Come organizzare la vacanza con il congedo 104

Scopri come organizzare la vacanza con il congedo 104 e a cosa bisogna fare attenzione per non violare quanto previsto dalla normativa.
 - 
22/05/2024

Come organizzare la vacanza con il congedo 104: vediamo nel dettaglio se è possibile andare in vacanza con la persona con disabilità, mentre si usufruisce di questo tipo di beneficio (scopri le ultime notizie su Legge 104, invalidità civile, categorie protette, diritto del lavoro, sussidi, offerte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Come organizzare la vacanza con il congedo 104?

Organizzare una vacanza quando si beneficia dei permessi o del congedo straordinario della Legge 104 richiede attenzione e rispetto delle normative. È essenziale ricordare che questi permessi sono concessi per l’assistenza di familiari con disabilità grave, non per finalità personali.

Tuttavia, esistono delle situazioni in cui la vacanza può essere compatibile con le finalità previste dalla legge.

La Legge 104 prevede dei permessi retribuiti e congedi straordinari per assistere familiari con handicap grave. Utilizzare questi periodi per una vacanza personale, abbandonando il disabile o lasciandolo in mani altrui, è un comportamento scorretto e può configurare una truffa aggravata.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa alle agevolazioni su auto e sussidi della Legge 104. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Questi permessi sono, infatti, finanziati dall’INPS e, quindi, dalla collettività, al fine di garantire l’assistenza a chi ne ha bisogno, non per offrire ulteriori giornate libere oltre alle ferie ordinarie già previste dai vari tipi di contratti lavorativi.

Le cose cambiano se il disabile deve essere accompagnato in vacanza per necessità di salute o per un periodo di villeggiatura consigliato dal medico. In questi casi, il lavoratore può chiedere il congedo o i permessi Legge 104 per accompagnare il familiare disabile, purché continui a fornire assistenza continuativa ed effettiva durante il soggiorno.

Ad esempio, se il disabile ha bisogno di cure termali o di un periodo di riposo in una località di mare o di montagna, il familiare che lo accompagna può usufruire dei permessi o del congedo 104.

La normativa non vieta di spostarsi con il disabile, purché l’assistenza non venga delegata a terzi una volta giunti a destinazione.

L’assistenza sistematica al disabile non implica un obbligo di presenza continua 24 ore su 24. Durante i periodi di permesso o congedo Legge 104, il lavoratore può prendersi dei momenti di riposo. Un’assenza temporanea per riposarsi è accettabile, mentre un’assenza prolungata che impedisce di accudire il disabile è contraria alla finalità della normativa.

Anche andare in spiaggia od organizzare attività ricreative con il disabile durante i permessi o il congedo Legge 104 è consentito, a patto che l’assistenza venga sempre garantita.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

A quali accorgimenti fare attenzione per una vacanza con un disabile?

Organizzare un viaggio per persone con difficoltà motorie e conoscere realmente l’accessibilità delle diverse destinazioni può essere complicato, poiché le informazioni turistiche spesso non sono sufficientemente chiare, se non addirittura inesistenti.

Il concetto di accessibilità dal punto di vista legale si sviluppa sulla base di normative non sempre rispettate e le informazioni turistiche sono spesso descritte dalle associazioni dei disabili come molto confuse.

Per esempio, il simbolo della sedia a rotelle in un hotel indica accessibilità per persone con problemi di mobilità, ma non garantisce che la struttura sia completamente adattata a tutti i tipi di disabilità funzionale.

Come trovare hotel attrezzati per disabili?

Per chi desidera alloggiare in un hotel, è consigliabile richiedere le fotografie delle camere adattate, che includano il bagno, le aree di svago, gli spazi comuni, le piscine e le aree ludiche, assicurandosi che siano prive di barriere architettoniche.

Le caratteristiche principali affinché un hotel possa definirsi accessibile includono:

  • Accesso senza gradini
  • Porte automatiche
  • Tavoli adatti alle sedie a rotelle
  • Corridoi ampi
  • Ascensori
  • Camere spaziose
  • Bagni accessibili
  • Parcheggio vicino all’entrata

Musei e attrazioni accessibili

Un museo accessibile deve garantire non solo l’assenza di barriere architettoniche, ma anche l’accesso alle diverse informazioni e a ciò che è esposto al suo interno.

Prima di visitare un museo con un disabile, è consigliabile, quindi, verificare la presenza di:

  • Rampe con una pendenza massima del 12%
  • Rampe dotate di corrimano, ben segnalate e illuminate
  • Ascensori spaziosi con pulsantiera tattile
  • Bagni accessibili con lavabo senza piedi e toilette ad altezza adeguata

Come organizzarsi per i mezzi di trasporto?

Per quanto riguarda i mezzi di trasporto, è importante, anche in questa situazione, assicurarsi che siano facilmente accessibili per la persona disabile.

Per i viaggi in treno, Trenitalia offre un servizio di assistenza mirata, che comprende l’accoglienza in stazione, l’accompagnamento sul treno e un carrello elevatore per bagagli e carrozzine.

Le compagnie aeree offrono assistenza gratuita ai passeggeri con disabilità, ma è necessario informare la compagnia al momento della prenotazione o almeno 48 ore prima della partenza.

Le persone con mobilità ridotta possono richiedere assistenza gratuita per l’imbarco e lo sbarco sulle navi, nonché durante il viaggio. È importante, però, avere cura di richiedere l’assistenza almeno 48 ore prima della partenza.

Sugli autobus, i disabili hanno il diritto di viaggiare alle stesse condizioni degli altri passeggeri senza costi aggiuntivi. Anche in questo caso, è consigliabile informare per tempo la compagnia delle proprie esigenze per garantire la disponibilità di pedane elevatrici, sedili riservati e blocchi per carrozzine.

Se, infine, si viaggia in auto, è importante scegliere un veicolo adatto alle proprie esigenze. Se si noleggia un veicolo, è importante assicurarsi che abbia un portabagagli ampio e che sia comodo. Potrebbe essere utile, inoltre, richiedere una rampa o un sollevatore elettrico in modo da facilitare l’ingresso della persona disabile.

Individuare le spiagge accessibili

Negli ultimi anni, molte località balneari italiane hanno abbattuto le barriere architettoniche presenti all’interno delle loro strutture, rendendo le spiagge accessibili ai disabili.

Una spiaggia accessibile presenta:

  • Lidi con cabine ampie
  • Passerelle fino al mare per le carrozzine
  • Servizi igienici adeguati ai disabili
  • Personale preparato per gestire le situazioni di assistenza
Come organizzare la vacanza con il congedo 104
Come organizzare la vacanza con il congedo 104: in foto un uomo aiuta un ragazzo in carrozzina a fare il bagno in mare.

FAQ su come organizzare la vacanza con il congedo 104

Durante la fruizione del congedo 104 maturano le ferie?

Durante il periodo in cui si usufruisce del congedo retribuito previsto dalla Legge 104 per assistere un familiare disabile, non si accumulano né le ferie, né la tredicesima mensilità, né il trattamento di fine rapporto.

Chi usufruisce della Legge 104 può essere controllato?

Il datore di lavoro e l’INPS possono entrambi controllare l’uso dei permessi Legge 104, in quanto hanno il diritto di assicurarsi che questi permessi siano utilizzati correttamente, al fine di prevenire abusi o frodi.

Chi prende la 104 deve avere la stessa residenza?

Per ottenere il diritto al congedo straordinario, non è rilevante chi cambia la residenza, ma è fondamentale che il caregiver e il disabile risiedano allo stesso indirizzo.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.

1