Invalidità civile: a chi spettano più soldi

Importo con l’invalidità civile 2024: vediamo a chi spettano più soldi e come richiederli.
 - 
02/04/2024

Parliamo di importo con l’invalidità civile 2024 e di aumenti(scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Importo con l’invalidità civile 2024: a chi spettano più soldi?

L’importo con l’invalidità civile 2024, nella maggioranza dei casi, non supera i 333,33 euro.

Solo ai ciechi assoluti e ai lavoratori affetti da talassemia major o drepanocitosi spettano più soldi. Il loro assegno mensile, infatti, è rispettivamente di 360,48 euro e di 598,61 euro.

Anche l’indennità di accompagnamento per ciechi ha un importo più alto di quella erogata a tutte le altre categorie di invalidi (531,76 euro). Il suo importo, infatti, è di 978,50 euro.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Pensione per ciechi assoluti: requisiti

Abbiamo visto che spetta un importo con invalidità civile 2024 più alto ai ciechi assoluti. Ma chi può richiedere la pensione per ciechi assoluti?

Se sei un cittadino italiano o un cittadino straniero con determinati requisiti, potresti averne diritto. Ecco quali sono i requisiti sanitari e amministrativi:

  • devi essere maggiorenne;
  • deve essere riconosciuta la tua cecità assoluta, cioè la totale mancanza di vista in entrambi gli occhi, anche con l’uso di eventuali correzioni;
  • devi trovarti in uno stato di bisogno economico, con un reddito personale annuo non superiore a 19.461,12 euro.
  • devi essere cittadino italiano oppure, se sei cittadino straniero comunitario, devi essere iscritto all’anagrafe del comune di residenza. Se sei cittadino straniero extracomunitario, devi possedere un permesso di soggiorno di almeno un anno (come previsto dall’articolo 41 del Testo Unico sull’Immigrazione);
  • devi avere una residenza stabile e abituale sul territorio nazionale.

Parliamo di agevolazioni per l’acquisto auto per ciechi e sordi: le circolari ministeriali che ne hanno esteso il diritto, in cosa consistono le agevolazioni e come ottenerle.

Compatibilità con altre prestazioni

La pensione per ciechi assoluti può essere cumulata con altre prestazioni ottenute a seguito di invalidità dovuta a guerra, lavoro o servizio, purché questa invalidità sia riconosciuta per una patologia o menomazione diversa.

Inoltre, è compatibile con le pensioni dirette di invalidità erogate dall’Assicurazione Generale Obbligatoria per l’invalidità, la pensione di vecchiaia e la pensione di reversibilità per i superstiti dei lavoratori dipendenti, così come con le gestioni pensionistiche per i lavoratori autonomi e con ogni altra pensione obbligatoria per i lavoratori dipendenti.

La pensione può essere erogata anche se sei ricoverato in un istituto pubblico.

Cos’è l’indennità speciale per ciechi parziali e come si fa per ottenere la prestazione? Ne parliamo in questo approfondimento.

A chi spetta l’indennità di accompagnamento per ciechi assoluti

Se sei un cittadino italiano e sei cieco assoluto, puoi avere diritto a un sostegno chiamato indennità di accompagnamento se hai i seguenti requisiti:

  • devi essere legalmente riconosciuto come cieco totale;
  • devi essere cittadino italiano o, se sei straniero comunitario, devi essere registrato nell’anagrafe del comune dove vivi. Se sei straniero extracomunitario, devi avere un permesso di soggiorno valido da almeno un anno;
  • devi vivere stabilmente e abitualmente in Italia.

Non c’è bisogno di avere un certo reddito o di essere di una certa età per ricevere questa indennità.

Puoi ottenere questa indennità anche se ricevi una pensione per ciechi totali, e la ricevi interamente anche se sei ricoverato in un istituto pubblico. Puoi persino lavorare e continuare a riceverla.

Però, non puoi ricevere questa indennità se già ricevi altre prestazioni simili per invalidità dovute a guerra, lavoro o servizio. Ma hai la possibilità di scegliere la prestazione che ti conviene di più.

Inoltre, puoi cumulare questa indennità con altre indennità come l’indennità di comunicazione o l’indennità di accompagnamento per invalidi civili totali, a patto che siano state concesse per diverse tipologie di disabilità (per esempio, se sei disabile per più motivi).

In presenza di determinate condizioni sanitarie è possibile ottenere l’indennità di accompagnamento a 1500 euro al mese. Ecco quali sono queste condizioni.

importo con l'invalidità civile 2024
importo con l’invalidità civile 2024. Nella foto: banconote in euro.

Come fare domanda per la pensione e l’accompagnamento per ciechi assoluti 2024

Per richiedere la pensione per ciechi assoluti e l’indennità di accompagnamento, prima di tutto è necessario che la condizione di disabilità sia stata confermata nel documento rilasciato dalla Commissione medica legale al termine dell’esame medico.

