Pensioni di invalidità giugno 2024: primi importi visibili

Primi importi dell’assegno di invalidità di giugno 2024: come visualizzarli. Ci saranno aumenti? Spetterà la quattordicesima a luglio? Ecco cosa sapere.
 - 
15/05/2024

Sono online i primi importi dell’assegno di invalidità di giugno 2024: ecco come visualizzarli e cosa sapere (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104, categorie protette, diritto del lavoro, sussidi, offerte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Primi importi dell’assegno di invalidità di giugno 2024 online: come visualizzarli

L’INPS ha iniziato ad aggiornare e a pubblicare i primi importi dell’assegno di invalidità di giugno 2024.

Come visualizzarli? Semplicemente accedendo al “Portale della Disabilità”, il punto di accesso unico alle informazioni e ai servizi in tema di invalidità civile, cecità civile, sordità, disabilità (Legge 68/1999) ed handicap (Legge 104/1992).

Inserite le credenziali, a scelta tra SPID, CIE (Carta d’Identità Elettronica) o CNS (Carta Nazionale dei Servizi), cliccate sulla voce “Pagamenti e cedolini”, per visualizzare l’elenco completo dei pagamenti previsti e quelli già ricevuti.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Se non doveste visualizzare l’importo dell’assegno di invalidità o della prestazione di cui siete titolari, nessuna paura: il ritardo è da attribuire ai tempi tecnici di aggiornamento. L’INPS provvederà a pubblicare tutti gli importi entro qualche giorno.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Importi dell’assegno di invalidità di giugno 2024: ci saranno aumenti?

Anche a giugno 2024 non c’è da attendersi alcun aumento sulla pensione di invalidità e sulle altre prestazioni assistenziali.

Gli ultimi aumenti sono quelli applicati lo scorso mese di gennaio per effetto della rivalutazione degli importi del 5,4%.

Come più volte spiegato nei precedenti approfondimenti sulle pensioni di invalidità pubblicati su Invalidità e Diritti, non spettano neppure gli aumenti per la riforma dell’IRPEF, dal momento che le prestazioni assistenziali sono esenti dall’imposta.

I prossimi aumenti sono attesi soltanto per il nuovo anno, ma ci sarà poco da festeggiare.

Per il 2025, la rivalutazione degli importi delle pensioni di invalidità sarà decisamente bassa, pari all’1,6%, che si traduce in un aumento di appena 5,33 euro al mese sull’assegno e sulla pensione di invalidità, i cui importi passeranno dagli attuali 333,33 euro a 338,66 euro.

Importi dell’assegno di invalidità: a luglio pagano la quattordicesima?

A luglio pagheranno la quattordicesima sulle pensioni di invalidità? Assolutamente no. Neppure quest’anno la mensilità bonus, erogata ai pensionati previdenziali con assegni di importo basso, spetterà agli invalidi civili.

La quattordicesima viene erogata a luglio o a dicembre (se il pensionato compie 64 anni dopo il mese di luglio) ai titolari di Assegno ordinario di invalidità e pensione di inabilità lavorativa (essendo, queste, prestazioni di tipo previdenziali), con redditi fino a 15.563,86 euro annui.

Pensione di invalidità 2024: importi e limiti reddituali

Ora passiamo agli importi e ai limiti reddituali (ove fossero previsti) per le varie prestazioni di tipo assistenziale, erogate dallo Stato.

Di seguito la tabella con tutti gli importi e i redditi da rispettare:

PrestazioneImporto 2024Limite di Reddito 2024
Ciechi civili assoluti ricoverati con sola pensione333,33 euro19.461,12 euro
Ciechi civili assoluti non ricoverati con sola pensione342,01 euro17.920 euro
Ciechi parziali con sola pensione333,33 euro19.461,12 euro
Ciechi parziali con sola indennità speciale221,20 euroNon ci sono limiti di reddito
Ciechi assoluti non ricoverati con pensione e indennità333,33 euro (+978,50 euro di indennità speciale)19.461,12 euro
Ciechi parziali con pensione e indennità speciale333,33 euro (+221,20 euro di indennità speciale)19.461,12 euro
Ipovedenti gravi decimisti con solo assegno a vita247,40 euro9.356,39 euro
Indennità di accompagnamento per ciechi civili978,50 euroNon ci sono limiti di reddito
Sordomuti333,33 euro19.461,12 euro
Indennità di comunicazione263,19 euroNon ci sono limiti di reddito
Invalidi civili totali (100%)333,33 euro19.461,12 euro
Invalidi civili parziali (dal 74% al 99%)333,33 euro5.725,46 euro
Indennità di accompagnamento per non autosufficienti531,76 euroNon ci sono limiti di reddito
Indennità di frequenza (invalidi minorenni)333,33 euro5.725,46 euro
Lavoratori affetti da talassemia major o drepanocitosi598,61 euroNon ci sono limiti di reddito
Tabella importi e limiti di reddito 2024

Quando pagano la pensione di invalidità di giugno 2024?

