Reversibilità per figli inabili sposati e non: le regole

La pensione di reversibilità non spetta solo al coniuge, ma può avere anche altri beneficiari. In particolare, vi è la reversibilità per figli inabili sposati e non che rispettano determinati requisiti.
 - 
29/11/2022

Reversibilità per figli inabili: ecco tutto ciò che c’è da sapere su questo beneficio economico e che cosa dice la normativa a riguardo (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Al momento del decesso di un lavoratore, i suoi familiari hanno diritto a una prestazione economica, rispettando determinati requisiti.

Nel caso dei figli, hanno diritto alla pensione di reversibilità per figli inabili se sono minorenni, o se hanno compiuto il 21° anno di età se sono studenti di scuola media o professionale, o il 26° anno di età se sono studenti universitari.

Per i maggiorenni è sempre richiesta la “vivenza a carico” del genitore al momento del decesso. I figli riconosciuti “inabili al lavoro” hanno diritto a una pensione di reversibilità senza limiti di età, a condizione che siano a carico del genitore al momento del suo decesso.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Tuttavia, i membri della famiglia devono soddisfare requisiti specifici per ricevere questa prestazione.

Indice

Reversibilità per figli inabili: chi ha diritto al trattamento economico?

Prima di entrare nel dettaglio della reversibilità per figli inabili, capiamo maggiormente chi sono i destinatari di questo trattamento economico.

La pensione di reversibilità è una prestazione pensionistica che viene corrisposta ai familiari superstiti di un pensionato o di un assicurato in caso di decesso. L’importo della pensione è generalmente pari a una quota percentuale della pensione della persona deceduta.

Per ricevere una pensione indiretta, l’assicurato deve aver maturato 15 anni di assicurazione e contribuzione, oppure 5 anni di assicurazione e contribuzione di cui almeno 3 nei 5 anni precedenti il decesso.

La pensione di reversibilità può fornire un sostegno finanziario molto necessario alle famiglie che hanno perso un capofamiglia e può contribuire a garantire il mantenimento del loro tenore di vita dopo la morte di una persona cara.

Potresti volerne sapere di più su Aumento pensione di reversibilità e aiuti: cosa devi sapere

Hanno diritto al trattamento pensionistico in quanto superstiti:

  • Il coniuge o l’unito civilmente;
  • Il coniuge divorziato a condizione che sia titolare dell’assegno divorzile, che non sia passato a nuove nozze e che la data di inizio del rapporto assicurativo del defunto sia anteriore alla data della sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  • I figli minorenni alla data del decesso;
  • I figli inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso, indipendentemente dall’età;
  • I figli maggiorenni studenti, a carico del genitore al momento del decesso, che non prestino attività lavorativa, che frequentano scuole o corsi di formazione professionale equiparabili ai corsi scolastici, nei limiti del 21° anno di età;
  • I figli maggiorenni studenti, a carico del genitore al momento del decesso, che non prestino attività lavorativa, che frequentano l’università, nei limiti della durata legale del corso di studi e non oltre il 26 anno di età.

Pensione di reversibilità: ecco un video-guida per capirne di più.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Reversibilità per figli inabili: che cosa si intende per “inabile” e per “vivenza a carico”

Cosa si intende per figlio inabile? L’inabilità è un concetto diverso dall’invalidità civile, quindi chi ha già un riconoscimento di invalidità, anche se al 100 per cento o “al 100 per cento con necessità di assistenza continua”, non ha automaticamente diritto alla pensione di reversibilità, così come chi ha il 75 per cento non ne è automaticamente escluso.

Il concetto di inabilità per la reversibilità per figli inabili è citato nella legge n. 222 del 12 giugno 1984 (art. 2): “si considera inabile […] colui che, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, si trovi nell’assoluta e permanente impossibilità di svolgere un lavoro qualitativamente adeguato per il quale sia ragionevolmente idoneo secondo la propria formazione, attitudine e inclinazione”. Di conseguenza, gli effetti dell’inabilità devono essere valutati caso per caso.

Tuttavia, per avere diritto alla pensione di reversibilità per figli inabili, non basta che il lavoratore sia semplicemente “inabile al lavoro”: deve anche essere riconosciuto tale dall’ente erogatore della prestazione (l’INPS per i dipendenti privati, il Ministero del Tesoro in generale per i dipendenti pubblici – ogni settore ha poi un proprio ente di riferimento).

Nel 2000, l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) ha emanato la Circolare n. 198, che tratta il concetto di vivenza a carico dei figli inabili. La circolare prevede che, al momento del decesso, il figlio inabile non debba possedere un reddito annuo pari a quello stabilito per l’erogazione della pensione agli invalidi civili.

Se il bambino è riconosciuto incapace di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore, o se non è in grado di compiere gli atti quotidiani della vita e necessita di assistenza continua, il limite di reddito viene aumentato dell’importo dell’indennità di accompagnamento.

Il reddito da considerare per la reversibilità per figli inabili è il solo reddito soggetto a IRPEF (non vanno quindi conteggiate le prestazioni di invalidità civile).

Questi criteri di individuazione del reddito sono adottati per i decessi avvenuti dopo il 31 ottobre 2000, data della Delibera del Consiglio di Amministrazione dell’INPS n. 478, che ha definito con precisione i nuovi parametri (prima di questa data si seguivano gli stessi criteri adottati per l’individuazione del limite di reddito nell’ambito degli assegni familiari, e quindi si considerava l’assegno minimo di pensione maggiorato del 30 per cento).

Quando un figlio invalido ha diritto alla reversibilità?

I requisiti, quindi, per ottenere la reversibilità per figli inabili sono:

  • Inabilità, già esistente prima del decesso del parente:
  • Vivenza a carico del parente prima del decesso.
Reversibilità per figli inabili sposati e non- le regole
Reversibilità per figli inabili sposati e non: le regole.

Reversibilità per figli inabili: decorrenza e quote

La pensione di reversibilità per figli inabili decorre dal primo giorno del mese successivo a quello del decesso del genitore e la domanda deve essere presentata all’INPS (se il lavoratore era iscritto a questo ente) o all’ente di riferimento del lavoratore stesso.

Scopri Entro quanto tempo arriva la pensione di reversibilità

Per le pensioni decorrenti dal 1 settembre 1995 (Legge n. 335, 8/8/95, art. 1, comma 41; Circolare INPS n. 234, 25/8/95) vengono utilizzate le seguenti percentuali per l’erogazione della prestazione economica:

  • Se i superstiti aventi diritto sono il coniuge e un figlio, questi percepiranno l’80%; se è il coniuge e due figli: il 100%;
  • Se i superstiti sono solo i figli: per un figlio si percepirà il 70%, per due figli l’80%, per tre o più figli il 100%.

Nel caso di un figlio inabile, questi ha diritto alla pensione di reversibilità per figli inabili solo se:

  • L’invalido è giudicato “inabile al lavoro” dal medico dell’INPS;
  • È a carico del genitore al momento del decesso e non ha un reddito personale superiore a quello indicato per la pensione di inabilità (o, se ha un’indennità di accompagnamento di un reddito pari a quello suddetto aumentato dell’importo dell’indennità stessa).

La pensione di reversibilità per figli inabili è un’importante fonte di sostegno finanziario per le famiglie che hanno perso un capofamiglia e che faticano ad arrivare a fine mese. È fondamentale che queste famiglie siano consapevoli dei loro diritti e sappiano come richiederli.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1