Permessi 104 e ricovero in una casa di riposo: come funziona

Vediamo come funziona con i permessi 104 e ricovero in una casa di riposo, cioè se puoi continuarne a usufruirne o meno.
 - 
5/6/23

Se il disabile che assisti viene ricoverato in una Rsa, cosa succede con i permessi retribuiti? Puoi continuare a usufruire dei permessi 104 e ricovero in una casa di riposo? (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Sull’utilizzo dei permessi retribuiti c’è spesso un po’ di confusione, perché sono soggetti a degli obblighi e, in alcuni casi, non possono essere fruiti.

Una delle domande che ci viene spesso rivolta, è se i permessi 104 e ricovero in una casa di riposo possono essere utilizzati o no. Cerchiamo quindi di fare chiarezza in questo approfondimento.

Indice

Come funzionano i permessi 104 e ricovero in una casa di risposo

Vediamo subito come funzionano i permessi 104 e ricovero in una casa di riposo.

Se il portatore di handicap di cui ti prendi cura viene ricoverato in una casa di riposo, puoi continuare a beneficiare dei permessi retribuiti.

Probabilmente avrai sentito parlare dell’obbligo di dichiarare quando il disabile viene ricoverato, perché non puoi utilizzare i permessi 104. È vero anche questo, ma il divieto si riferisce al ricovero presso una struttura ospedaliera o simile (pubblica o privata), che assicura assistenza continuativa 24 ore su 24.

La casa di riposo, invece, non assicura questo tipo di assistenza, ecco perché hai diritto a beneficiare dei permessi retribuiti.

Ma non è tutto: anche nel caso di ricovero a tempo pieno presso una struttura ospedaliera, se questa non è in grado di assistere il disabile continuamente, puoi ugualmente continuare a usufruire dei permessi (Circolare Inps n. 32/2012).

In questo caso, però, è necessario che la struttura sanitaria ti rilasci una dichiarazione in cui viene specificato di non potersi occupare in modo continuativo del paziente disabile (Circolare Inps n. 32 del 6 marzo 2011).

Ci sono poi delle eccezioni che prevedono la possibilità di utilizzare i permessi anche in caso di ricovero a tempo pieno del disabile in una struttura ospedaliera: vediamo quali sono.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Permessi 104 e ricovero in una casa di riposo: le eccezioni per il ricovero ospedaliero

Abbiamo visto che è possibile utilizzare i permessi 104 e ricovero in una casa di casa di riposo e che invece non è possibile usare l’agevolazione in caso di ricovero a tempo pieno in una struttura sanitaria, tranne quando la stessa struttura non dichiari di non poter assistere continuamente il disabile.

Ci sono altre eccezioni che prevedono di utilizzare i permessi retribuiti anche in caso di ricovero presso un ospedale, ovvero:

  • quando il ricovero permanente è interrotto temporaneamente perché, ad esempio, il disabile deve recarsi momentaneamente fuori dalla struttura per specifiche finalità (visita medica, terapie, ecc.);
  • laddove il disabile ricoverato si trovi in stato vegetativo o in fase terminale di vita;
  • quando si tratti di un disabile minore di età per il quale la struttura stessa documenti la necessità di presenza del genitore o di altro parente.

Quindi, permessi 104 e ricovero in una casa di riposo sono è possibile, mentre per il ricovero in ospedale ci sono delle eccezioni.

Tra poco ricorderemo in cosa consistono i permessi 104 e chi può usufruirne. Prima, però, vediamo cosa si intende con ricovero a tempo pieno, perché se non si presenta questa situazione, i permessi possono essere ugualmente fruiti: ti spieghiamo cosa vogliamo dire nel prossimo paragrafo.

Permessi 104 senza assistenza continua: cosa si rischia? E quando si commette abuso? Scoprilo in questa guida completa.

Permessi 104 e ricovero in una casa di riposo
Permessi 104 e ricovero in una casa di riposo: nella foto un’anziana con la figlia.

Permessi 104 e ricovero in una casa di riposo: cosa si intende con ricovero a tempo pieno

I permessi 104 e ricovero in casa di riposo sono fruibili, ma il ricovero a tempo pieno del disabile in una struttura ospedaliera non lo prevede, tranne nei casi che ti abbiamo spiegato.

Ma cosa si intende con ricovero a tempo pieno? La legge 104/92 prevede che presupposto per la concessione dei benefici sia che la persona in situazione di disabilità grave non venga ricoverata a tempo pieno.

Per ricovero a tempo pieno, si intende quello per le intere ventiquattro ore presso strutture ospedaliere o simili, pubbliche o private, che assicurano assistenza sanitaria continuativa.

Pertanto, nel caso di ricoveri in day hospital e in centri diurni con finalità assistenziali o riabilitative o occupazionali, i permessi possono essere richiesti. Questo perché il ricovero in day hospital o in questi centri diurni, non copre mai le 24 ore e non assicura l’assistenza continuativa del paziente in generale e del disabile in particolare.

Per concludere, ricordiamo cosa sono i permessi 104 e a chi spetta questa agevolazione.

In questo articolo rispondiamo a una domanda che ci viene spesso rivolta dai nostri utenti: cosa posso fare con la 104 per assistere mia madre?

Permessi 104 e ricovero in una casa di riposo: cosa sono i permessi retribuiti e a chi spettano

Sappiamo, a questo punto, che permessi 104 e ricovero in una casa di riposo sono possibili. Ricordiamo che cosa sono i permessi retribuiti e a chi spettano.

I permessi 104 (articolo 33, comma 3, legge 104/92) consentono di astenersi dal lavoro e di essere retribuiti (sulla base della retribuzione che si riceve). Sono anche coperti anche i fini pensionistici con una contribuzione figurativa.

I permessi 104 sono concessi a:

  • le persone con disabilità grave;
  • familiari della persona con disabilità grave (coniuge, parte dell’unione civile, convivente di fatto, genitori biologici o adottivi);
  • i parenti o gli affini entro il secondo grado;
  • in casi eccezionali, viene estesa ai parenti al terzo grado se i genitori o il coniuge della persona con disabilità grave abbiano compiuto i 65 anni di età o siano affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

Il lavoratore con disabilità grave e i familiari che se ne prendono cura possono beneficiare, alternativamente, di:

  • 2 ore di permesso giornaliero;
  • 3 giorni di permesso mensile (frazionabili anche in ore).

Per conoscere tutto sui permessi retribuiti, ti invitiamo a leggere gli articoli dedicati su questo stesso sito.

Abbiamo visto come funzionano i permessi 104 e ricovero in una casa di riposo. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.