Accompagnamento 2024: come richiederlo

Ecco come richiedere l’indennità di accompagnamento 2024 e qual è la documentazione da presentare.
 - 
12/02/2024

Scopri come richiedere l’indennità di accompagnamento (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Come richiedere l’indennità di accompagnamento

Come richiedere l’indennità di accompagnamento presso l’INPS nel 2024? Innanzitutto, per richiederla è fondamentale possedere i certificati specialistici che attestano la patologia del richiedente, preferibilmente rilasciati da strutture pubbliche.

Successivamente, questa documentazione deve essere consegnata al medico di famiglia, il quale trasmetterà all’INPS un certificato medico telematico indicando le patologie dell’assistito e selezionando le richieste per ottenere l’assegno di accompagnamento.

Nel certificato, sarà anche indicata la possibilità di richiedere una visita domiciliare nel caso in cui l’assistito non possa spostarsi o abbia difficoltà a deambulare.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Come richiedere l’indennità di accompagnamento: la procedura

Dopo l’invio del certificato medico, è possibile presentare la domanda di accompagnamento all’INPS in due modi:

  • tramite l’ufficio del patronato, che deve gestire la pratica gratuitamente;
  • autonomamente, utilizzando lo SPID, la Carta di Identità Elettronica o la Carta Nazionale dei Servizi sul servizio online dell’INPS dedicato all’indennità di accompagnamento per persone non deambulanti o con bisogno di assistenza continua.

Al patronato è richiesto di ricevere la seguente documentazione:

  • il certificato medico inviato telematicamente all’INPS;
  • il documento d’identità e il codice fiscale del richiedente;
  • l’indirizzo di residenza, lo stato civile, la data di matrimonio e il codice fiscale del coniuge, se presente;
  • il codice IBAN dell’assistito per l’accredito dell’assegno di accompagnamento;
  • la data del ricovero, se avvenuto, in strutture ospedaliere pubbliche e private convenzionate.

Indennità di accompagnamento, ricordate la domanda che bisogna presentare ogni anno, la dichiarazione di responsabilità. Si tratta di un documento obbligatorio, serve per attestare che l’assistito non è ricoverato in una struttura sanitaria a carico dello Stato. Come funziona, come si presente e chi può farla una sola volta.

Come compilare la domanda online

Per presentare la domanda autonomamente, è necessario accedere al servizio online dell’INPS dedicato all’indennità di accompagnamento per gli invalidi civili.

Successivamente, bisogna inserire nella sezione Anagrafica i dati personali del richiedente, i contatti, i recapiti dei familiari e autorizzare eventuali comunicazioni telefoniche.

Inoltre, è richiesta la documentazione d’identità e la cittadinanza, con indicazione dei dati del permesso di soggiorno se si è extracomunitari.

Accompagnamento fino a che età? Esiste un limite di età oltre il quale non è più possibile richiedere o beneficiare dell’assegno di accompagnamento? Scopriamolo insieme.

Documentazione necessaria per la visita medica

Dopo l’invio della domanda, si riceverà la convocazione alla visita medica da parte della Commissione degli invalidi civili competente, tramite SMS o sulla cassetta postale online dell’assistito.

Alla visita, è necessario portare il documento e la tessera sanitaria dell’assistito, il certificato telematico INPS del medico curante e tutte le visite specialistiche in originale e copia.

In presenza di determinate condizioni sanitarie è possibile ottenere l’indennità di accompagnamento a 1500 euro al mese. Ecco quali sono queste condizioni.

Importo e modalità di pagamento dell’indennità di accompagnamento

L’importo dell’indennità di accompagnamento nel 2024 è di 531,76 euro per 12 mensilità.

L’indennità non prevede la tredicesima, non è soggetta a ritenute IRPEF e non viene inclusa nell’ISEE.

Per rinnovare l’indennità di accompagnamento, è necessario compilare il modello ICRIC entro il 31 marzo di ogni anno.

Scopri come spendere l’indennità di accompagnamento e se ci sono limiti di spesa o di utilizzo.

come richiedere l'indennità di accompagnamento
Come richiedere l’indennità di accompagnamento. Nella foto: un uomo in sedia a rotelle.

