Quante ore di riposo per una badante convivente

Le badanti hanno diritto a dei periodi di riposo dal lavoro di assistenza. Ecco tutto quello che devi sapere su quante ore di riposo per una badante sono previste dalla Legge.
 - 
21/09/2022

Quante ore di riposo per una badante convivente? Ecco la guida completa (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le altre guide complete di IED. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Come caregiver si ha diritto a un certo numero di ore libere alla settimana. Queste ore possono essere suddivise a seconda degli orari e delle esigenze della persona assistita, nonché dei propri impegni personali.

Ad esempio, si può scegliere di fare una o due pause più lunghe durante la settimana, oppure di fare alcune pause più brevi nel corso della giornata. Approfondiamo nel dettaglio quante ore di riposo per una badante sono previste dalla Legge.

INDICE:

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Quante ore di riposo per una badante: le regole per la figura convivente

All’articolo 14 del Contratto Collettivo Nazionale Colf e Badanti che regola l’orario di lavoro si legge: “La durata normale dell’orario di lavoro è quella concordata fra le parti e comunque […] con un massimo di 10 ore giornaliere, non consecutive, per un totale di 54 ore settimanali, per i lavoratori conviventi;

Il numero di ore di lavoro deve essere concordato tra il datore di lavoro e il dipendente. Di solito sono previste 10 ore di lavoro al giorno dal lunedì al venerdì e 4 ore il sabato, ma nulla vieta alle parti di accordarsi diversamente, purché venga rispettato il limite massimo di 54 ore lavorative settimanali.

Anche le pause e i periodi di riposo devono essere concordati tra le parti, per garantire che la badante abbia tempo sufficiente per riposare.

Quante ore di riposo per una badante convivente? Le badanti conviventi hanno diritto ad almeno 36 ore di riposo alla settimana. Di queste 36 ore, 24 devono essere consecutive e di solito cadono di domenica. Le altre 12 ore possono essere suddivise tra gli altri giorni della settimana.

Se l’orario di lavoro giornaliero di una lavoratrice domestica non è compreso tra le 6 e le 14 o tra le 14 e le 22, la lavoratrice ha diritto a un riposo intermedio non retribuito di almeno due ore, durante il quale può scegliere se rimanere a casa o uscire. Tuttavia, il numero totale di ore consecutive di riposo al giorno deve essere pari a 11.

È bene ricordare, quindi, che durante le ore di riposo, la badante convivente può uscire dall’abitazione della persona che sta assistendo.

Quante ore di riposo per una badante? Potresti essere interessato a saperne di più sui costi di una badante convivente.

Per legge, le ore di riposo che la badante convivente può prendere sono retribuite e la badante ha comunque diritto alla sua normale retribuzione senza alcuna detrazione per queste ore. Ciò è sancito dal Ccnl, ovvero il Contratto Collettivo Nazionale Colf e Badanti.

Il Ccnl è un documento che delinea i diritti e le responsabilità legali sia dei caregiver che delle famiglie per cui lavorano. È importante che entrambe le parti abbiano familiarità con questo documento, in quanto assicura che ognuno comprenda i propri diritti e doveri.

Oltre a specificare il compenso per le ore di riposo, il Ccnl tratta anche altri argomenti come le ferie, i giorni di malattia e il pagamento degli straordinari. Delineando chiaramente i termini del rapporto di lavoro, il Ccnl contribuisce a creare un accordo equo e reciprocamente vantaggioso per tutte le parti coinvolte.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Quante ore di riposo per una badante: le regole per la figura non convivente

Sebbene il numero effettivo di ore possa variare a seconda delle esigenze della famiglia, le badanti non conviventi hanno comunque diritto a ore di riposo giornaliere e settimanali.

Secondo la legge, i caregiver non conviventi hanno un monte ore di lavoro settimanale fino ad un massimo di 40 ore settimanali, con un massimo di 8 ore al giorno.

Quante ore di riposo per una badante non convivente? Le badanti non conviventi hanno diritto a un giorno di riposo alla settimana, che di solito corrisponde con la domenica.

Se l’assistente fornisce assistenza esclusivamente di notte, il limite di ore lavorative settimanali è di 54 ore, distribuite in 9 ore per notte dal lunedì al sabato. Come per le ore diurne, la domenica è generalmente considerata un giorno di riposo, a meno che le parti interessate non concordino diversamente.

Secondo il Ministero del Lavoro, i rapporti di assistenza o presenza esclusivamente notturna sono considerati contratti di convivenza. Ciò significa che alle badanti viene corrisposto un salario mensile, anziché una retribuzione oraria.

Il motivo è che i caregiver sono considerati come se vivessero a casa della persona che necessita di assistenza, anche se durante il giorno tornano a casa propria. Di conseguenza, i lavoratori notturni hanno diritto agli stessi benefici degli altri dipendenti, tra cui l’assicurazione sanitaria e le ferie.

Tuttavia, sono anche soggetti alle stesse regole e normative, come l’obbligo di lavorare un numero minimo di ore alla settimana.

Quante ore di riposo per una badante: approfondisci anche cosa sapere prima di stipulare un contratto per una badante.

Sia per le badanti conviventi che per quelle non conviventi, sarà possibile andare a sostituire il giorno di riposo domenicale con uno più consono al lavoratore, per motivi personali o religiosi. In questo caso, il lavoro domenicale non sarà considerato straordinario, ma alla pari degli altri giorni settimanali.

Questi diritti sono stati concepiti per tutelare le badanti e garantire loro un equilibrio tra lavoro e vita privata.

Quante ore di riposo per una badante? Potresti approfondire anche cosa fare se la badante è in vacanza.

Quante ore di riposo per una badante
Quante ore di riposo per una badante.

Quante ore di riposo per una badante: come gestire il lavoro straordinario?

Quando si effettua una ricerca su quante ore di riposo per una badante bisogna concedere, è bene menzionare anche gli straordinari. Per lavoro straordinario si intende qualsiasi lavoro che superi l’orario giornaliero concordato.

Nel caso in cui sia richiesto un lavoro straordinario, la badante riceverà una maggiorazione del 25% per il lavoro diurno (dalle 6.00 alle 22.00) e del 50% per il lavoro notturno (dalle 22.00 alle 6.00).

Per il lavoro straordinario nei giorni festivi, il caregiver riceverà una maggiorazione del 60%.

Infine, per il lavoro straordinario nel giorno di riposo settimanale, la badante riceverà una maggiorazione del 60%.

Quante ore di riposo per una badante, scopri anche cosa sapere sul contratto badante e ferie pagate mensilmente.

Quando si cerca una badante, è importante concordare fin dall’inizio le condizioni di impiego. Questo include la definizione dei compiti della badante, delle ore di lavoro e del compenso.

Ecco le 5 guide preferite dagli utenti:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.