/ Disabilità, a chi spetta il mese di sollievo e come funziona

Disabilità, a chi spetta il mese di sollievo e come funziona

In questo articolo analizziamo nel dettaglio cos’è il mese di sollievo, a chi spetta, quanto costa e come richiederlo.
 - 
30/10/2022

Il mese di sollievo, o ricovero di sollievo, è un breve periodo di tempo in cui una persona non autosufficiente viene assistita in una struttura specializzata per diverse ragioni. In questo approfondimento vediamo insieme in cosa consiste, a chi è rivolto e quanto costa (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Indice

Mese di sollievo: cos’è e come funziona

Quando si parla di ricovero di sollievo, anche noto come mese di sollievo, ci si riferisce a un soggiorno temporaneo (un ricovero, per l’appunto) in strutture come case di riposo o RSA destinato a persone non autosufficienti, anziane o disabili, che per un breve periodo di tempo non possono essere assistite dai propri familiari o caregiver.

La soluzione del ricovero di sollievo, che solitamente ha una durata di 30 giorni, viene solitamente adottata da un familiare del paziente o dal caregiver per evitare un ricovero definitivo. Generalmente, la necessità di questo ricovero emerge quando la famiglia che è solita assistere una persona anziana o disabile non autosufficiente ha bisogno di un supporto maggiore per un breve periodo di tempo.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Non è raro, infatti, che in alcuni casi un caregiver o un parente che si prende cura di una persona non autosufficiente debba occuparsi di impegni urgenti o semplicemente abbia bisogno di prendersi un periodo di riposo per poi riprendere serenamente l’assistenza al paziente interessato. Ed è proprio per questo che si parla di mese “di sollievo”, e cioè per supportare temporaneamente una famiglia o un caregiver nell’assistenza a un’altra persona.

Generalmente, il mese di sollievo è un servizio che viene offerto dalle RSA pubbliche o private, ma anche da case di riposo per anziani o altre strutture poliambulatoriali e assistenziali, che garantiscano un’assistenza giornaliera di 24 ore su 24.

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Chi ha diritto al mese di sollievo

Come abbiamo visto, il mese di sollievo ha la funzione di supportare una famiglia o un caregiver nell’assistenza di una persona anziana o disabile non autosufficiente per un breve periodo di tempo (solitamente 30 giorni). Ma chi può accedere alle strutture che offrono il ricovero di sollievo?

Dunque, il mese di sollievo è destinato a persone non autosufficienti o che per un determinato periodo di tempo hanno bisogno di maggiore assistenza. In particolare, possono usufruire del ricovero di sollievo nelle strutture dedicate queste categorie di persone:

  • anziani non autosufficienti;
  • anziani che hanno bisogno di assistenza socio-sanitaria per uno specifico periodo di tempo;
  • disabili non autosufficienti, e quindi che hanno bisogno di assistenza continua;
  • pazienti dimessi dall’ospedale, che hanno bisogno di un periodo di riabilitazione e convalescenza ma non possono essere assistiti dai proprio familiari.

Quindi, come si può notare, il mese di sollievo è concesso principalmente a persone che hanno bisogno di assistenza continua da parte di altri. Tuttavia, ciò non significa che alle persone autosufficienti sia vietato usufruire del mese di sollievo, ma in questo caso generalmente non vi sono agevolazioni economiche da parte della regione o di enti locali e i costi del ricovero sono tutti a carico del paziente.

Per sapere quanto costa il mese di sollievo, ti invitiamo a leggere il prossimo paragrafo.

Nel frattempo leggi anche come assumere un parente come badante.

Mese di sollievo: quanto costa

Il costo del ricovero di sollievo si aggira generalmente intorno ai 100 euro al giorno, quindi una cifra non proprio bassa, ma che sarebbe giustificata dall’assistenza 24 ore su 24, vitto, alloggio e cure per il paziente.

Tuttavia, soprattutto in casi di non autosufficienza dell’anziano o del disabile, il costo della retta viene pagato solo parzialmente dalla famiglia o dal paziente stesso, mentre il resto della quota è a carico del Fondo regionale per la non autosufficienza. Invece, quando il mese di sollievo corrisponde a un periodo post-dimissione dall’ospedale, il costo potrebbe essere totalmente versato dal Fondo regionale, ovviamente a seconda della regione in cui ci si trova.

Per questo motivo, è sempre consigliabile informarsi sul sito della Regione, Provincia o Comune di appartenenza per verificare se sia prevista qualche agevolazione per il mese di sollievo.

Scopri come chiedere l’assistenza a casa per beneficiare di cure mediche e riabilitazione.

Mese di sollievo per anziani e disabili non autosufficienti

Mese di sollievo: come richiederlo

Per richiedere il mese di sollievo ci sono delle procedure diverse a seconda che tu lo richieda in forma privata oppure in forma pubblica (e cioè convenzionata con il SSN).

Nel caso della richiesta in forma privata, puoi presentare la domanda direttamente presso la struttura che desideri, verificando prima la disponibilità del posto. Generalmente è necessario presentare una documentazione sanitaria del proprio medico curante, che attesti lo stato di salute del paziente. Sarà la struttura stessa a fornire dei moduli da compilare, così da valutare il pacchetto di degenza più adatto alle sue esigenze.

Se invece il servizio di degenza è a carico della Regione o di un ente convenzionato con il SSN, per richiedere il mese di sollievo è necessario rivolgersi allo sportello servizi sociali del Comune di residenza.

In ogni caso, per essere sicuri della procedura da svolgere è consigliabile chiedere all’assistente sociale con cui si è in contatto.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.