Disability card vale come documento di identità

La Disability card vale come documento di identità? La risposta in questo approfondimento.
 - 
06/12/2023

Vediamo se la Disability card vale come documento di identità (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

La Disability card vale come documento di identità?

Assolutamente sì, la Disability card vale come documento di identità. Anzi, è proprio lo scopo principale con il quale è stata creata.

La Disability Card è un documento che dimostra la disabilità di una persona senza la necessità di altri documenti.

Grazie a questa carta, le persone con disabilità possono evitare di portare con sé certificati cartacei che confermano la loro disabilità e i dettagli relativi.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Si tratta nello specifico di un nuovo documento che sostituirà tutti i vecchi certificati cartacei, semplificando la vita delle persone disabili e eliminando la burocrazia. Questa carta:

  • è stata creata per garantire i diritti legati alla libertà di movimento e di soggiorno nell’Unione Europea. Il Comitato Economico e Sociale Europeo l’ha approvata all’unanimità il 27 aprile 2023. Questo documento propone un regolamento comunitario per le persone con disabilità che viaggiano o si trasferiscono in altri Paesi dell’UE, garantendo loro gli stessi servizi, misure di sostegno, vantaggi e sconti concessi ai cittadini con disabilità.

Con questa tessera, le persone con disabilità possono accedere a tutti i servizi ai quali hanno diritto, come l’accesso alle zone a traffico limitato senza dover chiedere permessi. È una carta universale per tutti i servizi.

Le istruzioni su come ottenere e utilizzare la Carta sono fornite nella Circolare INPS n° 46 del 01-04-2022.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Caratteristiche della Disability card

Dopo aver confermato che la Disability card vale come documento di identità, vediamo nel dettaglio quali sono le sue caratteristiche, per chiarire maggiormente perché ha questa valenza.

La Disability Card è una carta fisica stampata in modo sicuro che segue le linee guida dell’Unione europea per il riconoscimento della disabilità nei cittadini dei paesi membri.

Questa carta viene prodotta dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e consegnata tramite Poste Italiane.

Sulla Disability Card sono presenti diverse informazioni, tra cui:

  • la foto del titolare;
  • nome, cognome e data di nascita;
  • numero seriale e data di scadenza del documento;
  • un codice QR che contiene solo informazioni sulla disabilità.

Sulla parte anteriore della carta, ci sono il nome del documento, la sigla del paese emittente e un ologramma con la bandiera dell’Unione europea.

Inoltre, la carta indica se il titolare ha bisogno di un accompagnatore o di un maggiore sostegno. Per le persone non vedenti e ipovedenti, la carta include anche la scritta “Disability Card” in codice Braille.

Disability card e dimensioni della foto: quanto deve essere grande la foto per la disabilty card? Ecco le dimensioni e cosa serve per richiederla.

Come funziona

La Disability card è personale e non può essere dato a nessun altro, ma in alcune situazioni speciali, si può indicare il nome di una persona autorizzata a usarla, perché ci sono persone con disabilità che non possono agire da sole a causa delle loro condizioni fisiche.

Per usarla, bisogna mostrarla a chi fornisce servizi, e questo evita di dover mostrare altri documenti che dimostrino di essere una persona con disabilità.

Ecco come funziona quando la carta viene mostrata:

  • chi fornisce il servizio usa uno speciale lettore che legge un codice QR (un tipo di codice a barre bidimensionale);
  • digita il codice fiscale della persona con disabilità;
  • accedi a un sito web fornito dall’INPS, che è l’ente che gestisce la previdenza sociale, anche usando uno smartphone o un tablet.

La Carta permette a chi fornisce il servizio di accedere a diverse informazioni in modo sicuro:

  • Accesso di I livello: verifica solo se la persona ha ancora la disabilità.
  • Accesso di II livello: per servizi specifici, richiede l’identificazione digitale da parte di chi fornisce il servizio. Questo accesso è possibile solo se la persona con disabilità è presente e dà il suo consenso, confermando un codice OPT che riceve sul suo telefono.

