa ha deciso il Consiglio di Stato merito ai test università per studenti con DSA.
 - 
09/06/2024

Test università per studenti con DSA: il Consiglio di Stato conferma il diritto pieno degli studenti con DSA ad utilizzare gli strumenti di supporto della legge 170/2010 (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Test università per studenti con DSA: cosa ha deciso il Consiglio di Stato e perché

Il Consiglio di Stato ha emesso un’ordinanza il 22 maggio 2024, confermando il diritto degli studenti universitari con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) a utilizzare tutti gli strumenti compensativi previsti dalla Legge 170/2010 durante i test d’ingresso per i corsi di laurea ad accesso programmato.

Questa decisione è arrivata in risposta al ricorso presentato da Viola, una studentessa torinese con dislessia e membro di AID (Associazione Italiana Dislessia), che ha richiesto di poter utilizzare, durante il test d’ingresso di Medicina, gli strumenti necessari per affrontare la prova, come previsto dalla Legge 170/2010.

In particolare, Viola ha chiesto di poter utilizzare non solo la calcolatrice non scientifica, il videoingranditore o l’affiancamento di un lettore umano, come indicato nel decreto ministeriale, ma tutti gli strumenti compensativi previsti dalla legge.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Questa ordinanza ha ribaltato la decisione precedente del Tar del Lazio, che imponeva a Viola di sostenere il test di accesso utilizzando solo gli strumenti concessi dal decreto ministeriale, e solo in seguito, in caso di insuccesso, di ricorrere.

Il giudice della settima sezione del Consiglio di Stato, nel motivare la decisione, ha fatto riferimento ai principi dell’ordinamento riguardanti l’accesso agli studi per tutti gli studenti meritevoli, nonostante eventuali svantaggi.

Inoltre, ha evidenziato il principio di tutela della persona e delle sue potenzialità di sviluppo anche in situazioni di svantaggio.

La decisione del Ministero, inoltre, uniformava in modo omogeneo la disparità di trattamento dei candidati con DSA su tutto il territorio nazionale.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

La petizione di AID per chiedere la garanzia di strumenti compensativi nei test università per studenti con DSA

Il recente provvedimento del Consiglio di Stato ha finalmente riconosciuto uno dei diritti a lungo richiesti dall’AID per gli studenti universitari affetti da DSA.

Questa conquista è il risultato di anni di impegno, incluso il lancio nel 2022 della petizione “Lo studio è un diritto” su change.org, ancora aperta e in continua raccolta di firme.

La petizione chiede al Governo e al Parlamento di adottare misure concrete per garantire:

  • strumenti compensativi e misure dispensative negli esami di ammissione e durante gli esami universitari;
  • la presenza di un centro sanitario pubblico in ogni regione per effettuare diagnosi precise sugli adulti, un passo fondamentale per assicurare ai giovani universitari, così come ai candidati ai concorsi pubblici e ai dipendenti delle aziende private, i loro diritti fondamentali.

Questa decisione del Consiglio di Stato costituisce un precedente significativo che potrà essere utilizzato dagli studenti con DSA in futuro per difendere i propri diritti.

L’Associazione Italiana Dislessia auspica che questa ordinanza possa spingere il legislatore ad aggiornare la normativa esistente, garantendo così pari diritti e opportunità a tutti gli studenti universitari con disturbi specifici dell’apprendimento, conformemente ai principi di giustizia sanciti.

Firma la petizione di AID per gli strumenti compensativi nei test università per studenti con DSA

Test università per studenti con DSA
Test università per studenti con DSA. Nella foto: studenti alle prese con un test universitario.

Quali sono le agevolazioni per studenti con DSA che frequentano l’università

Le università italiane si impegnano a garantire a tutti i propri studenti un accesso equo e completo ai percorsi di studio.

A tale scopo, ciascun ateneo mette a disposizione una serie di risorse dedicate agli studenti con disabilità o DSA, al fine di fornire un supporto adeguato.

Queste risorse sono solitamente fornite attraverso sportelli specializzati che offrono assistenza, orientamento e supporto agli studenti con disabilità o DSA.

I servizi offerti variano e includono l’accompagnamento durante gli esami e la laurea, oltre alla gestione della fornitura di strumenti compensativi e dispensativi.

Gli strumenti compensativi sono materiali che facilitano l’apprendimento in aula e durante gli esami, come libri accessibili, tecnologie assistive e computer con software di scrittura e sintesi vocale.

Gli strumenti dispensativi consentono invece una personalizzazione degli esami in termini di modalità, tempo e requisiti specifici, ad esempio dispensando dalla lettura ad alta voce dei testi durante le prove.

FAQ sulle università online per persone disabili o con DSA

Quali sono alcune delle caratteristiche di accessibilità che le università online dovrebbero offrire?

Le università online dovrebbero offrire materiali didattici in formati accessibili, come testi digitali compatibili con screen reader, video sottotitolati e trascrizioni, nonché piattaforme e strumenti di apprendimento compatibili con tecnologie assistive.

Quali sono alcuni esempi di tecnologie assistive che possono aiutare le persone disabili nell’apprendimento online?

Le tecnologie assistive possono includere screen reader per utenti non vedenti o ipovedenti, software di riconoscimento vocale per persone con disabilità motorie, dispositivi di input alternativi e programmi di amplificazione per persone con disabilità uditive.

Come possono le università online promuovere un ambiente inclusivo per gli studenti disabili?

Le università online possono promuovere un ambiente inclusivo fornendo formazione al personale accademico sull’importanza dell’accessibilità e delle pratiche inclusive, creando politiche e procedure per l’accesso equo agli studenti disabili e fornendo supporto personalizzato quando necessario.

Quali sono le migliori pratiche per progettare corsi online accessibili?

Alcune migliori pratiche includono la progettazione di materiali didattici con accessibilità in mente fin dall’inizio, l’uso di standard di accessibilità web, come WCAG (Web Content Accessibility Guidelines), e la verifica regolare dell’accessibilità dei contenuti.

Esistono programmi di borse di studio o finanziamenti specifici per gli studenti disabili che frequentano università online?

Alcune università online offrono programmi di borse di studio o finanziamenti specifici per gli studenti disabili, ma è importante verificare le politiche e le risorse disponibili presso l’istituzione specifica.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1