Invalidità civile 74% assegno mensile 2024

Parliamo di invalidità civile al 74% e assegno mensile: qual è il nuovo importo per il 2024 con l’applicazione della rivalutazione annuale e quali sono i requisiti per richiederlo.
 - 
30/01/2024

Ecco tutte le novità sull’invalidità civile al 74% e assegno mensile nel 2024 (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Invalidità civile al 74% e assegno mensile: importo e limiti di reddito per il 2024

È da poco uscita la nuova circolare dell’INPS, datata 2 gennaio 2024, che riguarda il rinnovo delle pensioni e delle prestazioni assistenziali per tutto l’anno.

Questa circolare fornisce tutti i dettagli sugli importi delle pensioni e delle prestazioni assistenziali per il 2024, inclusi i limiti di reddito, se applicabili.

Per quanto riguarda l’invalidità civile al 74% e assegno mensile, l’importo per il 2024 è di 333,33 euro.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Attenzione al limite di reddito, che è fissato a 5.725,46 euro. È importante notare che c’è ancora il diritto automatico a un aumento di 10,33 euro (maggiorazione sociale), ma solo se il reddito non supera i 7.081,62 euro. Se sei coniugato, il limite per l’aumento non deve superare i 15.644,85 euro.

L’assegno mensile di assistenza viene calcolato considerando i redditi dichiarati dall’interessato in modo presuntivo nell’anno in corso per la prima liquidazione.

Per gli anni successivi, per le pensioni si considerano i redditi dell’anno solare di riferimento, mentre per altre tipologie di redditi soggetti a IRPEF, si guardano gli importi percepiti negli anni precedenti (Legge 33/1980, articolo 14 septies).

Quando si raggiunge l’età anagrafica per il diritto all’assegno sociale, che nel 2024 è di 67 anni, l’assegno mensile di assistenza diventa un assegno sociale sostitutivo.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Requisiti per l’invalidità al 74% e assegno mensile

Se desideri richiedere l’assegno mensile, devi soddisfare alcuni requisiti. Eccoli elencati in modo chiaro:

  • il tuo reddito non deve superare la soglia stabilita per legge ogni anno, che nel 2024 è di 5.725,46 euro;
  • la tua età deve essere compresa tra i 18 e i 67 anni;
  • devi essere cittadino italiano;
  • se sei cittadino straniero comunitario o cittadino extracomunitario familiare, devi essere iscritto all’anagrafe del comune di residenza;
  • se sei cittadino straniero extracomunitario, devi possedere un permesso di soggiorno di almeno un anno, come stabilito dall’articolo 41 del Testo Unico sull’Immigrazione;
  • la tua residenza deve essere stabile e abituale sul territorio nazionale.

Aumenti delle pensioni 2024: i benefici della riforma IRPEF saranno visibili soltanto dal mese di aprile. Chi ci guadagna? Ecco esempi, calcoli e importi.

Incompatibilità con altre prestazioni

L’assegno mensile non è cumulabile con altri benefici ottenuti a seguito di invalidità causata da guerra, lavoro o servizio, o con pensioni di invalidità erogate da diverse istituzioni, come l’Assicurazione Generale Obbligatoria, le gestioni pensionistiche per i lavoratori autonomi e altre gestioni obbligatorie per i dipendenti.

Puoi scegliere l’opzione più vantaggiosa per te, ma se la situazione di incompatibilità si verifica dopo aver ricevuto l’assegno mensile, è importante informare l’INPS entro 30 giorni dalla notifica di un altro ente che riconosce un trattamento pensionistico incompatibile.

Scopri se l’Assegno sociale e pensione sono compatibili , come funziona il calcolo e per chi sono cumulabili interamente.

invalidità civile al 74% e assegno mensile
Invalidità civile al 74% e assegno mensile. Nella foto: il numero 74.