Dopo aver inserito questo codice, l’applicazione mostra una pagina dove chi fornisce il servizio può scegliere quali informazioni vedere tra queste:

Valutazione medica legale (basata su un verbale di invalidità civile).

Dopo aver fatto la scelta e accettato la responsabilità, chi fornisce il servizio può vedere solo le informazioni specifiche che ha selezionato.

Tutte queste operazioni vengono fatte nel rispetto delle leggi sulla protezione dei dati personali, in particolare del Regolamento (UE) 2016/679 e delle leggi vigenti sulla privacy.

Scopri se è possibile usufruire della Disability card per il parcheggio o se serve qualche altro documento.

Disability card vale come documento di identità
Disability card vale come documento di identità. Nella foto: un punto interrogativo.

A chi spetta

La Disability Card o Carta Europea della Disabilità, è rilasciata gratuitamente dall’INPS per le persone con diverse forme di disabilità e non autosufficienza. Puoi ottenerla se rientri in una di queste categorie:

  • persone con invalidità sul lavoro o con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa o con menomazioni dell’integrità psicofisica;
  • cittadini titolari di Trattamenti di privilegio ordinari e di guerra.

I requisiti di disabilità sono stabiliti nell’allegato 3 del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159.

Una volta ottenuta la Disability Card, non è necessario mostrare altre certificazioni per dimostrare l’appartenenza alle categorie idonee per questa carta.

FAQ sulla Disability card

Chi rilascia la Disability card e come fare domanda?

La Disability Card è una carta gratuita che può essere ottenuta attraverso una procedura online sul sito dell’INPS.

Puoi richiedere la Disability Card presso l’INPS utilizzando il canale telematico disponibile sulla sua pagina web. Puoi accedere a questo servizio utilizzando una delle seguenti opzioni:

  • SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale);
  • Carta d’Identità Elettronica (CIE);
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

In alternativa, puoi rivolgerti alle associazioni rappresentative delle persone con disabilità autorizzate dall’INPS a utilizzare il canale telematico per presentare la tua domanda. Queste associazioni includono ANMIC, ENS, UIC e ANFFAS.

Per accedere a questo servizio tramite un’associazione, l’operatore deve essere preventivamente autorizzato ad accedere agli archivi dell’INPS e devi fornire una delega specifica firmata da te.

Quali sono i moduli da allegare alla domanda per la Disability card?

Per richiedere la Disability card, devi compilare un modulo online fornito dall’INPS. In questo modulo, dovrai inserire i seguenti dati personali:

  • nome e cognome;
  • codice fiscale;
  • domicilio digitale della persona con disabilità o del suo tutore, curatore, procuratore o rappresentante legale;
  • indirizzo di residenza;
  • indirizzo di spedizione;
  • numero di telefono fisso o cellulare.

Inoltre, dovrai allegare i seguenti documenti:

  • se l’indirizzo per la consegna della carta è diverso da quello di residenza, dovrai indicarlo;
  • i verbali cartacei precedenti al 2010 e quelli rilasciati dalla Regione Valle d’Aosta e dalle Province Autonome di Trento e Bolzano che attestano lo stato di invalidità dovranno essere allegati in copia, accompagnati da una dichiarazione di conformità all’originale, come previsto dalla legge.

Nel caso di invalidità riconosciute tramite sentenze o decreti giudiziari, dovrai indicare il tribunale competente e la data del rilascio del titolo.

Se si tratta di minori con disabilità appartenenti a specifiche categorie, la domanda può essere presentata dai genitori, dai tutori o dall’amministratore di sostegno, utilizzando le credenziali digitali del minore o una delega di identità digitale.

Se si tratta di minori in affidamento familiare appartenenti alle stesse categorie, la richiesta può essere presentata dagli affidatari durante il periodo in cui i minori sono in famiglia.

Una volta che l’INPS ha verificato i dati e i requisiti, la carta verrà spedita al tuo indirizzo. L’intera procedura dovrebbe essere completata entro 60 giorni dalla presentazione della richiesta.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.