Nella richiesta di avvio della procedura, è importante includere anche informazioni riguardanti la situazione economica e sociale: eventuali ospedalizzazioni, lavoro svolto, entrate finanziarie, modalità di pagamento e autorizzazione per la riscossione di pagamenti da parte di un’altra persona o di un’associazione.

A meno che non si tratti di una richiesta per un aggravamento dell’invalidità, non è consentito presentare una nuova domanda per lo stesso beneficio finché non si sia concluso il processo per la richiesta in corso o, nel caso di ricorso legale, fino a quando non sia stata emessa una sentenza definitiva.

La richiesta può essere inviata direttamente attraverso il sito dell’INPS, utilizzando le proprie credenziali, oppure tramite un ente di patronato o un’associazione di categoria come ANMIC, ENS, UIC, ANFASS.

A chi spetta l’indennità per lavoratori affetti da talassemia major o drepanocitosi

Un aiuto economico chiamato Indennità per lavoratori affetti da talassemia major o drepanocitosi è disponibile su richiesta, senza tener conto del reddito o di altre pensioni o supporti ricevuti.

Questa indennità è destinata ai lavoratori che soffrono di:

  • Talassemia major (nota anche come morbo di Cooley)
  • Drepanocitosi (conosciuta anche come anemia falciforme)
  • Talassodrepanocitosi
  • Talassemia intermedia che richiede trattamento trasfusionale o con idrossiurea.

Per poter beneficiare dell’indennità, i lavoratori devono:

  • avere almeno 35 anni di età;
  • essere dipendenti, autonomi o liberi professionisti;
  • ottenere un certificato della ASL che conferma la diagnosi e il trattamento in corso;
  • essere cittadini italiani o, per i cittadini stranieri, avere residenza legale in Italia da almeno un anno;
  • essere stabilmente residenti in Italia.

Questo sostegno è disponibile senza considerare il loro reddito o altri supporti previdenziali o assistenziali ricevuti.

Ecco chi sono i ciechi ventesimisti e quali benefici economici spettano loro.

Come fare domanda per indennità per lavoratori affetti da talassemia major o drepanocitosi

Per richiedere l’indennità per i lavoratori colpiti da talassemia major o drepanocitosi, è necessario compilare la domanda online tramite il servizio INPS dedicato, direttamente dall’interessato utilizzando le proprie credenziali (SPID, CIE, CNS), oppure tramite un patronato o un altro intermediario autorizzato secondo le leggi attuali.

Al momento della presentazione della domanda, è essenziale allegare i seguenti documenti:

  • un certificato che attesti la condizione di talassemia major (morbo di Cooley), drepanocitosi (anemia falciforme), talassodrepanocitosi, o talassemia intermedia in trattamento trasfusionale o con idrossiurea, rilasciato dall’ASL;
  • un attestato che dimostri un’anzianità contributiva di almeno dieci anni, emesso da enti previdenziali diversi dall’INPS, se i contributi necessari per soddisfare il requisito sono stati versati ad altri enti;
  • un attestato del datore di lavoro che specifichi i contributi versati all’INPS, se essi sono necessari per soddisfare il requisito contributivo, e che non sono inclusi nella Certificazione Unica (CU) e, per l’anno corrente, nell’E-Mens.

FAQ sull’invalidità civile 2024

Quali categorie godono dell’incremento al milione nella pensione di invalidità?

L’incremento al milione nella pensione di invalidità è riservato a specifiche categorie, tra cui:

  • Ciechi Assoluti

Pensione di invalidità e accompagnamento sono compatibili?

Pensione di invalidità e accompagnamento sono compatibili se si soddisfano i requisiti per ricevere entrambe le prestazioni.

La quattordicesima spetta sulla pensione di invalidità?

La quattordicesima è riconosciuta su queste prestazioni di invalidità.

Cosa è incompatibile con l’indennità di accompagnamento?

L’indennità di accompagnamento è incompatibile con prestazioni simili che sono state concesse per invalidità contratte a causa di guerra, lavoro o servizio.

Il cittadino ha però la facoltà di scegliere il trattamento che ritiene più favorevole.

Cosa è compatibile con l’indennità di accompagnamento?

L’indennità di accompagnamento è compatibile con lo svolgimento dell’attività lavorativa, dipendente o autonoma. L’assistito può anche essere titolare di una patente speciale.

L’indennità di accompagnamento è anche compatibile e cumulabile con l’indennità di comunicazione e l’indennità di accompagnamento per cieco assoluto, ma solo se le due indennità sono state concesse per delle distinte minorazioni, ognuna delle quali deve essere relativa a differenti stati di invalidità (pluriminorati).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Come leggere i verbali di invalidità civile: guida facile

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1