Quando e come fare domanda per invalidità civile al 74% e assegno di assistenza

Per ottenere la prestazione di invalidità civile, è fondamentale che la riduzione delle capacità sia ufficialmente riconosciuta nel verbale della Commissione medico-legale al termine dell’esame sanitario.

Nella tua richiesta, è importante includere anche informazioni socioeconomiche come eventuali ricoveri, lavoro svolto, entrate finanziarie, dettagli di pagamento e autorizzazione per la riscossione da parte di terzi o di associazioni.

Il processo di riconoscimento si completa quando l’INPS invia il verbale di invalidità civile tramite raccomandata A/R o all’indirizzo PEC (se fornito). Puoi accedere al verbale anche nella tua Cassetta postale online.

Puoi presentare la domanda di invalidità civile direttamente sul sito dell’INPS o tramite un ente di Patronato o un’associazione di categoria come ANMIC, ENS, UIC, ANFASS.

Tieni presente che, a meno che tu non stia richiedendo un aggravamento dell’invalidità, non puoi presentare una nuova domanda per la stessa prestazione finché la procedura in corso non è conclusa o, in caso di controversia legale, finché non c’è una sentenza definitiva.

Il tempo massimo previsto per l’emissione dei provvedimenti è di 45 giorni per la valutazione sanitaria e altri 45 giorni per l’approvazione della prestazione.

Invalidità civile ed esclusi dalla domanda: chi non può presentarla e per quale motivo? Ecco l’elenco degli esclusi e quali prestazioni economiche ottenere.

FAQ sull’invalidità civile al 74% e assegno mensile

Posso chiedere il riconoscimento dell’invalidità civile e quello della Legge 104 insieme?

Sì, è possibile richiedere contemporaneamente il riconoscimento dell’invalidità civile e quello della Legge 104, che prevede agevolazioni per i lavoratori con disabilità o per coloro che assistono una persona con disabilità grave. Tuttavia, è importante sottolineare che i due riconoscimenti sono distinti e dipendono da criteri diversi. In questo articolo ti spieghiamo qual è la differenza tra invalidità e handicap e in quali casi possono essere riconosciuti entrambi.

A cosa ho diritto se ottengo la Legge 104?

Se ottieni il riconoscimento della Legge 104, potresti avere diritto a diverse agevolazioni. Tra queste ci sono:

congedo biennale retribuito, a favore di un tuo familiare che ti presta assistenza;

  • agevolazioni fiscali, come detrazioni o deduzioni per le spese sostenute per la cura della persona con disabilità;
  • priorità nella scelta del posto di lavoro e nella mobilità.
  • agevolazioni per l’accesso all’istruzione e alla formazione professionale.

Le agevolazioni variano in base al grado di handicap riconosciuto. In questo articolo parliamo delle agevolazioni Legge 104 comma 1 (handicap senza gravità) e in questo delle agevolazioni Legge 104 articolo 3 comma 3 (handicap grave).

Per iscrivermi alle categorie protette basta il 74% di invalidità?

Sì, perché per iscriverti alle categorie protette è necessario aver ottenuto il riconoscimento di una percentuale di invalidità di almeno il 46%. L’iscrizione però non è automatica: ti spieghiamo come iscriversi alle categorie protette e cosa prevede il collocamento mirato.

In quali casi è possibile ottenere l’indennità di accompagnamento?

L’indennità di accompagnamento può essere ottenuta in determinati casi di disabilità grave che comportano una compromissione significativa dell’autonomia personale. Di solito, viene riconosciuta a persone che necessitano dell’assistenza continua di un’altra persona per svolgere le attività quotidiane. Alcuni esempi di situazioni in cui potrebbe essere concessa l’indennità di accompagnamento includono gravi patologie invalidanti, handicap sensoriali o motori che limitano in modo significativo l’autosufficienza. In questo articolo ti spieghiamo tutto sulla legge sull’Assegno di accompagnamento: a chi spetta l’indennità e come richiederla.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1