Requisiti per ottenere l’indennità di accompagnamento 2024

Secondo l’art. 1 della Legge 508 del 1988, l’indennità di accompagnamento è riconosciuta a:

  • residenti in Italia;
  • cittadini comunitari ed extracomunitari con permesso di soggiorno di lungo periodo CE;
  • stranieri extracomunitari titolari di permesso di soggiorno di almeno un anno;
  • minori di 18 anni con persistenti difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età.

Vediamo come cambiano gli importi, le soglie di reddito e quelle che danno accesso all’incremento al milione per la pensione di inabilità civile 2024. Si tratta di modifiche sostanziali che possono influire sulla concessione o meno di questa misura assistenziale. Vediamo nel dettaglio.

Compatibilità e cumulabilità dell’assegno di accompagnamento

L’indennità di accompagnamento non è compatibile con la pensione di invalidità per causa di guerra o le pensioni di invalidità per lavoro o servizio.

Tuttavia, è cumulabile con altre prestazioni, la pensione di invalidità civile (fino a 67 anni di età), la pensione di inabilità civile e non incide sull’Assegno di inclusione.

Ecco cosa prevede l’Assegno di inclusione per persone con disabilità al 100 per cento, come si effettua il calcolo dell’importo spettante e quanto si prende.

FAQ su come richiedere l’indennità di accompagnamento

Gli anziani possono richiedere l’accompagnamento?

Sì, gli anziani possono richiedere l’accompagnamento. L’invalidità civile è una misura di sostegno destinata a coloro che hanno una riduzione permanente della capacità lavorativa. L’accompagnamento, invece, è previsto per coloro che necessitano di assistenza continua a causa di gravi limitazioni nella sfera motoria o mentale. Ricordiamo che le pensioni di invalidità vengono erogate fino al compimento dei 67 anni, mentre per l’indennità di accompagnamento non ci sono limiti di età e di reddito.

Si può chiedere l’accompagnamento per malati oncologici?

Assolutamente sì, i malati oncologici possono chiedere l’accompagnamento. La presenza di una malattia oncologica può comportare significative difficoltà nella vita quotidiana e quindi potrebbe rientrare nei criteri per ottenere tali benefici.

Posso chiedere l’accompagnamento e la Legge 104 contemporaneamente?

Sì, è possibile richiedere l’invalidità civile, l’accompagnamento e la Legge 104 contemporaneamente. La Legge 104 è una normativa che prevede misure di sostegno per i lavoratori dipendenti e per i familiari che assistono persone con disabilità gravi o non autosufficienti. L’invalidità civile e l’accompagnamento possono rientrare nei benefici previsti dalla Legge 104.

Con l’accompagnamento posso guidare?

Sì, chi possiede l’accompagnamento può guidare. Questi benefici non precludono la possibilità di guidare un veicolo. Tuttavia, è importante rispettare le norme del codice della strada e, se necessario, utilizzare specifici adattamenti o dispositivi.

Con l’invalidità civile e l’accompagnamento posso lavorare?

Assolutamente sì, chi ha l’accompagnamento può lavorare. Questi benefici non impediscono l’accesso al mondo del lavoro. Inoltre, esistono specifiche agevolazioni e tutele previste per favorire l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:

Your Title Goes Here

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

Entra nei gruppi

Ricevi ogni giorno gratis e senza spam i migliori articoli sull’invalidità e sulla Legge 104. Scegli il gruppo che ti interessa:

Telegram (Consigliato) / privacy

WhatsApp / privacy

Facebook

Importante:

  • Sul gruppo Telegram è possibile commentare le notizie e confrontarsi in chat;
  • Sul gruppo WhatsApp non si può scrivere, pubblichiamo noi le notizie due volte al giorno;
  • I post nel gruppo Facebook sono moderati. Pubblichiamo solo quelli utili alla comunità. I commenti sono liberi, ma controllati.

Ci riserviamo di bannare ed escludere dai gruppi persone violente/aggressive o che si comportano contro i nostri valori.