Quando pagheranno le pensioni di invalidità di giugno 2024? Il primo giorno bancabile è sabato 1° giugno.

Quel giorno partiranno gli accrediti sui conti correnti postali, sui libretti postali, sui conti Banco Posta e sulle Poste Pay Evolution. Mentre gli accrediti sui conti correnti bancari partiranno soltanto lunedì 3 giugno.

Sempre a partire dal 1° giugno partiranno i pagamenti in contanti, con ritiro presso l’ufficio postale di riferimento, seguendo l’ormai consueto calendario ordinato in base alle lettere iniziali dei cognomi degli aventi diritto.

Di seguito il possibile calendario dei pagamenti, ma vi consigliamo di informarvi presso l’ufficio postale poiché le date potrebbero variare soprattutto nei comuni meno popolosi:

  • sabato 1° giugno (solo mattina) – Cognomi A-B;
  • lunedì 3 giugno – Cognomi C-D;
  • martedì 4 giugno – Cognomi E-K;
  • mercoledì 5 giugno – Cognomi L-O;
  • giovedì 6 giugno – Cognomi P-R;
  • venerdì 7 giugno – Cognomi S-Z.
Primi importi dell’assegno di invalidità di giugno 2024
Primi importi dell’assegno di invalidità di giugno 2024: in foto alcune banconote e monete di euro.

Faq sulla pensione di invalidità 2024

Come si calcola il reddito per la pensione di invalidità nel 2024?

Nella determinazione del reddito rilevante si considerano i redditi di qualsiasi natura calcolati ai fini IRPEF al netto degli oneri deducibili e delle ritenute fiscali.

Non rientrano nel calcolo del reddito:

Ricordiamo che l’importo della prestazione è riconosciuto sempre in misura piena (non sono previste riduzioni). La pensione di invalidità non è incompatibile con le prestazioni di tipo previdenziale (pensione di vecchiaiaanticipata e di reversibilità) e al compimento del 67° anno di età si trasforma, in automatico, in Assegno sociale (534,41 euro al mese nel 2024).

Nel 2024, come cambiano importi e requisiti reddituali per le maggiorazioni sulla pensione di invalidità?

Per quanto riguarda le maggiorazioni socialil’importo massimo per invalidi civili totali, sordi, ciechi 18/67 anni titolari di pensione è di 401,72 euro mensili.

Il valore della maggiorazione diminuisce all’aumentare del reddito personale o coniugale del beneficiario, fino ai limiti reddituali previsti.

I limiti reddituali per il 2024 sono i seguenti:

  • reddito personale pensionato single – 9.555,65 euro (9.156,94 nel 2023);
  • reddito pensionato coniugato – 16.502,98 euro (15.748,33 nel 2023).

Quali categorie godono dell’incremento al milione nella pensione di invalidità?

L’incremento al milione nella pensione di invalidità è riservato a specifiche categorie, tra cui:

  • Invalidi Civili Assoluti (100%)
  • Sordomuti
  • Ciechi Assoluti

A chi spettano gli arretrati della pensione di invalidità?

Quando parliamo di arretrati della pensione di invalidità ci riferiamo al beneficio riconosciuto con effetto retroattivo oppure, come nel nostro caso, all’incremento al milione non ancora corrisposto dall’INPS.

Fino al 2020, l’incremento al milione era riservato ai beneficiari sopra elencati, soltanto a partire dal compimento del 60° anno di età, con l’esclusione di chi, pur essendo stato riconosciuto invalido totale e pur dovendo convivere con una cecità assoluta o con una sordità congenita o accusata in seguito, aveva un’età inferiore.

La Corte Costituzionale, con la sentenza numero 150 del 2020, ha dichiarato illegittima la precedente soglia minima di accesso alla maggiorazione sociale, abbassandola a 18 anni di età.

A chi spetta il bonus da 133 euro?

Quando parliamo del bonus da 133 euro sull’invalidità civile ci riferiamo alla maggiorazione dell’importo base della pensione di inabilità civile (invalidità civile del 100%).

La maggiorazione è stata introdotta dall’articolo 70, comma 6, della legge numero 388 del 2000 (inizialmente aveva un importo di 20.000 lire). Viene erogata per 13 mensilità e ha un valore mensile di 10,33 euro, per circa 133 euro annui.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1