Legge 104 condivisa tra fratelli: quanti permessi spettano?

Tutto quello che devi sapere sulla Legge 104 condivisa fra fratelli, ovvero sulla possibilità di assistere un genitore disabile grave dividendo l’assistenza e i permessi.
 - 
27/05/2024

Oggi vi parliamo delle condizioni necessarie per richiedere la Legge 104 condivisa tra fratelli e di quanti permessi spettano (scopri le ultime notizie su Legge 104invalidità civilecategorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Legge 104 condivisa fra fratelli: quanti permessi spettano?

La Legge 104 condivisa fra fratelli può essere richiesta perché la figura del referente unico è stata eliminata, permettendo così a più persone di assistere un familiare disabile.

I permessi previsti dalla Legge 104 possono quindi essere condivisi tra fratelli. Ad esempio, due fratelli che lavorano come dipendenti possono prendersi cura di un genitore gravemente disabile alternandosi nelle cure e usufruendo complessivamente di 3 giorni di permesso al mese. Questo è possibile anche se i fratelli non vivono con il disabile.

Ribadiamo: i 3 giorni di permesso devono essere suddivisi tra i due fratelli (non si tratta quindi di 6 giorni, ovvero 3 per ciascuno). Ciascun fratello dovrà presentare una richiesta specifica all’INPS e ai rispettivi datori di lavoro per ottenere i permessi previsti dalla Legge 104.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Un esempio pratico di Legge 104 condivisa fra fratelli

Per fare un esempio pratico, due fratelli, entrambi lavoratori dipendenti, possono richiedere il permesso di assistere la mamma disabile, la quale abbia ottenuto il riconoscimento della Legge 104 con articolo 3 comma 3, assentandosi alternativamente tra loro dal lavoro per un totale di 3 giorni al mese complessivi.

Cos’è la Legge 104 condivisa

La Legge 104 condivisa dà la possibilità di assistere una persona disabile grave a due o più familiari e non solo più a uno, come avveniva fino a poco tempo fa.

In pratica, fino al 2022, esisteva la figura del referente unico: era cioè permesso a un solo parente di assistere la persona disabile grave e ottenere le agevolazioni lavorative, che consistono nella possibilità di ottenere 3 giorni di permessi retribuiti per assentarsi da lavoro con il fine, appunto, di prendersi cura del disabile.

Il decreto legislativo 30 giugno 2022, n. 105, oltre a modifiche al Testo Unico sulla maternità e paternità, ha poi previsto anche nuove regole in materia di permessi di cui all’articolo 33 della Legge 5 febbraio 1992, n. 104, e di congedo straordinario di cui all’articolo 42, comma 5, del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151.

Dal 13 agosto 2022, dunque, fermo restando il limite complessivo di 3 giorni, per l’assistenza alla stessa persona con disabilità in situazione di gravità, il diritto può essere riconosciuto, su richiesta, a più soggetti tra quelli aventi diritto, che possono fruirne in via alternativa tra loro.

Legge 104 condivisa fra fratelli
Legge 104 condivisa fra fratelli. Nella foto: due fratelli abbracciano e baciano la madre.

Gradi di parentela e diritto ai permessi 104

Ricapitolando, hanno quindi diritto a usufruire dei 3 giorni di permessi lavorativi previsti dalla Legge 104 per assistere un familiare con riconoscimento di disabilità in stato di gravità (Legge 104, articolo 3 comma 3):

  • genitori;
  • coniuge;
  • parte di un’unione civile;
  • convivente di fatto.

In caso di mancanza/ decesso/ patologie invalidanti o età oltre i 65 anni dei soggetti sopra elencati, il diritto è riconosciuto a parenti o affini entro il terzo grado della persona con disabilità in situazione di gravità.

Assistenza a più familiari disabili

Ricordiamo, inoltre, che oltre alla Legge 104 condivisa tra fratelli il lavoratore ha diritto di prestare assistenza nei confronti di più persone con disabilità in situazione di gravità, a condizione che si tratti del coniuge o della parte di un’unione civile o del convivente di fatto o di un parente o affine entro il primo grado o entro il secondo grado qualora i genitori o il coniuge della persona con disabilità in situazione di gravità abbiano compiuto i 65 anni di età oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

Possibilità di cumulo dei permessi

Se sei un lavoratore con disabilità grave che beneficia dei permessi 104 e hai bisogno di assistere un familiare anch’esso disabile, puoi farlo.

In questo caso, puoi cumulare il godimento dei 3 giorni di permesso mensile per assistere un tuo familiare con disabilità grave, senza aver acquisito un parere medico legale sulla tua capacità di soddisfare le necessità assistenziali del familiare disabile.

In pratica, i permessi della Legge 104 sono cumulativi quando presi per sé e per assistere un’altra persona. E questo, addirittura, senza bisogno di un parere medico.

Una condizione, però, c’è: all’interno del nucleo familiare non ci deve essere un altro parente non lavoratore in condizioni di prestare assistenza.

FAQ sulla Legge 104 condivisa fra fratelli

Come richiedere la Legge 104 condivisa per la propria famiglia?

Per richiedere la Legge 104 condivisa, è necessario presentare una domanda all’INPS. La domanda deve contenere tutta la documentazione medica necessaria a comprovare la condizione di disabilità o patologia grave del familiare che necessita di assistenza.

Posso usufruire della Legge 104 condivisa se non sono un parente stretto del beneficiario?

La Legge 104 condivisa è prevista esclusivamente per i familiari che hanno un legame di parentela con il beneficiario diretto. Solo in casi eccezionali e a determinate condizioni è possibile richiedere la Legge 104 per assistere un amico.

Quali sono i doveri dei familiari che usufruiscono della Legge 104 condivisa?

I familiari che usufruiscono della Legge 104 condivisa hanno il dovere di dedicare il proprio tempo all’assistenza del familiare disabile o malato. Devono rispettare le norme previste dalla legge e informare l’INPS in caso di cambiamenti nella situazione del beneficiario o della propria famiglia che potrebbero influenzare l’assegnazione dei benefici.

La Legge 104 condivisa prevede limiti di durata?

La durata dei benefici previsti dalla Legge 104 condivisa può variare a seconda della gravità della situazione del beneficiario. Solitamente, i benefici vengono concessi per un periodo di tempo determinato e possono essere rinnovati in base alla valutazione medica della condizione del familiare bisognoso di assistenza.

Cosa succede se i familiari non rispettano gli obblighi legati alla Legge 104 condivisa?

Se i familiari non rispettano gli obblighi legati alla Legge 104 condivisa, potrebbero perdere i benefici ottenuti e essere soggetti a sanzioni previste dalla legge. È importante rispettare le norme e gli impegni presi in quanto la Legge 104 rappresenta un sostegno importante per le famiglie che assistono persone con disabilità o patologie gravi.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1