Invalidità civile per chi soffre di fibromialgia

Invalidità civile per chi soffre di fibromialgia: vediamo se e cosa è previsto per questa dolorosa e cronica patologia che in Italia non è ancora inserita nell'elenco del ministero. Quali sono i sintomi, la diffusione e con quale patologia viene “associata” per il riconoscimento di percentuali di invalidità.
 - 
8/12/22

Invalidità civile per chi soffre di fibromialgia, una patologia che colpisce in Italia tra 2 e 3 milioni di persone, ovvero tra il 3 e il 4% della popolazione. (entra nella community di Invalidità e Diritti e scopri le ultime notizie sull’invalidità civile e sulla Legge 104. Unisciti al gruppo Telegram, alla chat tematica e a WhatsApp per ricevere tutte le news direttamente sul cellulare. Entra nel gruppo Facebook per parlare con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi).

Indice

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e ricevi con WhatsApp, Telegram e Facebook tutti gli approfondimenti su invalidità, diritti e Legge 104.

Si tratta di una malattia grave e che sei volte su sette riguarda donne in età giovanile. In Italia, e solo in Italia, c’è un silenzio incomprensibile intorno alla fibromialgia. Può essere d’aiuto questo dato: la patologia è stata riconosciuta 30 anni fa (era il 1992) dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Fibromialgia non riconosciuta

Nel nostro Paese la fibromialgia non è riconosciuta come malattia invalidante. Questo significa che non è presente nell’elenco del Ministero della Salute e non è prevista come diagnosi nei tabulati delle dimissioni ospedaliere.

La conseguenza di tutto questo è chiara: i pazienti sono privi di tutele e non possono usufruire dell’esenzione dalla spesa sanitaria.

Eppure la caratteristica principale di questa malattia è il dolore, per questo motivo che ne soffre dovrebbe rientrare tra i pazienti che necessitano della terapia del dolore e dei relativi livelli essenziali di assistenza (Lea).

Entra nella community e nella chat di Invalidità e Diritti e aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 e a quello di WhatsApp per tutte le news. Nel nostro gruppo Facebook confrontati con migliaia di persone che hanno i tuoi stessi interessi.

Fibromialgia: disegno di legge

In Senato è bloccato da anni un disegno di legge (il numero 299): «Disposizioni in favore delle persone affette da fibromialgia». Ogni tanto se ne parla. Al momento è fermo in Commissione.

Negli ultimi anno comunque qualcosa si è mosso. Regioni come Lombardia, Emilia Romagna, Puglia, Sicilia e Sardegna hanno approvato delle leggi. Ma è indispensabile una decisione nazionale, anche perché se non si uniforma il sistema per i pazienti diventa tutto molto più complicato.

Fibromialgia: criterio analogico

Per il riconoscimento dell’invalidità civile si fa ricorso in questo momento (come vedremo) al criterio analogico. Ovvero si associano i sintomi che causa questa patologia ad altre che sono invece ritenute invalidanti (e per le quali è quindi riconosciuta una percentuale di invalidità). Ma si tratta comunque di un percorso a ostacoli. Ci arriveremo.

Fibromialgia: sintomi

Per comprendere meglio questa patologia (e in fondo anche le difficoltà nel diagnosticarla), partiamo dai sintomi che, ripetiamo, non solo sono gravi, ma anche decisamente invalidanti.

Eccoli dunque:

  • dolore cronico;
  • debolezza generalizzata;
  • mal di testa frequenti;
  • dolori addominali;
  • dolori muscolo scheletrici;
  • colon irritabile;
  • difficoltà di concentrazione.

Si tratta di sintomi molto eterogenei ma che hanno una inevitabile incidenza sulle capacità di lavoro, che è uno degli indicatori principali per la valutazione dell’invalidità civile.

Questi sintomi sono spessi associati a cefalea, astenia, intolleranza al freddo e al caldo, insonnia, affaticamento costante, rigidità generalizzati.

Ma non è finita, la lista (purtroppo) è lunga:

  • sindrome delle gambe senza riposo;
  • intorpidimento e formicolio atipico;
  • prurito;
  • sonno non ristoratore;
  • mal di testa;
  • vescica iperattiva;
  • dismenorrea;
  • ipersensibilità al freddo e al caldo;
  • fenomeno di Raynoud;
  • disturbi cognitivi (confusione, scarsa concentrazione, alterazione della memoria);
  • sensazione di pressione e di stringimento;
  • scarsa resistenza all’esercizio fisico;
  • generale sensazione di debolezza.
  • Allodinia;
  • dispepsia;
  • dolori addominali e colon irritabile:
  • secchezza delle mucose;
  • sintomi urinari e genitali.

Fibromialgia: non esiste una cura

Non esiste una cura per la fibromialgia e siamo di fronte a una malattia cronica. Ci sono però dei trattamenti che aiutano a contenere i sintomi:

  • trattamenti multidisciplinari a lungo termine;
  • trattamenti farmacologici;
  • ossigenoterapia iperbarica e ozono terapia
Invalidità civile per chi soffre di fibromialgia
Invalidità civile per chi soffre di fibromialgia

Fibromialgia: invalidità civile

Insomma, è difficile non ritenere questa patologia invalidante. Le commissioni medica, e in alcuni casi il ricorso giudiziale, hanno comunque fatto prevalere le ragioni dei pazienti rispetto alle intollerabili lentezze della nostra burocrazia.

Si è proceduto, come abbiamo accennato, al metodo analogico. In genere l’analogia è stata fatta con l’artrite reumatoide, che comporta il riconoscimento di una percentuale di invalidità del 50%.

Le altre patologie con le quali è stata spesso “associata” la fibromialgia sono queste:

  • stress;
  • ansia;
  • depressione;
  • lupus eritematoso;
  • tiroide di Hashimoto.

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.